Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Povere nullità

Di ,

Editore: Coconino Press

3.8
(65)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 88 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8876181628 | Isbn-13: 9788876181627 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature

Ti piace Povere nullità?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Soltanto povere nullità

    http://www.ilrecensore.com/wp2/2010/10/soltanto-povere-nullita/


    “Povere nullità“ (Coconino Press, 2010) è il frutto della collaborazione straordinaria tra un maestro indiscusso del fumetto francese come Hervé Barulea (meglio noto come “Baru”), ed un romanziere affermato come Pierre Pelot: ...continua

    http://www.ilrecensore.com/wp2/2010/10/soltanto-povere-nullita/

    “Povere nullità“ (Coconino Press, 2010) è il frutto della collaborazione straordinaria tra un maestro indiscusso del fumetto francese come Hervé Barulea (meglio noto come “Baru”), ed un romanziere affermato come Pierre Pelot: ambientato in una imprecisata cittadina di provincia, il fumetto è essenzialmente una rassegna impietosa delle più basse pulsioni del cuore e del cervello umano.

    ha scritto il 

  • 3

    Stupendi i disegni di Baru al servizio di una storia che mi è parsa carina ma poco più. Grande contrasto fra i colori pastello (soprattutto le faccine rosa con le gotine rosse) e l'ambientazione noir. Peccato per il finale tirato un po' via: forse gli si poteva dedicare qualche tavola in più e fa ...continua

    Stupendi i disegni di Baru al servizio di una storia che mi è parsa carina ma poco più. Grande contrasto fra i colori pastello (soprattutto le faccine rosa con le gotine rosse) e l'ambientazione noir. Peccato per il finale tirato un po' via: forse gli si poteva dedicare qualche tavola in più e farlo respirare meglio.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello bello bello.
    Bellissima tavola a pagina 12 e 13, con tutti i gatti.
    E soprattutto, imperitura memoria a Josè Manucci!!!
    Finale assolutamente azzeccato. Nessuna sbavatura.

    ha scritto il 

  • 4

    I colori non bastano

    Quadretto squallido di una periferia accidentata dove le miserie si confondono e nessuno puo' considerarsi al sicuro.
    Non bastano i colori che gli autori mettono qua e là per attenuare il senso di sporco di disagio che si vive e che si odora.
    Ancora una volta a rimetterci sono quelli ...continua

    Quadretto squallido di una periferia accidentata dove le miserie si confondono e nessuno puo' considerarsi al sicuro.
    Non bastano i colori che gli autori mettono qua e là per attenuare il senso di sporco di disagio che si vive e che si odora.
    Ancora una volta a rimetterci sono quelli in fondo alla catena educativa, quelli che sarebbero gli ultimi e che se solo gli si da il tempo di crescere si sostituiscono ai carnefici.
    Bel racconto che si purtroppo, troppo in fretta.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo ed espressivo il disegno di questo albo a colori. Caustica, nera e pessimista la storia criminale sceneggiata da Pierre Pélot. L'ultima opera del maestro del fumetto francese di origini italiane (Hervé Barulea, in arte Baru) rappresenta un atto di critica tanto feroce quanto immediato, ...continua

    Bellissimo ed espressivo il disegno di questo albo a colori. Caustica, nera e pessimista la storia criminale sceneggiata da Pierre Pélot. L'ultima opera del maestro del fumetto francese di origini italiane (Hervé Barulea, in arte Baru) rappresenta un atto di critica tanto feroce quanto immediato, che piomba sul lettore togliendo il fiato. Coniugando sapientemente marca stilistica, disegno eccezionale e chiarezza, l'opera offre una metafora della nostra società nitida e inequivocabile: il piccolo universo soffocante e ipocrita della provincia contemporanea, dove il sopruso e la violenza quotidiana dei rapporti di potere non lasciano margine di speranza o di riscatto. Non c'è salvezza e per chi ancora ha un'anima o una coscienza, ma non una voce per esprimerla, l'unica strada possibile è la distruzione e l'autodistruzione, del resto non sono altro che “povere nullità”.

    ha scritto il