Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Popwar

Il NetAttivismo contro l'ordine costituito

Di ,

Editore: Apogeo

4.0
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 176 | Formato: Altri

Isbn-10: 8850321554 | Isbn-13: 9788850321551 | Data di pubblicazione: 

Genere: Computer & Technology

Ti piace Popwar?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una rassegna delle varie forme di "Net-attivismo", cioè di attivismopolitico-tecnologico, che ha i suoi strumenti e il suo campo di battaglianella rete. Un tentativo di inquadrare e capire quello che sta succedendo inun mondo, che ha punti di contatto con i movimenti "no global", ma non vi siidentifica. Un'analisi del significato sociale e politico di questi fenomeni,una riflessione sui possibili sviluppi e sulle reazioni delle societàinformatiche e di telecomunicazioni, con particolare attenzione ai problemilegati al diritto all'accesso, alla libertà di espressione, alla proprietàintellettuale.
Ordina per
  • 4

    Una panoramica sul Net-Attivismo

    "Quello che segue è un elenco di misfatti..." (La reazione dell'Ordine Costituito, pag. 79)

    La tecnologia vista dalla parte degli utenti e dei loro utilizzi "alternativi" o come avrebbe scritto M. De Certeau "la produzione del consumo".

    Argomenti (e tendenze) trattate:
    - Smart ...continua

    "Quello che segue è un elenco di misfatti..." (La reazione dell'Ordine Costituito, pag. 79)

    La tecnologia vista dalla parte degli utenti e dei loro utilizzi "alternativi" o come avrebbe scritto M. De Certeau "la produzione del consumo".

    Argomenti (e tendenze) trattate:
    - Smart Mob
    - Wardriving e Warchalking
    - Freenetwork
    - Cyberpunk, Sousveillance e Hacktivism
    - P2P/file Sharing/ModChips
    - Weblog e Wiki
    - Open Channel e Telestreet
    - Battaglie di PopWar: diritto alla libera riproduzione di informazioni e contenuti, diritto alle infrastrutture comunicative, diritto all'anonimato dell'utente e alla privacy del cittadino".

    ha scritto il