Politics

Di

Editore: Guanda (Narratori della Fenice)

3.2
(236)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 260 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Portoghese , Tedesco , Finlandese

Isbn-10: 8882466256 | Isbn-13: 9788882466251 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Riccardo Cravero

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace Politics?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Che cosa fa sì che Nana si ritrovi (consenziente) legata alla testiera del letto mentre Moshe (maldestramente) cerca di sodomizzarla? Moshe è un giovane attore teatrale di talento. È di origine ebraica, vive a Londra, e ha un corpo di cui non va affatto fiero. Nana è una bellissima studentessa di architettura con un debole per il Bauhaus e un affetto prioritario per suo padre. Dopo un breve corteggiamento finalmente Moshe e Nana finiscono a letto. A Nana a dire il vero il sesso non interessa molto. Tuttavia cerca non solo di assecondare Moshe, ma addirittura di rilanciare la posta coinvolgendo nel ménage anche l'amica Anjali.
Ordina per
  • 2

    Che ti è successo, Milan Kundera?

    Ho letto questo libro più che altro attirata da una recensione di Milan Kundera (che ho adorato), riguardante l'ultima fatica di Thirlwell, "La fuga" - che, dato i contenuti di "Politics", avrebbe pur ...continua

    Ho letto questo libro più che altro attirata da una recensione di Milan Kundera (che ho adorato), riguardante l'ultima fatica di Thirlwell, "La fuga" - che, dato i contenuti di "Politics", avrebbe pure potuto avere la prima vocale diversa. Ma vabbè, io al vecchio caro Milan (anche l'altro Milan, prima che Mr B. me lo rubasse), dissidente, critico nei confronti di ogni tipo di oppressione, sono molto affezionata. Poi non so cosa gli è successo. Ha iniziato a scrivere in francese come lingua madre e ha perso tutta la sua spinta vitale e critica. Il "secondo" Kundera non mi è più piaciuto. Con "L'immortalità" la sua produzione significativa è terminata. E lui, a mio modesto avviso, si è un po' rincoglionito. Ciò nonostante, se me lo trovo davanti, di sicuro vado in totale adorazione. Per il Kundera che mi ha accompagnato nell'adolescenza.
    Tutto questo per dire che, visto che "Politics" aveva critiche migliori di "La fuga", appunto caldeggiato da Kundera, ho optato per il primo. The Times scrive: "Uno degli esordi più divertenti, brillanti e originali degli ultimi anni". Ma si sa, il british humour non è mai stato il mio forte. Non lo capisco. Non mi fa ridere. Ho trovato "Politics" una accozzaglia di nonsense, con sesso random e nemmeno raccontato in modo divertente (e neanche serio). Stupidino, ecco, per usare un aggettivo che odio, sciocco e senza un filo conduttore. Manca di sostanza. Ho trovato difficile la lettura, anche se il libro è molto leggero, ma per nulla coinvolgente. Ripetitivo, senza storia. Ma a Milan Kundera Thirlwell piace, per cui, per la proprietà transitiva, avrebbe dovuto piacere anche a me. Peccato che sia "il secondo" Milan.

    ha scritto il 

  • 0

    Fatto senza precedenti,almeno nella mia libreria: niente stelline nel firmamento di Politics. Perchè mai questo affronto? Non sarà degno nemmeno di una misera stellina? Mi avrà sconvolta o messa a dis ...continua

    Fatto senza precedenti,almeno nella mia libreria: niente stelline nel firmamento di Politics. Perchè mai questo affronto? Non sarà degno nemmeno di una misera stellina? Mi avrà sconvolta o messa a disagio fino a tal punto? No. Evitando la falsa modestia credo di averlo capito come libro, credo di averlo anche apprezzato ma il punto è che non riesco a inquadrarlo perchè non ho mai letto niente di simile. Banalmente e senza spoleir, a nessuno piacciono gli spoiler e da amante dei libri mi sento buona e sostengo che nessuno meriti gli spoiler; divagazioni a parte la storia è incentrata principalmente su tre personaggi che in un modo o nell'altro creeranno una relazione. Di che natura e con quali conseguenze starà a voi scoprirlo. Certo nel libro c'è molto sesso ma non si tratta nemmeno di una sorta di 50 sfumature britanniche di grigio.Quello che mi ha disorientata è il modo in cui il giovane autore ha deciso di impostare la narrazione. Perchè più che una lettura mi è sembrato un vero e proprio dialogo tra me e lo scrittore, una sorta di analisi e solo per caso il tutto è stato incentrato sul particolare caso che ha visto coinvolti Moshe, Nana e Anjali (questo il nome della profana trinità). Non sono ancora in grado di decidere se questo coinvolgimento, questa "riflessione guidata" per l'intera narrazione,mi sia piaciuta. Non lo so. Però so che se fossi in voi e stessi cercando qualcosa di nuovo da leggere, gli darei una chance.

    ha scritto il 

  • 2

    l'autore voleva scrivere un libro di sesso ma non ha avuto il coraggio di farlo pienamente e l'ha mascherato (male) in una sexy commedia con velleità di romanzo intelligente!!

    ha scritto il 

  • 2

    Ho provato a resistere al fastidio della continua intromissione dell'autore nella scorrevolezza del testo...ma non ce l'ho fatta. Sarà anche piaciuto, Thirlwell sarà stato anche un giovane astro nasce ...continua

    Ho provato a resistere al fastidio della continua intromissione dell'autore nella scorrevolezza del testo...ma non ce l'ho fatta. Sarà anche piaciuto, Thirlwell sarà stato anche un giovane astro nascente della letteratura (vedi recensioni) ma secondo me il libro è ampiamente sopravvalutato. Non credo proprio di rileggerlo in futuro.

    ha scritto il 

  • 5

    Politics

    Che cosa fa sì che Nana si ritrovi (consenziente) legata alla testiera del letto mentre Moshe (maldestramente) cerca di sodomizzarla? Moshe è un giovane attore teatrale di talento. È di origine ebraic ...continua

    Che cosa fa sì che Nana si ritrovi (consenziente) legata alla testiera del letto mentre Moshe (maldestramente) cerca di sodomizzarla? Moshe è un giovane attore teatrale di talento. È di origine ebraica, vive a Londra, e ha un corpo di cui non va affatto fiero. Nana è una bellissima studentessa di architettura con un debole per il Bauhaus e un affetto prioritario per suo padre. Dopo un breve corteggiamento finalmente Moshe e Nana finiscono a letto. A Nana a dire il vero il sesso non interessa molto. Tuttavia cerca non solo di assecondare Moshe, ma addirittura di rilanciare la posta coinvolgendo nel ménage anche l'amica Anjali. (ibs.it).. ricordo che quando lo lessi mi piacque molto.. non è una lettura per tutti, a sfondo puramente sessuale può essere però simpatico!

    ha scritto il 

  • 5

    el primer libro de este hombre, politica, me encanto. iba sobre un triangulo amoroso con un puntito pelin subido en el terreno sexual, estaba divinamente escrito y me engancho a mas no poder la normal ...continua

    el primer libro de este hombre, politica, me encanto. iba sobre un triangulo amoroso con un puntito pelin subido en el terreno sexual, estaba divinamente escrito y me engancho a mas no poder la normalidad de sus personajes.
    el escritor es un yogurin con cara de tocar en un grupeto indie, que gracias a tan solo el primer capitulo de este libro, fue publicado en la revista Granta como uno de los 30 mejores escritores jovenes ingleses(en ediciones anteriores estaba McEwan, Ishiguro, Rushdie, Roth...).
    un pedazo de libro, que disfrute a mas no poder.

    ha scritto il 

  • 4

    Come ci tiene a ribadire lui, questa è tutt'altro che una storia di sesso. Vi convincerete che è così, ma alla fine, solo alla fine, quando avrete chiuso il libro, fatto un giretto per sgranchirvi le ...continua

    Come ci tiene a ribadire lui, questa è tutt'altro che una storia di sesso. Vi convincerete che è così, ma alla fine, solo alla fine, quando avrete chiuso il libro, fatto un giretto per sgranchirvi le gambe, mangiato un'albicocca, fatto pipì, - vi renderete conto che ha ragione quando dice che questo è un romanzo riguardante la morale. e l'egoismo. e anche l'amore, certo: del resto, come si fa a lasciar fuori l'amore da un triangolo erotico. Politics è brillante e fugace. Ti insegna a guardare le cose da mille prospettive diverse.

    ha scritto il 

  • 3

    Politics

    l'avevo preso nel 2005, letto il primo capitolo che inizia con una scena di sesso, l'avevo messo da parte.
    L'ho ripreso una settimana fa e l'ho letto tutto d'un fiato.
    dicono che if a book is worth re ...continua

    l'avevo preso nel 2005, letto il primo capitolo che inizia con una scena di sesso, l'avevo messo da parte.
    L'ho ripreso una settimana fa e l'ho letto tutto d'un fiato.
    dicono che if a book is worth reading than it is worth buying.

    questo è un libro che se te lo prestano is worth reading, ma non lo comprerei di nuovo. o forse si?

    ha scritto il