Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Post Office

By Charles Bukowski

(208)

| Paperback | 9780061177576

Like Post Office ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"It began as a mistake." By middle age, Henry Chinaski has lost more than twelve years of his life to the U.S. Postal Service. In a world where his three true, bitter pleasures are women, booze, and racetrack betting, he somehow drags his hangove Continue

"It began as a mistake." By middle age, Henry Chinaski has lost more than twelve years of his life to the U.S. Postal Service. In a world where his three true, bitter pleasures are women, booze, and racetrack betting, he somehow drags his hangover out of bed every dawn to lug waterlogged mailbags up mud-soaked mountains, outsmart vicious guard dogs, and pray to survive the day-to-day trials of sadistic bosses and certifiable coworkers. This classic 1971 novel—the one that catapulted its author to national fame—is the perfect introduction to the grimly hysterical world of legendary writer, poet, and Dirty Old Man Charles Bukowski and his fictional alter ego, Chinaski.

341 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La mia recensione di questo libro la trovate sul mio blog: http://ali3385.blogspot.it

    Is this helpful?

    Ali said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Prima di partire per una vacanza o so perfettamente cosa portami sotto l'ombrellone (magari il libro di una saga seguita, o la novità di un autore molto apprezzato), oppure non ne ho la più pallida idea.
    Quest'anno avevo solo la certezza di voler leg ...(continue)

    Prima di partire per una vacanza o so perfettamente cosa portami sotto l'ombrellone (magari il libro di una saga seguita, o la novità di un autore molto apprezzato), oppure non ne ho la più pallida idea.
    Quest'anno avevo solo la certezza di voler leggere un giallo, che ho trovato, ma era comunque un libro piccino e io ho la lettura facile mentre prendo il sole.
    A volte, poi, ho la fortuna di incappare nei libri che mio padre leggeva da ragazzo: praticamente tutti Kerouac e Bukowski, fatta eccezione per qualche Baudelaire o Rimbaud.
    In ogni caso, sbirciando nella piccola libreria dei miei (ridotta a pochi superstiti da me stessa, in quanto tendo a tenere nella mia i libri che ho apprezzato) sono saltati fuori i gialli di mia madre e l'ultimo Bukowski di mio padre: per l'appunto, Post Office.
    Nel leggerlo ho avuto quella classica sensazione che si ha nel paragonare un figlio al proprio padre: c'è una forte similitudine, ma un insieme di piccoli fattori li rende comunque diversi, unici.
    Ecco, Post Office è uno dei primi romanzi dell'autore e questo si vede, c'è ancora un retrogusto acerbo nei personaggi e nelle storie, che in "A sud di nessun nord" o in "Compagno di sbronze" si smussano e si amalgamano tra di loro creando una rete narrativa perfetta.
    È stato bello poterne vedere gli inizi, come sfogliare un vecchio album di fotografie.

    Is this helpful?

    Prisca Amaro said on Aug 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    bukowsky è meno scemo di quanto sembra. è un filosofo, un poeta, un alcolizzato della vita.
    lui vive le cose semplici della vita, come l'amore e l'alcol. per lui la vita non è un qualcosa di speciale ma piuttosto un vizio in cui perdersi. bukowsky g ...(continue)

    bukowsky è meno scemo di quanto sembra. è un filosofo, un poeta, un alcolizzato della vita.
    lui vive le cose semplici della vita, come l'amore e l'alcol. per lui la vita non è un qualcosa di speciale ma piuttosto un vizio in cui perdersi. bukowsky guarda la vita cosi com'è, passiva e monotona come quella di un qualunque essere umano, e non gli viene la voglia di cambiarla perchè l'accetta cosi, e il sesso e il whiskey lo compensano.
    oggi non si potrebbe fare cosi.. in una generazione che vive dando importanza all'apparenza, al successo e all'immoralità, si perde cognizione di se stessi e della propria vita.
    bukowsky è sempre attuale

    Is this helpful?

    Rael said on May 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pagine che odorano di sesso, alcool e vizio si avvicendano a quelle di una vita ligia al dovere, strutturata e soffocante, alimentando così una lesiva spirale di depressione ed amara ironia. Sarà la scelta della libertà l'unica possibile salvezza.

    Is this helpful?

    Lizzy said on Mar 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    以anobii上的數字來看是一本相當受歡迎書

    應該是吧。
    不過零四零五年那時候布考斯基在台灣好像沒出這本
    上星期在松菸誠品看到那本熬了七十幾年沒有買是因為
    或許還是該看英文吧

    書裡寫的就是一個dickead的生活
    而渾蛋總有迷人的才華
    什麼事都不用做也一樣
    就活在各種邊緣
    好像那裡有最好的景物

    別以為你的狗屁日子能有什麼生活禪。

    Is this helpful?

    平頭鬼 said on Feb 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho scoperto che era il seguito di "Panino al prosciutto" solo dopo averlo iniziato. Scorreva talmente bene che non mi andava di posarlo, accantonarlo, nell'attesa di leggere il romanzo precedente. E così l'ho continuato, leggendolo con interesse. Non ...(continue)

    Ho scoperto che era il seguito di "Panino al prosciutto" solo dopo averlo iniziato. Scorreva talmente bene che non mi andava di posarlo, accantonarlo, nell'attesa di leggere il romanzo precedente. E così l'ho continuato, leggendolo con interesse. Non narra di imprese eroiche, non narra di bravi ragazzi, narra della monotonia, narra dell'alcol, narra delle donne e lo fa in modo crudo, senza mezzi termini, senza censura. Senza risultare volgare, nonostante certi termini.
    Appare monotono in alcuni punti, ma credo serva solo a sottolineare ancora di più la monotonia della vita di Hank, il suo sentirsela stretta, così chiusa nelle quattro mura dell'ufficio postale.
    Un romanzo leggero, corto, che si legge in fretta e che fa riflettere. Del resto la paura della monotonia lavorativa credo che sia un timore collettivo. Un racconto che evidenzia un periodo di vita qualunque nell'America degli anni '50, senza la poesia di Kerouac e crudo quasi quanto il Ginsberg di Howl.

    Is this helpful?

    Sacajawea said on Feb 7, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book