Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pornoromantica

Di

Editore: Mondolibri

2.8
(307)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 176 | Formato: Tascabile economico

Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Non-fiction

Ti piace Pornoromantica?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    una raccolta di dispense erotiche..

    Purtroppo si sente che questo libro è stato partorito in Italia. Si sente tra le stesse parole della scrittrice quando inveisce contro l'Italia bigotta. Si sente tra le riga stesse, dall'ipocrisia che ne risulta. Ho capito Carolì che volevi fondere il porno col romanticismo, ma secondo me il tent ...continua

    Purtroppo si sente che questo libro è stato partorito in Italia. Si sente tra le stesse parole della scrittrice quando inveisce contro l'Italia bigotta. Si sente tra le riga stesse, dall'ipocrisia che ne risulta. Ho capito Carolì che volevi fondere il porno col romanticismo, ma secondo me il tentativo è fallito. Sei figlia anche tu del bigottismo italiano,lo siamo tutti.

    ha scritto il 

  • 4

    Pornoromantica ovviamente è il mio ideale di donna.
    Pensavo di essere cresciuto con un grande margine di emancipazione con l’enciclopedia della vita sessuale che i miei modernissimi genitori mi avevano fatto leggere sin dall’età di 6 anni.
    Peccato che l’opera si fermava alla fascia d’ ...continua

    Pornoromantica ovviamente è il mio ideale di donna.
    Pensavo di essere cresciuto con un grande margine di emancipazione con l’enciclopedia della vita sessuale che i miei modernissimi genitori mi avevano fatto leggere sin dall’età di 6 anni.
    Peccato che l’opera si fermava alla fascia d’età dai 18 in su e là io sono rimasto per lungo tempo.
    La dottoressa Cutolo, oltre ad avere un grandissimo senso di autoironia, mi aperto le porte su diversi misteri che ancora attanagliano me e la gran parte dei maschi. Dalla gioia più o meno equivalente che la masturbazione riserva anche al genere femminile, con il suo creativissimo grado di artigianalità, al piacere pieno del piacere dell’altro.
    Innanzitutto la sincerità che traspare dal testo fa già metà della strada per rimpiangere di non averla chiesta in sposa, in secundis parlare della materia in sì grande dettaglio senza scadere nel pecoreccio non è affatto banale.
    Parlare con tale scioltezza di quest’argomento non è roba da maschi, che noi si usa misurarci chi ce l’ha più lungo oppure confessarsi nei rari momenti di intimità, 1 o 2 volte nella vita, clamorose defaillance .
    La serendipity della pornoromantica mi procura una consistente invidia.
    Pensavo di trovare una pletora di maschiacci, attratti dal titolo come il sottoscritto, fra i lettori e invece è un libro molto più letto da donne divise fra la snob altezzoso ed un tiepido consenso…ho capito, sarà per forza più simpatica agli uomini che al gentil sesso..

    ha scritto il 

  • 3

    "Non è certo su come si appare agli occhi del mondo che si costruisce la felicità."


    "Il mondo è ancora e sarà sempre un immenso lunapark di prime volte che ci attendono."


    "Tutti hanno un dono, un talento, e nella vita tutto sta nel capire qual'è e farlo valere."


    Non c'è molto ...continua

    "Non è certo su come si appare agli occhi del mondo che si costruisce la felicità."

    "Il mondo è ancora e sarà sempre un immenso lunapark di prime volte che ci attendono."

    "Tutti hanno un dono, un talento, e nella vita tutto sta nel capire qual'è e farlo valere."

    Non c'è molto da dire su questo libro.
    Un "manuale" che parla di sesso, ma non ha la presunzione di insegnare o cose del genere...Anche se, in fondo in fondo, non lascia niente mi è piaciuto il modo in cui la scrittrice parla di sesso con leggerezza.
    Sono curiosa di sapere se le avventure che racconta le ha vissute in prima persona!
    Do tre stelle perchè...così, dai!Non è nulla di che come libro...Quindi, se volete leggerlo leggetelo a patto che ve lo prestino!Passerete un paio d'ore velocemente.

    ha scritto il 

  • 0

    Non ho messo stelline perchè in effetti non so quante diavolo darne a questo libro. Ora, questo libro forse avrebbe fatto scalpore qualche manciata di anni fa, ora no. Detto questo, non so se l'autrice si proponesse davvero di fare un corso di "sesso per corrispondenza" oppure fosse solo una trov ...continua

    Non ho messo stelline perchè in effetti non so quante diavolo darne a questo libro. Ora, questo libro forse avrebbe fatto scalpore qualche manciata di anni fa, ora no. Detto questo, non so se l'autrice si proponesse davvero di fare un corso di "sesso per corrispondenza" oppure fosse solo una trovata geniale per infarcire il libro (lo spero), ma se realmente quello che scrive pensa che sia utile...mmm...bha, non mi trovo così d'accordo. Per il resto poi è avvincente perchè parla senza mezzi termini di rapporti sessuali, tecniche e avventure della protagonista, quindi lo si legge per il gusto del "tabù"....ecco, insomma tutto sommato è carino, scorrevole....ecco, non l'avrei proprio intitolato "Pornoromantica" perchè di romantico ha ben poco....xD

    ha scritto il 

  • 2

    Pagina 117: "Una volta, per esempio, mi è capitato che stavo trombando con un tizio a smorzacandela quando lui di punto in bianco mi ha mollato un ceffone. Ho detto AHIA!. Ma quello dopo un po' ci ha riprovato e allora gli ho detto: "No, guarda, così non mi piace", e fui davvero fortunata perché ...continua

    Pagina 117: "Una volta, per esempio, mi è capitato che stavo trombando con un tizio a smorzacandela quando lui di punto in bianco mi ha mollato un ceffone. Ho detto AHIA!. Ma quello dopo un po' ci ha riprovato e allora gli ho detto: "No, guarda, così non mi piace", e fui davvero fortunata perché non era uno di quei maschi imbecilli che credono che quando una donna dice no in realtà vuol dire si..."

    Peccato.

    ha scritto il