Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pour les analphabètes / ­Per gli analfabeti

Di

Editore: Stampa Alternativa - Nuovi Equilibri

4.3
(35)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 32 | Formato: Altri

Isbn-10: 8872266483 | Isbn-13: 9788872266489 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Pour les analphabètes / ­Per gli analfabeti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nessuna scuola, nessuna amministrazione, nessuna polizia, nessuna chiesa, nessun museo, nessuna dogana, nessun regime fiscale, nessuna idea, nessun concetto. Niente di niente.
Ordina per
  • 0

    "Io scrivo per gli analfabeti". In che senso Artaud dice che scrive per gli analfabeti? Chi sono gli analfabeti che possono comprendere quello che lui dice? Analfabeti privi di cultura contrapposti a possessori di cultura. Possessori di cultura senza vita, cultura ingabbiata, cultura congelata, ...continua

    "Io scrivo per gli analfabeti". In che senso Artaud dice che scrive per gli analfabeti? Chi sono gli analfabeti che possono comprendere quello che lui dice? Analfabeti privi di cultura contrapposti a possessori di cultura. Possessori di cultura senza vita, cultura ingabbiata, cultura congelata, cultura pietrificata, cultura sepolta nelle tombe, cultura senza corpo e senza sangue. Analfabeti come bambini, bambini capaci di afferrare un linguaggio fisico, immediato, non logico, il linguaggio del corpo vivo.

    "Io non sono mi andato a dire agli intellettuali: che cosa volete? Neppure li ho mai biasimati, li ho solo scandalizzati con la lingua e i colpi....
    Lo ripeto, a guidarmi non é l'orgoglio letterario dello scrittore che vuole piazzare e veder pubblicato il suo prodotto. Sono i fatti che racconto che voglio che nessuno ignori, i gridi di dolore che lancio e che voglio siano sentiti....."

    Con due scritti di Marco Dotti, uno che Artaud lo ama, lo capisce, lo intuisce nonostante la sua "cultura".

    ha scritto il 

  • 5

    Un piccolo libro ma che richiede una lettura sì veloce ma molto attenta. Le frasi sono brevi e le parole semplici e i concetti sono diretti, infatti nel linguaggio di Artaud non troviamo lirismi linguistici ma una lingua molto vicina all'espressione corporea, diretta, aspro, a volte anche rivolta ...continua

    Un piccolo libro ma che richiede una lettura sì veloce ma molto attenta. Le frasi sono brevi e le parole semplici e i concetti sono diretti, infatti nel linguaggio di Artaud non troviamo lirismi linguistici ma una lingua molto vicina all'espressione corporea, diretta, aspro, a volte anche rivoltante.
    Non sembra affatto rivolto agli analfabeti, effettivamente non lo è... basti solo pensare dell'opinione di Artaud su Sartre.
    Con A. concordo su una cosa che a volte bisognerebbe dimenticarsi del nozionismo delle strutture di conoscenza imparate e cesellate grazie ai libri e iniziare a distruggere perché è nella distruzione che si trova la voglia di costruire qualcosa di veramente nuovo.

    ha scritto il 

  • 4

    "Sotto la grammatica si nasconde il pensiero che è un obbrobrio più difficile da battere, una vergine molto più renitente, molto più difficile da superare quando lo si prende per un fatto innnato.
    Perchè il pensiero è una matrona che non è sempre esistita.
    E che le parole gonfie della m ...continua

    "Sotto la grammatica si nasconde il pensiero che è un obbrobrio più difficile da battere, una vergine molto più renitente, molto più difficile da superare quando lo si prende per un fatto innnato.
    Perchè il pensiero è una matrona che non è sempre esistita.
    E che le parole gonfie della mia vita si gonfino nel vivere del blablabla dello scritto.
    Io scrivo per gli analfabeti."

    (A margine segnalo che con questo libricino di Artaud ha dialogato questo mio 'poema' che potete trovare qua:

    http://psichede-lia.splinder.com/post/9555612#comment)

    ha scritto il 

Ordina per