Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Porträt in Sepia.

By ,

Verleger: Suhrkamp

3.9
(3624)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 464 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , Spanish , Italian , Portuguese , French , Dutch , Greek

Isbn-10: 351839987X | Isbn-13: 9783518399873 | Publish date:  | Edition 4., Aufl.

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Porträt in Sepia. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    Una splendida doppietta

    La piccola grande Isabel cilena centra una splendida doppietta: se La figlia della fortuna è un gioiello, questo libro, che ne costituisce il seguito, non è certo da meno!

    gesagt am 

  • 3

    L'impressione che ha accompagnato tutta la lettura di questo romanzo (e che nemmeno ora mi abbandona) è che la trama sul retro copertina non c'entri nulla con il libro.
    Questo romanzo infatti non parla della vita di Aurora Del Valle e della sua passione per la fotografia, ma piuttosto delle ...weiter

    L'impressione che ha accompagnato tutta la lettura di questo romanzo (e che nemmeno ora mi abbandona) è che la trama sul retro copertina non c'entri nulla con il libro.
    Questo romanzo infatti non parla della vita di Aurora Del Valle e della sua passione per la fotografia, ma piuttosto delle vicende della sua famiglia attraverso un secolo di storia.
    Aurora del Valle ha solo il merito di fare da voce narrante, ma se proprio vogliamo individuare una protagonista, in una storia che comunque è più che altro corale, questa è certamente sua nonna Paulina, vera eroina di un'intera generazione di Del Valle.
    È lei a dominare la scena con la sua personalità e il suo folle carattere, il suo senso per gli affari e la sua incredibile gelosia, la sua forza e la sua simpatia.
    Aurora, dal canto suo, è invece piuttosto insignificante: un piccolo sasso che si lascia trascinare dalla corrente degli eventi senza mai opporvisi.
    La fine del romanzo arriva di fatto quando Paulina, ormai anziana e malata, muore. Il resto è noia.

    gesagt am 

  • 4

    Poetico

    Splendido racconto della vita di Aurora, della sua variegata famiglia, assolutamente insolita per l'epoca. Amo sempre moltissimo i libri in cui si parla della condizione delle donne, della loro lotta per una parità di diritti che manca ancora ai giorni nostri. Poetico, dolcissimo.. alcune scene d ...weiter

    Splendido racconto della vita di Aurora, della sua variegata famiglia, assolutamente insolita per l'epoca. Amo sempre moltissimo i libri in cui si parla della condizione delle donne, della loro lotta per una parità di diritti che manca ancora ai giorni nostri. Poetico, dolcissimo.. alcune scene di una delicatezza indescrivibile che ti entrano nel cuore. Non metto la quinta stella perché la parte finale mi ha un po' deluso, quasi tirata via rispetto al resto

    gesagt am 

  • 4

    Romanzo che completa la trilogia de "La casa degli spiriti" e "La figlia della fortuna", può anche essere letto indipendentemente dagli altri (sebbene sia più completo e sorprendente insieme ai 2 precedenti).
    Bello e interessante ma un po' meno rispetto ai due precedenti. Mi è piaciuto molt ...weiter

    Romanzo che completa la trilogia de "La casa degli spiriti" e "La figlia della fortuna", può anche essere letto indipendentemente dagli altri (sebbene sia più completo e sorprendente insieme ai 2 precedenti).
    Bello e interessante ma un po' meno rispetto ai due precedenti. Mi è piaciuto molto il "cerchio" che si chiude, iniziato col primo romanzo, vengono chiariti e rimarcati degli aspetti dei precedenti ed è come ritrovare dei "vecchi amici" e capirli ancor meglio a posteriori. Molto consigliato.

    gesagt am 

  • 0

    Forse è un'Allende meno intensa quella di Ritratto in seppia, rispetto a La casa degli spiriti, Il piano infinito, Paula. Ne ho trovato comunque molto piacevole la lettura. Se si potesse tornare indietro, sarebbe il romanzo con cui avrei preferito iniziare quella che definisco la straordinaria av ...weiter

    Forse è un'Allende meno intensa quella di Ritratto in seppia, rispetto a La casa degli spiriti, Il piano infinito, Paula. Ne ho trovato comunque molto piacevole la lettura. Se si potesse tornare indietro, sarebbe il romanzo con cui avrei preferito iniziare quella che definisco la straordinaria avventura Allende: Isabel, sempre immensa!

    gesagt am 

  • 5

    La trilogia: seconda parte

    Sintesi da Wikipedia, senza accenni alla trama:
    «Vivo tra gradazioni sfumate, velati misteri, incertezze; la tonalità con cui raccontare la mia vita si accorda meglio a quella di un ritratto in seppia…FINE.»
    (Isabel Allende, epilogo di Ritratto in seppia)

    Ritratto in seppia ...weiter

    Sintesi da Wikipedia, senza accenni alla trama:
    «Vivo tra gradazioni sfumate, velati misteri, incertezze; la tonalità con cui raccontare la mia vita si accorda meglio a quella di un ritratto in seppia…FINE.»
    (Isabel Allende, epilogo di Ritratto in seppia)

    Ritratto in seppia (Retrato en Sepia) è un romanzo della scrittrice cilena Isabel Allende pubblicato nel 2000, secondo capitolo della trilogia che con La figlia della fortuna e La casa degli spiriti continua la saga dei personaggi che li vede anche negli altri romanzi.

    Scrittrice di forte carattere espressivo, dalla prosa ricca, suggestiva, carica di emozioni, maestra nel narrare "lungo", storie/saghe che coprono decenni, grande varieta' di personaggi, intrecciati tra loro, un accennato humor molto inglese e spesso divertente, storie molto variegate con molto del "personale", in sintesi grande scrittrice contemporanea, esempio perfetto di ottima letteratura.

    Libro bellissimo, questo (come tutti i suoi), di grande respiro descrittivo, con meccanismo narrativo che crea la giusta suspense e tensione nella lettura.
    Personaggi e loro rapporti "disegnati" perfettamente.
    Molto interessante la Storia che si "vede" dietro i personaggi, di fine '800, tra Cile (e Peru' in guerra), California, e triangolazione con la Cina, che non si "vede" ma e' importante nel narrato.

    Da Google Libri:
    Con magnifica sapienza, Isabel Allende ci offre una straordinaria saga famigliare che fonde personaggi già apparsi in La figlia della fortuna e La casa degli spiriti. 'Ritratto in Seppia' si rivela, insomma, come il secondo capitolo di una ideale trilogia, di un unico grande ininterrotto narrare che copre più di un secolo di storia.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Isabel_Allende

    http://www.isabelallende.it/index.php?id=161

    gesagt am 

  • 4

    Non è il capolavoro dell'Allende, ma mi è piaciuto. Amo il suo modo di scrivere e descrivere: ti fa sentire parte della storia. La storia della protagonista narrante, Aurora, è solo il pretesto per raccontare quella delle due nonne. Due donne di altri tempi che, ciascuna a modo suo, portavano sul ...weiter

    Non è il capolavoro dell'Allende, ma mi è piaciuto. Amo il suo modo di scrivere e descrivere: ti fa sentire parte della storia. La storia della protagonista narrante, Aurora, è solo il pretesto per raccontare quella delle due nonne. Due donne di altri tempi che, ciascuna a modo suo, portavano sulle spalle la famiglia. Ne escono due figure molto controverse e forti che lasciano un segno nella vita di Aurora, che di suo sembra non avere volontà e carattere al loro confronto.
    Ho apprezzato il libro anche a livello storico in quanto mi ha fatto scoprire un periodo e un paese che non si studia sui libri di scuola italiani.

    gesagt am 

  • 5

    Ognuno ha il suo karma e non è possibile orientare le vite degli altri, a volte è concesso solo di correggere la rotta della propria.


    Crede nella fotografia come testimonianza personale, come modo di vedere il mondo, e credo che questo mondo debba essere onesto e che il ricorso alla tecnol ...weiter

    Ognuno ha il suo karma e non è possibile orientare le vite degli altri, a volte è concesso solo di correggere la rotta della propria.

    Crede nella fotografia come testimonianza personale, come modo di vedere il mondo, e credo che questo mondo debba essere onesto e che il ricorso alla tecnologia debba essere un mezzo per restituire la realtà, non per distorcerla.

    La luce è la lingua della fotografia, l'anima del mondo. Non c'è luce senz'ombra, come non c'è gioia senza dolore.

    gesagt am 

  • 5

    "Vivo tra gradazioni sfumate, velati misteri, incertezze...."

    Bello!
    Un inno alla memoria e alla ricerca delle proprie alle radici e della propria identità, profondamente inserito nel tessuto storico cileno.
    Bello il titolo e tutti i passaggi che descrivono la visione del mondo di Aurora attraverso la macchina. fotografica.

    gesagt am 

Sorting by