Prenditi cura di lei

Di

Editore: Neri Pozza

4.0
(565)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 219 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Coreano , Chi semplificata , Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Olandese , Giapponese , Tedesco

Isbn-10: 8854504238 | Isbn-13: 9788854504233 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vincenzo Mingiardi

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità

Ti piace Prenditi cura di lei?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
È una bella giornata quella in cui Park So-nyeo lascia il suo paese, in una regione contadina, e si avvia a Seul per far visita ai figli. Ha dedicato loro tutta la sua esistenza, cercando di proteggerli dalle avversità della vita e, ora che è un'anziana signora, vorrebbe che i figli le restituissero almeno una piccola parte del grande amore che ha nutrito per loro. A Seul c'è una metropolitana immensa con tredici linee e milioni di viaggiatori ogni giorno. In un'affollata stazione avviene l'irreparabile. Park So-nyeo si perde. Potrebbe servirsi della segnaletica per ritrovare la strada oppure telefonare ai figli o al marito. Potrebbe, ma c’è un problema, un grave problema: Park Son-nyeo soffre di una malattia che i figli ignorano... l'alzheimer. Alla notizia della scomparsa della madre, la figlia, una giovane e bella scrittrice, viene presa da un'ansia irrefrenabile che la spinge a porsi domande mai formulate prima: che ne sa lei, ragazza istruita della grande città, della sua vecchia madre confinata e abbandonata in un paesino, come una parente di cui vergognarsi? Che ne sa dei suoi improvvisi mal di testa? Che ne sa del fatto che è stata costretta a farsi leggere da un'amica il libro che lei ha scritto? Il figlio non regge l'attesa. Esce e va a distribuire la foto di sua madre alla gente per strada. «Perché non sono andato a prenderla alla stazione?» si chiede. «Perché non sono diventato l'avvocato che lei voleva io fossi? Perché io, che sono la luce dei suoi occhi, non ho badato a lei, non l'ho accudita e amata fino in fondo come lei ha amato me?» Il marito si rende per la prima volta conto che sua moglie si è sempre occupata silenziosamente, tenacemente, quotidianamente di lui, ma non è mai avvenuto il contrario. E lei, Park So-nyeo, girovaga per le strade senza meta, finché non scorge un funesto segno della sua fine: l'immagine della propria madre defunta. «In tutta la mia vita», dice «ho sempre avuto il disperato bisogno di una madre».

Ordina per
  • 4

    Un libro molto triste e duro!
    Una madre che sparisce im mezzo alla folla alla stazione.
    Tutto raccontato dai figli e da chi le voleva bene .
    Dolore forte e cocente ma il tutto molto misuratocome usa l ...continua

    Un libro molto triste e duro!
    Una madre che sparisce im mezzo alla folla alla stazione.
    Tutto raccontato dai figli e da chi le voleva bene .
    Dolore forte e cocente ma il tutto molto misuratocome usa lo stile orientale.

    ha scritto il 

  • 4

    Disturbante ma necessario

    Leggetelo.
    Se siete figli, madri, padri, mogli, mariti, amici, amanti, fratelli o sorelle leggetelo.
    Vi farà male. Sarete in apnea e spesso dovrete sospenderne la lettura per riprendere fiato, per las ...continua

    Leggetelo.
    Se siete figli, madri, padri, mogli, mariti, amici, amanti, fratelli o sorelle leggetelo.
    Vi farà male. Sarete in apnea e spesso dovrete sospenderne la lettura per riprendere fiato, per lasciare che il dolore si attenui.
    Se avete, come tutti, qualche senso di colpa faticherete a proseguire.
    Disturbante ma necessario.
    Scelta incredibilmente calzante quella della narrazione in seconda persona singolare.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro è pregno di malinconia, pathos, tristezza.
    E' la storia di una madre che sparisce sotto gli occhi del marito mentre stavano andando a trovare uno dei loro figli. Scritto parlando sempre i ...continua

    Questo libro è pregno di malinconia, pathos, tristezza.
    E' la storia di una madre che sparisce sotto gli occhi del marito mentre stavano andando a trovare uno dei loro figli. Scritto parlando sempre in seconda persona singolare, riferendosi in ogni capitolo ad un solo protagonista (marito, figli, la donna stessa), ripercorre la dura vita di questa dolce signora.
    Riesce a darti la consapevolezza di dove può arrivare l'amore di una madre, ma nello stesso tempo è capace di infondere in te rabbia per tutte quelle genitrici che non dimostrano lo stesso amore e la stessa devozione per i propri figli.

    ha scritto il 

  • 4

    Spesso l'importanza di una persona si coglie quando questa non c'è più e questo succede al marito e ai figli di Park So-nyo, quando questa donna sessanatovenne arrivata a Seul da un paesino di campagn ...continua

    Spesso l'importanza di una persona si coglie quando questa non c'è più e questo succede al marito e ai figli di Park So-nyo, quando questa donna sessanatovenne arrivata a Seul da un paesino di campagna per andare a trovare i figli che vivono nella metropoli, sparisce e non viene più trovata,nonostante le ricerche di tutti.Avevano intuito che negli ultimi periodi forse non stava così bene in salute,aveva dei buchi nella memoria e nell'orientamento e dei forti mal di testa,ma nessuno si era preoccupato più di tanto di lei,perchè era lei la colonna portante della famiglia...."quella donna è scomparsa un poco alla volta,dimenticando la gioia di essere nata,dimenticando la sua infanzia e i suoi sogni,dimenticando di essersi sposata prima di avere il primo ciclo mestruale e di avere messo al mondo e allevato cinque figli.La donna che,se c'erano di mezzo i suoi figli,non si lasciava sorprendere o scoraggiare da nulla. Una donna che aveva sacrificato la propria vita fino al giorno della sua scomparsa.......".

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro fa riflettere molto su quanto le nostre madri siano spesso le colonne portanti della famiglia e anche su quanto noi figli o i mariti le diamo per scontate e ci rendiamo conto della loro e ...continua

    Questo libro fa riflettere molto su quanto le nostre madri siano spesso le colonne portanti della famiglia e anche su quanto noi figli o i mariti le diamo per scontate e ci rendiamo conto della loro enorme importanza solo dopo la loro scomparsa.
    Maurizio Battista nei suoi spettacoli scherzando dice che quando muore un padre sembra che se ne sia andato un amico di famiglia mentre se muore una madre la famiglia si sfascia, e non ha tutti i torti...
    Francamente non ho capito chi fosse la voce narrante, tranne quella del quarto capitolo.

    ha scritto il 

  • 4

    Duro e commovente. Un vero e proprio inno alla maternità più antica, più vera e, spesso, anche la più ignorata...
    Difficile da consigliare, visto il tema toccante, ma merita almeno una lettura per tut ...continua

    Duro e commovente. Un vero e proprio inno alla maternità più antica, più vera e, spesso, anche la più ignorata...
    Difficile da consigliare, visto il tema toccante, ma merita almeno una lettura per tutti

    ha scritto il 

  • 4

    Prenditi cura di lei

    L'ho avuto per un lungo periodo sonnacchioso nella mia wish list, poi una mia carissima amica coreana me ne ha parlato e ha rispolverato in me la curiosità di leggerlo, a Natale me lo ha regalato e co ...continua

    L'ho avuto per un lungo periodo sonnacchioso nella mia wish list, poi una mia carissima amica coreana me ne ha parlato e ha rispolverato in me la curiosità di leggerlo, a Natale me lo ha regalato e così ho iniziato a leggerlo.
    Il primo approccio devo ammettere che è stato molto noioso, non riuscivo ad entrare nell'ottica di chi scriveva... poi è scattato qualcosa e mi sono vista catapultata in un mondo diverso,
    Drammatico e triste ma vale davvero la pena venirne a contatto.

    ha scritto il 

  • 4

    ... prima che sparisse, passavi le giornate senza pensare a lei...

    Ci ho messo un po' per apprezzare questo libro, almeno fino a quando ho capito che non era una storia piacevole da leggere, come molte altre, ma una lezione di vita su quelli che sono gli affetti fami ...continua

    Ci ho messo un po' per apprezzare questo libro, almeno fino a quando ho capito che non era una storia piacevole da leggere, come molte altre, ma una lezione di vita su quelli che sono gli affetti familiari e la nostra tendenza a trascurarli fino a quando ci viene brutalmente ricordato che non dobbiamo dare nulla per scontato. L'ultima frase di questo libro è stato un pugno nello stomaco. Non mi riesce dirne molto di più...

    ha scritto il 

Ordina per