Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Possiedo la mia anima

Il segreto di Virginia Woolf

Di

Editore: Mondadori

4.1
(242)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 347 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804538074 | Isbn-13: 9788804538073 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biography , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Ti piace Possiedo la mia anima?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La vita di Virginia Woolf è l'occasione per affrontare luoghi, temi,personaggi assai cari all'immaginario dei lettori colti e del pubblicofemminile. Nadia Fusini costruisce una biografia esemplare raccontata con untaglio narrativo, immediato, coinvolgente. Docente di letteratura ingleseall'Università La Sapienza di Roma, Fusini è autrice di una vasta produzionesaggistica e di vari romanzi: "La bocca più di tutto mi piaceva", "Due voltela stessa carezza", "L'amor vile", "Lo specchio di Elisabetta" e "I voltidell'amore".
Ordina per
  • 5

    Virginia. Virginia mia. Adorata, osservata, letta. Sviscerata, pensata, amata. Sentita, toccata.

    Nadia Fusini traccia una biografia di un'anima, quell'anima complessa e ricca e fragile che è l'anima d ...continua

    Virginia. Virginia mia. Adorata, osservata, letta. Sviscerata, pensata, amata. Sentita, toccata.

    Nadia Fusini traccia una biografia di un'anima, quell'anima complessa e ricca e fragile che è l'anima di Virginia Woolf, in un racconto a tu per tu con il lettore che scorre leggiadro, sapiente, in cui Virginia, splendida, emerge lucidamente. La prosa della Fusini è magica, evocativa e soprattutto degnamente capace di riportare sulla pagina la cura con cui la biografia è stata tracciata, nonché, e soprattutto, l'ammirazione profonda e la conoscenza vera che ha l'autrice nei confronti della Woolf.

    Ho amato questo libro, ho divorato questo libro, perché mi ha permesso un contatto vero e diretto con Virginia - la mia Virginia. Non posso commentarlo non facendo riferimento al rapporto personale che c'è fra me e Virginia. Perché sì, per me lei è come se fosse nella mia realtà, anzi, lo è a tutti gli effetti: Virginia Woolf è una delle persone della mia vita, come lo è mia madre o un'amica o un collega; una persona che conosco, che stimo, che amo. Virginia mi ha dato e continua a darmi moltissimo, qualcosa che va ben oltre - davvero oltre - le molteplici reazioni che possono aversi dopo aver letto un libro. Virginia mi permette di vedere il mondo da un'altra angolazione, di avvicinarmi alle persone, alle situazioni in maniera differente, di sentire, pensare, percepire in un modo diverso - più profondo, più ricco, più vero, quasi "chirurgico", e dunque più doloroso e faticoso - emozioni, sensazioni, paure, angosce, gioie, amori. Virginia mi insegna a scendere nella profondità di ogni onda che mi travolge, piccola o grande che sia, a scavare sotto, nel buio, cercando sempre più, smuovendo e rismuovendo ogni cosa attorno a me, per giungere a uno splendore oscuro che arrichisce il modo in cui la mia anima si rapporta col mondo. Ma Virginia mi insegna anche a non giungere a tale splendore, a non trovarlo, perché non sempre esiste, ma la ricerca è ostinata, continua: Virginia, infatti, non mi dona risposte, ma domande. Non mi dà sicurezze, ma quesiti: quelli di cui ho bisogno per vivere la mia vita - e tutto ciò che questo comporta. Uso il presente e non il passato, perché Virginia è una scoperta continua, una rilettura costante delle sue opere che non smettono mai di regalarmi diamanti che impreziosiscono la lente con cui guardo il mondo.

    Virginia è tutto questo. Virginia è più di questo: è il compimento estremo di ogni scopo di ogni letteratura.

    ha scritto il 

  • 3

    Oramai è ufficiale, sono diventata un’appassionata di biografie, però anche in questa tipologia, lo stile dell’autore (del biografo forse è meglio) può fare la differenza.
    Ho già espresso in altre rec ...continua

    Oramai è ufficiale, sono diventata un’appassionata di biografie, però anche in questa tipologia, lo stile dell’autore (del biografo forse è meglio) può fare la differenza.
    Ho già espresso in altre recensioni il mio apprezzamento per Antonia Fraser, e forse lo stile della sua narrazione, la descrizione che fa dei personaggi di cui si occupa, mi è così tanto confacente, che ora trovo difficile abituarmi a qualche altro stile. Dico questo perché, per il libro in oggetto, seppure non possa definirlo mal scritto, ha qualcosa che non mi ha convinto del tutto.
    Ho capito che il taglio che Nadia Fusini a voluto dare al suo racconto non era il “mero” resoconto di fatti, quanto piuttosto la descrizione della vita interiore: i tormenti, le insicurezze le gioie e le soddisfazioni di Virginia Woolf; però nonostante questo c’è qualcosa che stona, ci sono elementi che si ripetono in continuazione, soprattutto quando si parla delle insicurezze e delle paure della Woolf, mentre al contrario, altri punti, come ad esempio il suo metodo di scrittura, i momenti in cui lavora ai suoi romanzi, che avrei voluto fossero più dettagliati, sono lasciati abbastanza vaghi.
    A fine lettura posso dire di avere dei dettagli in più sulla vita di Virginia Woolf, sulle sue amicizie, i suoi amori e la sua malattia, ma per quanto riguarda la sua poetica, il suo modo di vedersi scrittrice, le riflessioni sul suo lavoro, questo volume, non offre molto di più, rispetto ad una buona prefazione ad uno dei suoi romanzi.
    P.S. avrei anche preferito che fosse presente un indice bibliografico, in modo da trarre ispirazione per ulteriori letture di approfondimento, ma purtroppo è assente.

    ha scritto il 

  • 5

    La Woolf tutta intera, luci e ombre, raccontata magistralmente da Nadia Fusini attraverso le stesse parole della celebre scrittrice, provenienti da lettere, frammenti e dal Diario...consigliatissimo p ...continua

    La Woolf tutta intera, luci e ombre, raccontata magistralmente da Nadia Fusini attraverso le stesse parole della celebre scrittrice, provenienti da lettere, frammenti e dal Diario...consigliatissimo per conoscerla prima di cimentarsi con i romanzi più impegnativi!

    ha scritto il 

  • 5

    Una biografia che prende vita attraverso le opere della grande Virginia Woolf.
    Per chi ama la straordinaria scrittrice e vuole conoscere i meandri della sua anima.
    Da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Non c'è una stella in più?

    Mi sono innamorata della Woolf il primo giorno di università, a letteratura inglese 1, quando questa docente inglesissima con degli occhialini alla John Lennon entrò in aula davanti alle nostre duecen ...continua

    Mi sono innamorata della Woolf il primo giorno di università, a letteratura inglese 1, quando questa docente inglesissima con degli occhialini alla John Lennon entrò in aula davanti alle nostre duecento teste imbambolate e impaurite, brandendo una copia di Mrs Dalloway dicendo 'io amo questa pazza, perchè se questa è la pazzia, io voglio impazzire tutta la vita'.

    Tutto l'amore per la Woolf che c'era in quelle parole, l'ho ritrovato in quelle della Fusini (traduttrice impeccabile e da me venerata)che ne racconta la vita principalmente attraverso le sue opere.

    Capitoli brevi, racconti accurati, analisi profonde e mai banali. Da ben prima di Bloomsbury a quelle pietre messe in tasca per scendere nell'acqua che la Woolf tanto amava e dove si è lasciata annegare.

    E' un libro meraviglioso e se si conoscono le opere della Woolf lo si può apprezzare a pieno, altrimenti, forse, diventa un po' complicato. Le pagine scorrono, tra Londra e la campagna, tra la sanità e la malattia, e, soprattutto, tra le sue opere immense. Il tutto senza mai dare un giudizio ma fornendo, invece, delle interpretazioni presunte e dedotte da un'approfondita analisi dei romanzi e del saggi della Woolf.

    Per me rimane l'unica 'scrittice'. La più grande e l'inarrivabile. E questa biografia me l'ha fatta amare ancora di più.

    ha scritto il 

  • 5

    Mi è piaciuto moltissimo lo stile innamorato, ma non agiografico, della Fusini. Una biografia che si legge come un romanzo, adatta anche a chi non si è mai accostato a Virginia. A me ha fatto venire u ...continua

    Mi è piaciuto moltissimo lo stile innamorato, ma non agiografico, della Fusini. Una biografia che si legge come un romanzo, adatta anche a chi non si è mai accostato a Virginia. A me ha fatto venire una gran voglia di leggere e rileggere questa "creatura umana libera, coraggiosa", spero di avere il tempo di assecondare questo desiderio.

    ha scritto il 

Ordina per