Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pop

Andy Warhol racconta gli anni Sessanta

Di ,

Editore: Meridianozero

4.1
(50)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 348 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8882371816 | Isbn-13: 9788882371814 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Curatore: Gaia Guarienti

Disponibile anche come: Altri

Genere: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature

Ti piace Pop?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Indipendentemente dal valore che si vuole attribuire a Andy Warhol come artista, il suo vero ruolo è stato quello di profeta. In Pop questo inquietante personaggio dai capelli argentati e dai modi femminei analizza con distacco da automa cos’è il pop per rivelarci, pagina dopo pagina, che il pop altro non è che il mondo in cui viviamo. Anche quando ci illudiamo di trasgredire siamo ancora lì, a rimescolare lo stesso mazzo di carte che Warhol ha messo sul tavolo per primo. Il voyeurismo dei reality show è pop, il tutto e subito è pop, la fama a prescindere dal merito è pop, la ricerca ossessiva della visibilità è pop. Ma Pop non è un trattato, è un torrenziale fluire di aneddoti punteggiato di acutissime intuizioni, è la storia di una scalata al successo e di una rivoluzione artistica e di costume, soprattutto è il ritratto di dieci anni di scatenata vita newyorkese. I personaggi di questo libro, siano divi come Bob Dylan e Mick Jagger o eccentrici sconosciuti ormai dimenticati, vivono vite irreali, in cui non esistono il peso del quotidiano e la fatica del dovere, ma solo il sacro e folle compito di scoprire il proprio limite attraverso il sistematico dérèglement di tutti i sensi. Le figure più struggenti sono proprio quelle i cui nomi, oggi, non dicono nulla, che hanno brillato per un attimo e solo della luce riflessa di Warhol, lo spietato burattinaio-vivisettore accanto al quale era quasi impossibile non bruciarsi.
Ordina per
  • 4

    favolosi quegli anni

    Libro che va letto se si vogliono capire le origini della pop art, il suo momento di massimo splendore e conoscere i suoi principali protagonisti. A me ha fatto anche ridere e riflettere.

    ha scritto il 

  • 2

    praticamente è im elenco di persone, vie e locali nelel quali queste persone si sono viste e conosciute. alla fine si risolve per essere un noiosissimo elenco della spesa. se si pensa che è warhol ...continua

    praticamente è im elenco di persone, vie e locali nelel quali queste persone si sono viste e conosciute. alla fine si risolve per essere un noiosissimo elenco della spesa. se si pensa che è warhol che sta parlando delal factory non ci si crede. è più eccitante il più noiso racconto delle vacanze letto su facebook. alla fien si esce dal libro pensando che warhol fosse una macchietta vuota ed inutile con un briciolo di talento grafico e la passione per gli estremi (degli altri), dato che lui si guarda bene dal rovinarsi, come fanno invece la maggior parte delel persone che gli piace avere accanto. dicamo che pasa la curiosistà di leggere qualunque altra cosa abbia fatto o scritto lui ed invece gettarsi a capofitto sui lavori degli altri.

    ha scritto il 

  • 5

    Essenziale

    Non è un libro per tutti e non è un libro esattamente facile. E' un libro che parla di un determinato contesto, dove ci sono tanti fatti e tanti nomi che si dovrebbero conoscere prima per non ...continua

    Non è un libro per tutti e non è un libro esattamente facile. E' un libro che parla di un determinato contesto, dove ci sono tanti fatti e tanti nomi che si dovrebbero conoscere prima per non perdersi. Detto questo, si tratta di un libro meraviglioso, una prosa da cui traspare un animo curioso e un'intelligenza vivace, un incantevole racconto nell'atmosfera della New York degli anni 60, della vita degli artisti e della gente che abitava quella città, la nascita e lo scoppio della Pop Art, i pettegolezzi e i retroscena di quello che accadeva nella Factory di Warhol, la moda, le abitudini, insomma, un testo fondamentale per capire la cultura e l'arte americana degli anni 60.

    ha scritto il 

  • 5

    era impossibile capire se il loro problema era la mancanza di intelligenza o la mancanza di equilibrio mentale

    una cosa che mi è sempre piaciuta è ascoltare ciò che la gente pensa di altra gente, ...continua

    era impossibile capire se il loro problema era la mancanza di intelligenza o la mancanza di equilibrio mentale

    una cosa che mi è sempre piaciuta è ascoltare ciò che la gente pensa di altra gente, perché ti fa capire molte cose sia della persona di cui si parla che di quella che ne parla. si chiama pettegolezzo naturalmente ed è una delle mie ossessioni

    interessante, scorrevole, a tratti molto intelligente e divertente. leggetevelo!

    ha scritto il 

  • 5

    Swingin' New York

    Quando la Meridiano Zero si aggiudicò i diritti di questo libro, l'editore (Marco Vicentini) ricevette i complimenti dalla Mondadori. Perché questa non è un'opera minore di Warhol, ma uno ...continua

    Quando la Meridiano Zero si aggiudicò i diritti di questo libro, l'editore (Marco Vicentini) ricevette i complimenti dalla Mondadori. Perché questa non è un'opera minore di Warhol, ma uno strabiliante racconto degli anni Sessanta alla Factory. Lo leggi e ti mangi le mani perché non c'eri, ma un po' ci sei stato grazie a queste pagine. Wow.

    ha scritto il