Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pompei

Di

Editore: Mondadori

3.7
(1528)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Spagnolo , Chi tradizionale , Finlandese , Catalano , Chi semplificata , Ceco , Olandese , Russo , Polacco , Portoghese , Rumeno

Isbn-10: A000064983 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , Altri

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Pompei?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    E' la prima volta che leggo Harris e ne sono rimasta affascinata. Scrive davvero bene, una storia che ti cattura fin dalle prime pagine e ti trasporta indietro nel tempo,fin sulle pendici del Vesuvio di così tanti anni fa. Le sue descrizioni delle città dell'epoca sono splendide,sembra di essere ...continua

    E' la prima volta che leggo Harris e ne sono rimasta affascinata. Scrive davvero bene, una storia che ti cattura fin dalle prime pagine e ti trasporta indietro nel tempo,fin sulle pendici del Vesuvio di così tanti anni fa. Le sue descrizioni delle città dell'epoca sono splendide,sembra di essere davvero li, di passeggiare per quelle vie e di respirare l'atmosfera di allora. Con una nota di malinconia per lo splendore passato della zona la storia aumenta di ritmo fino a diventare incalzante e angosciante, perché sappiamo tutti come andrà a finire. Amore, potere, politica, tutto si mescola in questo tuffo di due giorni in un'epoca perduta,ma mai dimenticata. Consigliato vivamente a tutti gli amanti dei romanzi storici.

    ha scritto il 

  • 3

    Se supone que trata sobre la erupción del Vesubio que destruyó Pompeya pero a mí me ha parecido más un tratado de hidráulica por las descripciones excesivamente detalladas de cómo se canalizaba y distribuía el agua en la Antigua Roma.
    http://buscapina7.blogspot.com.es/2014/08/pompeya.html<… ...continua

    Se supone que trata sobre la erupción del Vesubio que destruyó Pompeya pero a mí me ha parecido más un tratado de hidráulica por las descripciones excesivamente detalladas de cómo se canalizaba y distribuía el agua en la Antigua Roma.
    http://buscapina7.blogspot.com.es/2014/08/pompeya.html

    ha scritto il 

  • 3

    Non è che ci abbia messo un anno per leggerlo.... lo avevo abbandonato alla seconda pagina per imprevisti impegni ma l'ho ripreso e in due giorni l'ho fatto fuori!! E' un romanzo molto carino, c'è una buona e fantasiosa ricostruzione storica dei due giorni che precedettero l'eruzione del Vesuvio ...continua

    Non è che ci abbia messo un anno per leggerlo.... lo avevo abbandonato alla seconda pagina per imprevisti impegni ma l'ho ripreso e in due giorni l'ho fatto fuori!! E' un romanzo molto carino, c'è una buona e fantasiosa ricostruzione storica dei due giorni che precedettero l'eruzione del Vesuvio e la la distruzione di Pompei ed Ercolano del 79 d.C.. Il protagonista è un "aquarius" ossia un capo costruttore dell'acquedotto romano che si reca a Pompei per riparare una falla nelle condutture e accidentalmente per scoprire che fine abbia fatto il suo predecessore misteriosamente scomparso. Harris è quello di Fatherland e qui non raggiunge quelle vette romanzesche, ma comunque il libro è gradevole, si fa leggere con piacere.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Inizia tutto con una cocente settimana di agosto. La realtà romana è quella nobiliare, delle ricche ville in cui lavorano degli schiavi che sono sottoposti a ingiustizie. E' proprio dall'episodio che coinvolge uno degli schiavi che entra in azione l'ingegnere Marco Attilio, responsabile dell'Aqua ...continua

    Inizia tutto con una cocente settimana di agosto. La realtà romana è quella nobiliare, delle ricche ville in cui lavorano degli schiavi che sono sottoposti a ingiustizie. E' proprio dall'episodio che coinvolge uno degli schiavi che entra in azione l'ingegnere Marco Attilio, responsabile dell'Aqua Augusta, fatto costruire da Ottaviano, che procura rifornimento idrico a nove città del golfo di Napoli. Il predecessore di Attilio è scomparso misteriosamente e, dopo varie vicende, si scopre che le sorgenti si stanno esaurendo. Eccetto che a Pompei, l'acqua scarseggia. Attilio si reca quindi in questa città che è un vero e proprio centro del lusso sfrenato, in cui Ampliato, liberto molto arricchito, è ormai il boss. Ovviamente il protagonista non può e non vuole avere una vita semplice, quindi decide bene di innamorarsi della figlia di Ampliato, Corelia. La storia d'amore rimane però sempre marginale, sebbene il finale sia degno degli episodi più romantici narrati da film hollywoodiani. Certamente, la causa di tutti gli sconvolgimenti è il Vesuvio che sta per eruttare, ma ognuno fa finta di niente, anzi, sembra quasi che nemmeno si accorgano di avere un vulcano attivo sulle proprie teste, finchè Attilio con lo zelo di un detective non si mette alla ricerca di quel qualcosa che era già stato scoperto dal suo predecessore, Esomnio.
    Nello scenario si inserisce anche e soprattutto Plinio il Vecchio, l'ammiraglio, che ha la nave ormeggiata a Miseno e che a causa della sua insaziabile curiosità per il fenomeno naturale che si sta verificando, finisce, come la storia ci tramanda, per morire.
    Libro consigliato per rivivere le atmosfere di una società lontana nel tempo dalla nostra, ma non troppo diversa per usi e mentalità, congegnato con un carattere narrativo scorrevole e una suddivisione del genere "cronaca". La suspence è introdotta da un "conto alla rovescia" all'incipit di ogni capitolo. Può essere più noioso nella parte iniziale, mentre l'interesse aumenta verso la fine, quando la catastrofe si sta svolgendo e le azioni si fanno più movimentate. L'autore si è soffermato su una minuziosa descrizione dei costumi romani, sul funzionamento dell'acquedotto, sulla vita sregolata e lussuriosa dei ricconi, talvolta tralasciando un po' la storia.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    spaccato di vita su un mondo congelato

    Mi è piaciuto moltissimo questo libro soprattutto per le accurate descrizioni del funzionamento e della conformazione degli acquedotti.


    Lo stile è scorrevole ma un po' didattico (l'autore è infatti un professore di storia), cosa che dopo un po' rischia di infastidire.


    Imperdonabili, ...continua

    Mi è piaciuto moltissimo questo libro soprattutto per le accurate descrizioni del funzionamento e della conformazione degli acquedotti.

    Lo stile è scorrevole ma un po' didattico (l'autore è infatti un professore di storia), cosa che dopo un po' rischia di infastidire.

    Imperdonabili, tuttavia, sono:
    - l'uso del sistema metrico decimale: avrei preferito leggere le misure in palmi e piedi, con una nota a pie' di pagina "un piede romano corrisponde a circa 27,5 cm"
    - il finale altamente improbabile e volutamente lasciato aperto(ho messo l'avviso SPOILER): non capisco per quale motivo si sia così refrattari a far morire i personaggi alla fine, quando è già tutto scritto nella storia. Avrei preferito vederli morire abbracciati e rimanere pietrificati nella storia anziché leggere "si narra che tue giovani scapparono attraverso i percorsi sotterranei degli acquedotti" perché questo è impossibile! chi si trovava a Pompeii, anche i più furbi che pensarono di ripararsi nel sottosuolo (ogni casa nobile aveva un bacino per le acque sotterraneo) morirono per soffocamento da calcificazione polmonare per l'inalazione di microparticolato...

    ha scritto il 

  • 4

    Questo romanzo mi è piaciuto molto, forse perché è completamente diverso da ciò che mi aspettavo. L’autore ricostruisce tutta la fase precedente all’eruzione del 79 d.c., mescolando gli eventi “naturali” con una serie di vicende intriganti. I personaggi sono credibili e nonostante qualche impreci ...continua

    Questo romanzo mi è piaciuto molto, forse perché è completamente diverso da ciò che mi aspettavo. L’autore ricostruisce tutta la fase precedente all’eruzione del 79 d.c., mescolando gli eventi “naturali” con una serie di vicende intriganti. I personaggi sono credibili e nonostante qualche imprecisione storica qua e là (che dà fastidio, ma non tanto da farti lanciare il libro contro il muro) tutto scorre via liscio, fino a… Beh. Sappiamo tutti dove andrà a parare un romanzo intitolato “Pompei”. Il bello è scoprire come ci arriva e come riesce a costruire una storia avvincente, afflitta dalle ingiustizie sociali tipiche dell’epoca e fondata sulla corruzione, che oggi come allora resta uno dei maggiori mali della società. Uno di quei mali che vanno puniti severamente. Anche con una pioggia di fuoco, volendo.

    ha scritto il 

  • 4

    Pompei, 79 d.C. Mancano solo due giorni all'immensa eruzione del Vesuvio. È un'afosa settimana di fine agosto. Lungo la costa i ricchi oziano nelle ville di lusso. Attorno a loro, invisibili, si muovono gli schiavi costretti a subire l'ingiustizia della propria condizione. La flotta navale stazio ...continua

    Pompei, 79 d.C. Mancano solo due giorni all'immensa eruzione del Vesuvio. È un'afosa settimana di fine agosto. Lungo la costa i ricchi oziano nelle ville di lusso. Attorno a loro, invisibili, si muovono gli schiavi costretti a subire l'ingiustizia della propria condizione. La flotta navale staziona pacifica nel porto di Miseno. In questo clima di calma apparente, solo un uomo è preoccupato: l'ingegnere Marco Attilio, da poco responsabile dell'Aqua Augusta, l'imponente acquedotto che rifornisce nove città del golfo. Giunto in tutta fretta da Roma dopo che il suo predecessore è scomparso misteriosamente, Attilio si rende conto che le sorgenti, per la prima volta da tempo immemorabile, si stanno esaurendo e si mescolano con lo zolfo.

    ha scritto il 

Ordina per