Post Office

di | Editore: TEA
Voto medio di 4314
| 370 contributi totali di cui 329 recensioni , 38 citazioni , 1 immagine , 2 note , 0 video
Henry Chinasky, abituale alter ego di Bukowsky e protagonista in prima personadi questo romanzo, ha deciso di lavorare come postino. Superati non senzaaffanno i test d'ammissione, si ritrova con la borsa di cuoio sulle spalle agirare in lungo e in la ...Continua
Alberto Torchio
Ha scritto il 24/06/18
Letto da un portalettere

Letto andando al lavoro non riuscivo a smettere di ridere: faccio il portalettere e ci ho ritrovato colleghi, casellario, clienti, tutto...

Les75
Ha scritto il 19/06/18
Un vortice di situazioni assurde e personaggi ai bordi della società. Un esordio esplosivo di Bokowski, che consegna all'umanità un perfetto antieroe contemporaneo, dedito all'alcol, alle donne e alla sregolatezza. Attraverso mille peripezie al limit...Continua
24Voices
Ha scritto il 12/12/17
Post Office
E’ dura la vita del lavoratore del Servizio Postale Americano? Chiedetelo a Henry Chinaski, lui ne sa qualcosa… E’ impiegato delle poste, non sa neanche bene perché. Fuori, ha una vita, delle donne, le sbronze, le corse. Dentro, rotture di scatole, t...Continua
ingrid
Ha scritto il 25/06/17
Ottimo per chi vuole cominciare a leggere Bukowski
Mi sa tanto che io e Bukowski siamo in rottura. Ormai è già il suo terzo libro che leggo e sì, i temi sono sempre i soliti, le battute grosso modo le medesime, e non mi emoziona più come all'inizio che c'era un po' il fattore sorpresa e quindi potevo...Continua
E'lir Kvothe
Ha scritto il 05/03/17
IL GIRONE DELL' INFERNO DEI POSTINI? L.A
I libri più belli che ho letto non li ho cercati ma li ho letti per caso. E’ così che io e post office ci siamo incontrati in maniera casuale . E’ buffo che in tutte le recensioni che ho fatto fino adesso su questo sito, per la maggior parte siano su...Continua

Ryuzaki
Ha scritto il Jun 12, 2017, 12:43
Qualunque stronzo è capace di trovarsi uno straccio di lavoro; invece ci vuole cervello per cavarsela senza lavorare. Qui la chiamiamo l'arte di arrangiarsi. E io voglio diventare maestro in quest'arte.
Pag. 51
ilgrandepier
Ha scritto il Oct 04, 2016, 23:10
Bisognava riempire più moduli per licenziarsi che parsi assumere (Cap. VI, pos 2549)
ilgrandepier
Ha scritto il Oct 04, 2016, 23:10
Passavo i fine settimana a bere per dimenticare (Cap. VI, pos 2384)
ilgrandepier
Ha scritto il Oct 04, 2016, 23:09
Tornai a sedermi. Undici anni! E non avevo in tasca un soldo in più di quando avevo cominciato (Cap. VI, pos 2374)
ilgrandepier
Ha scritto il Oct 04, 2016, 23:08
Il solo momento di solitudine della tua giornata, Chinaski, pensai, è quando torni in macchina dal lavoro (Cap. IV, pos. 1970)

Mujerenlejendo
Ha scritto il Nov 07, 2016, 15:16

Intra Deruta...
Ha scritto il May 19, 2017, 13:36
Biblioteche...
Ha scritto il Apr 19, 2016, 08:13
813.54 BUK 16842 Letteratura Americana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi