Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Precious

Based on the Novel "Push"

By

Publisher: Vintage

3.8
(17)

Language:English | Number of Pages: 192 | Format: Paperback

Isbn-10: 0099548720 | Isbn-13: 9780099548720 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships

Do you like Precious ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This is the story of Precious Jones, a sixteen year old illiterate black girl who has never been out of Harlem. She is pregnant by her own father for the second time, and kicked out of school when that pregnancy becomes obvious. Placed in an alternative teaching programme, she is urged to write down her thoughts in a book. This is Precious' diary, in which she honestly records her relationships and her life. Told with tremendous power, vitality and wit; this is an uncompromising and hugely enjoyable novel.
Sorting by
  • 2

    A painful read...

    This was a tough read and I cant say I enjoyed most of it. Okay I understand its a story that needs to be told and there's loads of people suffering through these situations in real life but I just found it too graphic and disturbing.


    Also the writing style I found difficult to say the le ...continue

    This was a tough read and I cant say I enjoyed most of it. Okay I understand its a story that needs to be told and there's loads of people suffering through these situations in real life but I just found it too graphic and disturbing.

    Also the writing style I found difficult to say the least I understand that its being told direct from Precious but having to try and interpret every single sentence is painful.

    This book is a very upsetting, tragic story and I, unfortunately, cannot see a happy ending ever coming for Precious so its ultimately quite depressing. Maybe the novel version Push is a better read but I don't think I'll invest unless I see some seriously good reviews.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Meravigliosa creatura

    Questa è la storia di Preciuos.
    Una ragazzina costretta dalla vita a confinare, già a sei anni, il libro, la bambola, la corda da saltare, la propria testa, il proprio io, giù giù, nel più assoluto silenzio in fondo all’aula .
    Una ragazzina che, da quel momento non ha più alzato lo sgua ...continue

    Questa è la storia di Preciuos. Una ragazzina costretta dalla vita a confinare, già a sei anni, il libro, la bambola, la corda da saltare, la propria testa, il proprio io, giù giù, nel più assoluto silenzio in fondo all’aula . Una ragazzina che, da quel momento non ha più alzato lo sguardo, ma ha lasciato che la vita continuasse a scorrerle addosso solcandole il corpo e l'anima di ferite mai rimarginate. Una ragazzina che a dodici anni si è trovata riversa sul pavimento della lurida cucina, dove ha dato alla luce la sua prima bambina dopo essere stata violentemente insultata e malmenata da una madre oscena e spregevole. “Mongolita” la chiama affettuosamente, ricordando quella bambina mongoloide, frutto dell'abuso di suo padre, che non ha più visto dopo la nascita, che sogna un giorno di poter riavere con sè per poterle offrire quel calore materno che non ha mai conosciuto, proprio come la sua mamma. Una ragazzina che rimane sconcertata dalla domanda dell'infermiera al suo arrivo in ospedale dopo il parto. La giovane, con la sua faccia carina e la pelle candida come il burro, sembra proprio non capire... dopo averle chiesto le generalità sue e della sua piccola “Sei mai stata, voglio dire, sei mai vissuta come una bambina?” , le chiede. E lei pensa dentro di sé: Domanda scema, sono mai stata una bambina? Io sono una bambina. Già, perché lei si riconosce nella sua infanzia, e non sa che fuori dalle sue mura domestiche esiste tutto un altro modo di essere una bambina. Così, quando quest'infermiera dolce la stringe forte a sè, tanto forte da farle male sulle ferite ancora aperte, lei non può far a meno di piangere dolorosamente. Piano piano all’inizio, poi sempre di più […] gemeva e singhiozzava per la bambina dalla faccia piatta, per se stessa che non era mai stata abbracciata in vita sua. Quest'infermiera è in assoluto la prima persona in dodici anni ad essere gentile con lei, a vederla come la donna/bambina che lei dentro sente di essere, e non come la inutile brutta cicciona negra in cui lei si riconosce negli occhi degli altri... Ormai Precious ha sedici anni, ne è passato di tempo dal momento in cui ha compreso di essere una persona vera, non uno di quei fantasmi la cui immagine non si riflette nelle fotografie. Ed è di nuovo incinta. Ed è di nuovo suo padre il genitore di questo suo secondo figlio/fratello. E chissà se, quindi, anche quest'altro piccolo essere sarà ritardato come la sua Mongolita. Questo si chiede, mentre ormai è una donna inconsapevolmente consapevole. Consapevole del fatto che un vero uomo non si scopa la figlia, non si scopa le bambine. Eppure ancora sente di essere confusa riguardo ai sentimenti che prova per quest'essere immondo. Lo odia, certo. Ma gli è anche grata, per avergli involontariamente regalato la cosa più bella della sua vita: il piccolo Abdul, suo figlio, tutto quello che le rimane in cambio della sua vita perduta, rubatale dalla madre e dal padre, il bambino al quale parla con un'infinita tenerezza e al quale insegna come prima cosa l’alfabeto: “Questo e lalfabeto. Venti-sei lettere in totale. Colle lettere si fanno le parole. Colle parole tutto”. Inizia così il suo percorso di rinascita. La speranza di riuscire a non essere più attraversata dagli sguardi dei passanti. La speranza di trovare il proprio posto in questo mondo. Ecco, questa è la storia di Precious. Una storia meravigliosa come la sua protagonista. Meravigliosa e coraggiosa come la sua autrice, che ha saputo concepire un libro integralmente sgrammaticato ed anche per questo di una bellezza disarmante. Chiudono il libro le poesie di Precious e le storie scritte dalle sue amiche Rita, Rhonda e Jermaine; storie terribili e terribilmente intense; storie di donne che non l'ha salvate nè la Bibbia, nè l'assistenza sociale, ma che si sono salvate da loro.

    said on 

Sorting by