Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Praticamente innocuo

Di

Editore: Mondadori

3.8
(1957)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 266 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Portoghese , Giapponese

Isbn-10: 8852022600 | Isbn-13: 9788852022609 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: L. Serra

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Praticamente innocuo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Si conclude con questo volume la paradossale, amatissima saga di Douglas Adams, iniziata con la Guida galattica per gli autostoppisti , l'unica "trilogia in cinque parti" della storia della letteratura che ha conquistato quindici milioni di lettori nel mondo. Distrutto il pianeta Terra, non sono ancora finite le pazzesche avventure dei due esuli delle galassie, Arthur Dent e il suo amico alieno Ford Prefect. Dopo il lungo periodo trascorso sul nostro pianeta, questi è avvilito perché i redattori della Guida Galattica hanno condensato il risultato delle sue ricerche in due sole parole: praticamente innocuo. In preda allo sconforto, Ford si getta dalle finestre della sua casa editrice, e mentre precipita non può fare a meno di porsi domande inquietanti: perché le finestre del tredicesimo piano dell'edificio sono oscurate? Chi è la creatura simile a un uccello che gli sembra di intravvedere di là da esse? E perché i guardiani assomigliano ai perfidi Vogon? Per rispondere, Ford deve assolutamente trovare il modo di salvarsi.
Ordina per
  • 2

    Appena sufficiente, pochi spunti che mi hanno fatto davvero sorridere, e finale che non mi è piaciuto.
    Adams col proseguire della saga ha finito per perdersi nei meandri del suo stesso nonsense.

    I pri ...continua

    Appena sufficiente, pochi spunti che mi hanno fatto davvero sorridere, e finale che non mi è piaciuto.
    Adams col proseguire della saga ha finito per perdersi nei meandri del suo stesso nonsense.

    I primi due libri sono di gran lunga i piu belli.

    ha scritto il 

  • 4

    Il degno e terribile finale.

    "Che carne è questa?"
    "Ah sì, ehm, Bestia Perfettamente Normale."
    "Cosa?"
    "Bestia Perfettamente Normale. Sembra un po' una mucca, o meglio un toro. Anzi, forse somiglia di ...continua

    Il degno e terribile finale.

    "Che carne è questa?"
    "Ah sì, ehm, Bestia Perfettamente Normale."
    "Cosa?"
    "Bestia Perfettamente Normale. Sembra un po' una mucca, o meglio un toro. Anzi, forse somiglia di più a un bufalo. E' un animale grosso, che carica."
    "Allora cos'ha di strano?"
    "Niente, è Perfettamente Normale."
    "Capisco."

    ha scritto il 

  • 4

    L'ultimo romanzo della saga della Guida Galattica per Autostoppisti, “una trilogia in cinque parti” come la definì l'autore, in cui si giunge alla conclusione di tutto; il cerchio si chiude in un tris ...continua

    L'ultimo romanzo della saga della Guida Galattica per Autostoppisti, “una trilogia in cinque parti” come la definì l'autore, in cui si giunge alla conclusione di tutto; il cerchio si chiude in un triste quanto spiazzante epilogo che vede anche l’amichevole partecipazione del numero quarantadue. Dopo il Messaggio Finale di Dio nel quarto volume qui viene fornita un’importante rivelazione sulla sorte di Elvis Presley.
    Credo che mi mancheranno le avventure surreali di Arthur Dent e combriccola.

    ha scritto il 

  • 4

    Come tutti i libri che concludono una serie che abbiamo molto amato, anche questo romanzo è stato un po’ triste. Tanto che non so ben giudicare se la storia in sé lo sia più delle altre volte, o sia s ...continua

    Come tutti i libri che concludono una serie che abbiamo molto amato, anche questo romanzo è stato un po’ triste. Tanto che non so ben giudicare se la storia in sé lo sia più delle altre volte, o sia solo questa malinconia che mi ha tenuto compagnia per tutto il tempo. Certo è che, comunque, non mancano il divertimento e le trovate geniali che caratterizzano la “trilogia in cinque volumi” della Guida Galattica per gli Autostoppisti. Il finale però mi ha talmente scioccato che ho pensato parecchio a che voto dare a questo libro, per un po’ sono stata tentata di limitarmi a tre stelline, non riuscendo a capire se le quattro erano un giudizio obiettivo, oppure è solo che amo troppo questa saga per dargliene di meno. A qualche giorno di distanza dalla fine della lettura sono più convinta del voto positivo, e anche se ancora traumatizzata dal finale, non mi sento più “tradita” da Adams per aver creato una conclusione che non mi aspettavo per niente. Pian piano ne sto capendo il senso, e forse, magari, fra alcuni anni, con una rilettura di tutta la saga, potrei arrivare perfino ad apprezzarla!
    A parte questo, comunque, il romanzo è una bella lettura, diverte, fa riflettere, stupisce ed emoziona come sempre!

    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/18114

    ha scritto il 

  • 2

    Ho fatto molta fatica a finirlo. Qualche battuta, un po' di umorismo, ma sinceramente tutto il resto lascia a desiderare.
    Conclusione di una saga iniziata bene, poi continuata quasi per inerzia.
    Per c ...continua

    Ho fatto molta fatica a finirlo. Qualche battuta, un po' di umorismo, ma sinceramente tutto il resto lascia a desiderare.
    Conclusione di una saga iniziata bene, poi continuata quasi per inerzia.
    Per concludere, non vi ho letto questo grande capolavoro che la comunità "nerd" vede in essa.

    ha scritto il 

  • 2

    Sempre meravigliosa l'ironia di Adams, un pò meno la storia... Diventa tutto esageratamente complicato e il finale rimane un pò sconclusionato con la parte di Zaphod.

    ha scritto il 

  • 2

    Ultimo capitolo della saga de "La guida galattica per autostoppisti" e devo dire che è stata una lettura deludente, davvero poca roba, purtroppo. Qualche risata la "strappa" pure, soprattutto credo pe ...continua

    Ultimo capitolo della saga de "La guida galattica per autostoppisti" e devo dire che è stata una lettura deludente, davvero poca roba, purtroppo. Qualche risata la "strappa" pure, soprattutto credo per chi ha già letto i precedenti 4, o se no nemmeno quelle. Ripetitivo e noioso, evitabile...

    ha scritto il 

Ordina per