Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Por trece razones

By

Publisher: Ediciones Ámbar

3.7
(926)

Language:Español | Number of Pages: 223 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Italian , Catalan , Swedish , German , French , Portuguese

Isbn-10: 8493678449 | Isbn-13: 9788493678449 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Mass Market Paperback

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Teens

Do you like Por trece razones ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Clay Jensen es un adolescente como cualquier otro que encuentra una misteriosa caja sin remitente dirigida a su nombre. El contenido no es otro que una serie de cintas de grabación que parece haberle enviado Hannah, una compañera de clase que no hace ni dos semanas que se ha suicidado. A pesar del desconcierto que supone volver a oír la voz de Hannah, Clay descubrirá que él es una de las trece personas escogidas para escuchar su historia, en la que se detallan las trece razones por las cuales ha decidido poner fin a su vida.
¿Qué razones son esas y que tiene que ver él con ellas? A lo largo del día, Clay se irá obsesionando con las grabaciones y hasta recorrerá la ciudad con un mapa que ella misma le ha proporcionado. Hannah irá desgranando poco a poco su vida en un intento de poner de manifiesto no sólo las consecuencias, grandes o pequeñas, de las cosas que hacemos y que cambian el mundo, sino de las que por miedo o inseguridad dejamos de hacer.
Sorting by
  • 2

    Mediocre

    L’idea di fondo e le premesse erano buone, ma la storia è stata trattata veramente male. Poteva essere un libro con molti più concetti su cui riflettere. Descrive solo l’esperienza di una ragazza fond ...continue

    L’idea di fondo e le premesse erano buone, ma la storia è stata trattata veramente male. Poteva essere un libro con molti più concetti su cui riflettere. Descrive solo l’esperienza di una ragazza fondamentalmente debole, superficiale e stupida che decide di suicidarsi per una serie di motivi altrettanto stupidi e banali. Il pensiero poi, corre subito a tutte quelle persone che i problemi li hanno davvero…
    Non sono riuscita a provare pena per la protagonista, anzi! Alla fine questa Hanna non è meglio delle persone contro le quali punta il dito, coloro che presumibilmente hanno contribuito alla sua patetica scelta.
    Oltretutto i fatti più gravi che vengono raccontati non sono capitati a lei personalmente.
    Questa è l’ennesima conferma del fatto che i best sellers, non sono sinonimo di qualità.

    said on 

  • 5

    Il libro, scritto da Jay Asher, è un thriller psicologico che narra le vicende di Hannah Baker, una ragazza morta suicida. Un suicidio premeditato e ben architettato, al punto che Hannah decide di reg ...continue

    Il libro, scritto da Jay Asher, è un thriller psicologico che narra le vicende di Hannah Baker, una ragazza morta suicida. Un suicidio premeditato e ben architettato, al punto che Hannah decide di registrare tredici lati di sette cassette, che poi numera con dello smalto blu, in cui racconta tredici avvenimenti che ha avuto con altrettante persone, i motivi che l’hanno spinta al suicidio e le sue riflessioni.

    Recensione completa qui: http://lisa.forumcommunity.net/?t=57846948

    said on 

  • 1

    All'inizio mi è sembrata un'idea originale, la prima storia poteva corroborare questa idea, poi ho realizzato che si tratta di un romanzo per adolescenti per cui il contenuto può essere considerato qu ...continue

    All'inizio mi è sembrata un'idea originale, la prima storia poteva corroborare questa idea, poi ho realizzato che si tratta di un romanzo per adolescenti per cui il contenuto può essere considerato quasi pericoloso. Ad una certa età la morte sembra distante per cui quasi ci si flirta e l'idea del suicidio poi....così "romantica"...mentre è solo un atto di estremo egoismo. Detto questo Hannah Baker ha deciso di suicidarsi, ingigantendo i problemi, incurante dei genitori (che peraltro stanno passando un brutto momento, piccoli negozianti schiacciati dal grande centro commerciale) e non parlando con nessuno, anzi sentendosi non capita, vittima.Due volte potrebbe fare la differenza e tutte e 2 le volte non fa nulla. Però si vendica, manda delle cassette (6+1 incisa solo da un lato =13 facciate) con l'intento di colpevolizzare delle persone. Tutto questo ce lo racconta Clay, che per Hannah aveva una cotta. Fine della registrazione.

    said on 

  • 4

    Tre stelle e mezzo!

    Ho apprezzato tantissimo l'idea di fondo delle cassette, con la ricostruzione della vita di Hannah e di ciò che l'ha condotta al suicidio. Un po' meno l'intervallarsi del suo racconto ai pensieri di C ...continue

    Ho apprezzato tantissimo l'idea di fondo delle cassette, con la ricostruzione della vita di Hannah e di ciò che l'ha condotta al suicidio. Un po' meno l'intervallarsi del suo racconto ai pensieri di Clay, che a volte mi hanno un po' confusa. Ma non ho proprio apprezzato Hannah, nè ho provato particolare compassione per lei, perchè tutto sommato ciò che viene raccontato mi sembra che voglia farla apparire come una qualche sorta di eroina da compatire, eppure io non l'ho compatita un granchè ed ho avuto invece la sensazione che Hannah non avrebbe comunque voluto salvarsi - con tutte le opportunità che le sono state concesse.

    said on 

  • 2

    Premesse fantastiche, il risultato molto meno. Cosa è andato storto? Leggi la mia recensione completa qui: http://theperkofbeingareader.blogspot.it/2014/02/13-reasons-of-disappointment-13-di-jay.html ...continue

    Premesse fantastiche, il risultato molto meno. Cosa è andato storto? Leggi la mia recensione completa qui: http://theperkofbeingareader.blogspot.it/2014/02/13-reasons-of-disappointment-13-di-jay.html

    said on 

  • 3

    Una historia que nos muestra cómo puede afectar el Bullyng en las personas, y como deberíamos ser conscientes de como tratamos a los demás, porque todo tiene consecuencias.

    http://lepetitmondedelivres ...continue

    Una historia que nos muestra cómo puede afectar el Bullyng en las personas, y como deberíamos ser conscientes de como tratamos a los demás, porque todo tiene consecuencias.

    http://lepetitmondedelivres.blogspot.com.es/2014/11/por-trece-razones.html

    said on 

  • 2

    Trece excusas para no luchar

    Llevaba mucho tiempo queriendo leer este libro y tenía unas expectativas bastante altas, y quizá por eso le pongo dos estrellas y no tres, por lo mucho que me ha decepcionado. Tras leer algunas reseña ...continue

    Llevaba mucho tiempo queriendo leer este libro y tenía unas expectativas bastante altas, y quizá por eso le pongo dos estrellas y no tres, por lo mucho que me ha decepcionado. Tras leer algunas reseñas y las primeras páginas creí que se convertiría en uno de esos libros que recomendaría a la gente... Pero ahora ya no.

    En realidad, el título "Por trece razones" ni siquiera se ajusta al contenido de la novela. Personalmente creo que "12 Encuentros Desapacibles" habría sido menos impactante, pero más acorde a la realidad.

    Y es que ni nos da trece razones del por qué hizo lo que hizo, ni nos cuenta ninguna experiencia traumática más allá de la dura adolescencia que le permitan justificarse. Simplemente nos muestran a una chica pesimista que se toma cualquier pequeño detalle como algo personal y la prueba de que no tiene control sobre su vida (cómo si alguno lo tuviéramos...) y busca excusas (la 12a es casi hasta difícil de creer) para no ver esas otras pequeñas cosas que hacen bonita la vida y te animan a seguir adelante.

    said on 

  • 5

    Tredici è un libro che da sempre mi incuriosiva, era da tanto in wishlist e finalmente mi sono decisa di acquistarlo e leggerlo e ho fatto più che bene.
    Come avrete capito dalla trama, dovrete aspetta ...continue

    Tredici è un libro che da sempre mi incuriosiva, era da tanto in wishlist e finalmente mi sono decisa di acquistarlo e leggerlo e ho fatto più che bene.
    Come avrete capito dalla trama, dovrete aspettarvi un libro spietato, che vi lascerà senza fiato. Perché Jay Asher nel raccontare la storia, non ha usato mezzi termini, non ha usato nulla per nascondere la sofferenza dei personaggi e la brutalità degli avvenimenti. Questo è un libro indirizzato agli adolescenti, ma secondo me può insegnare qualcosa anche ai più grandi, come capirete negli ultimi capitoli del libro.

    Clay è il protagonista della nostra storia, è un ragazzo come tanti altri, ma da quel giorno la sua vita non sarà più la stessa. Nell'intero libro si parlerà semplicemente di una sola giornata, quella in cui Clay davanti casa, all'uscita da scuola, trova una scatola. Il destinatario è lui, ma non c'è scritto il mittente. Quella scatola, così misteriosa, contiene 7 cassette, in ogni lato c'è scritto un numero con dello smalto blu: precisamente sono 13 numeri. Ma cosa potranno mai contenere quelle cassette? Questo è molto curioso, perché esse contengono le ultime parole di una ragazza morta suicida pochi giorni prima.
    E qui mi fermo, perché non voglio rivelarvi altro e vi assicuro di non avervi fatto spoiler, nonostante possa sembrare che vi abbia rivelato qualcosa già di grosso. Voglio che da soli, scopriate cosa contengono precisamente quelle cassette, voglio che come me anche voi rimaniate colpiti dalle parole contenute in esse.

    L'autore usa un linguaggio semplice, adatto al pubblico al quale è indirizzato il libro. Quindi la lettura procede molto velocemente. Jay Asher riesce, inoltre ad incuriosire il lettore, lasciandogli una morbosa curiosità che lo porterà a voler continuamente leggere la storia, per poter arrivare alla fine e premere STOP insieme al protagonista. Perché come vi dicevo prima, questo libro vi lascerà con il fiato sospeso fino alla fine, vi sembrerà di trattenere il fiato lungo il corso della storia.
    Insomma, è un libro davvero invitante che consiglio a tutti i lettori, perché ha qualcosa da insegnare, ad ognuno di noi. Dire che mi è piaciuto è riduttivo, mi ha proprio stregata. Si merita il massimo dei voti.

    said on 

Sorting by