Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Porca puttana

Manuale dell'allegra battona

Di

Editore: Scipioni (Le curiosità del giardino di Epicuro)

2.3
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 112 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8883641299 | Isbn-13: 9788883641299 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace Porca puttana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Trant'anni fa Gabriele Mazzotta, editore liberale e libertario, comunista e libertino, pubblicò un pamphlet dal titolo provocatorio, "Manuale dell'allegra battona". Fu uno scandalo. Una prostituta racconta come e dove si possa esercitare con profitto l'antico mestiere. Come presentarsi sul mercato, come trattare i "polli" e come meglio spennarli, come prevenire e risolvere gli inconvenienti legati al lavoro, come convivere con il "magnaccia" e sentirsi sempre padrona della situazione. Consigli impartiti senza compiacimenti, ma anche senza rimpianti e recriminazioni. Ci tiene soprattutto a raccomandare alle "lavoratrici del sesso", di non confondere i sentimenti con il mestiere: solo il corpo è in vendita, mai l'anima. L'amore, l'affetto, la tenerezza sono riservati all'uomo della vita. Non si contrabbandano con la vile moneta, per quanto importante. Il linguaggio crudo, ironico, didascalico. Una battona che conosce il vocabolo e l'arte di combinare le parole tra loro, che niente ha da invidiare alle "dotte" escort dei nostri giorni. Il "Manuale" è diventato subito un classico, al pari del contemporaneo "Porci con le ali".
Ordina per
  • 3

    Uno sguardo disincantato e cinico sul "mestiere più antico del mondo", anche se questa definizione, dopo averlo letto, è ancora più amara.
    Il linguaggio è effettivamente crudo come avverte la quarta di copertina e forse per qualcuno può anche essere eccessivo ed offensivo. Però è un linguaggio "t ...continua

    Uno sguardo disincantato e cinico sul "mestiere più antico del mondo", anche se questa definizione, dopo averlo letto, è ancora più amara. Il linguaggio è effettivamente crudo come avverte la quarta di copertina e forse per qualcuno può anche essere eccessivo ed offensivo. Però è un linguaggio "tecnico" come può esserlo qualsiasi altro linguaggio professionale. I brevi scritti prima e dopo la lezione di Anonima sono di poco peso e a tratti inutili. Bella comunque l'idea della casa editrice di riproporre questo libretto.

    Leggendo, ci si rende conto che forse, nel lavoro e nella vita sociale siamo diventati tutti un po' "del mestiere". E allora i punti fermi e le conclusioni dell'autrice vanno oltre i confini dell'argomento e diventano validi a 360°.

    ha scritto il