Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Presságio de Fogo

Por

Editor: Difel

4.1
(1138)

Language:Português | Number of Páginas: 568 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Italian , German , Spanish , French

Isbn-10: 9722900528 | Isbn-13: 9789722900522 | Data de publicação: 

Category: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Do you like Presságio de Fogo ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Em Presságio de Fogo, Marion Zimmer Bradley, autora de As Brumas de Avalon, reimaginou a história da Guerra de Tróia e reconta-a do ponto de vista de Cassandra, a bela e atormentada princesa real de Tróia.

Na sua brilhante recriação da famosa lenda, a queda de Tróia desenrola-se de uma nova e ousada maneira a partir do julgamento de Páris, do rapto de Helena (esta não sendo aqui a perversa adúltera da lenda, mas sim uma mulher afectuosa e amante, dedicada a Páris e aos seus filhos) e do levantamento dos exércitos gregos por Agamemnon, cunhado enfurecido de Helena, até à tragédia final da destruição da cidade, predestinada pelos deuses e pelo obstinado orgulho dos seus líderes masculinos.

A heroína deste conto épico é Cassandra e a poderosa tensão do romance deriva tanto da luta interna, por ela travada, com as suas próprias lealdades divididas (visto que a sua lealdade ao pai, o rei e aos irmãos é contraposta à sua submissão crescente à fé mais antiga no Matriarcado e na Terra-Mãe), como do amargo conflito entre Troianos e Gregos, no qual prevê fantasmagoricamente a destruição ou a maldição do tudo o que lhe é querido, visto ter o poder da profecia.

Articulando o facto arqueológico com a lenda, os mitos dos deuses com os feitos dos heróis, o facto e a ficção, Marion Zimmer Bradley insufla uma vida nova, num conto antigo, reinventando para nós Aquiles, Eneias, Heitor, Pátroclo, Helena de Tróia, Ulisses, Agamemnon, Menelau como «pessoas» vivas, empenhadas numa luta desesperada que condena tanto os vencedores como os vencidos, sendo o seu destino visto através dos olhos de Cassandra, sacerdotisa, princesa e mulher apaixonada, com um espírito guerreiro!

Sorting by
  • 5

    La rinascita di un poema immortale

    Il romanzo ripercorre la storia di Troia e la sua caduta dal punto di vista di Cassandra, profetessa del Dio Sole e della Madre Terra, condannata a non essere creduta. Personalità forte e indipendente come gran parte delle protagoniste femminili nate dalla mano esperta di Marion Zimmer Bradley. U ...continuar

    Il romanzo ripercorre la storia di Troia e la sua caduta dal punto di vista di Cassandra, profetessa del Dio Sole e della Madre Terra, condannata a non essere creduta. Personalità forte e indipendente come gran parte delle protagoniste femminili nate dalla mano esperta di Marion Zimmer Bradley. Una scrittura fluida ed emozionante ( che nessuna delle sue eredi ha, a mio parere, saputo eguagliare). Infondo anche l'Iliade è un poema epico "romanzato" e così si esprime l'autrice in proposito: "se fossi stata soddisfatta di ciò che viene narrato nel poema omerico, non avrei avuto motivo di scrivere questo romanzo. Se gli autori greci si sentivano liberi di improvvisare, non ho bisogno di scusarmi per aver seguito il loro autorevole esempio".

    dito em 

  • 1

    Delusione senza limiti.

    Ho amato senza riserve la Bradley delle Nebbie di Avalon, quindi non ho avuto problemi a seguire il consiglio di una ragazza di leggere questo, che tra l'altro tratta di un argomento senza dubbio interessante come la caduta di Troia. Ma. Inutile dire che sono rimasta delusa oltre ogni limite quan ...continuar

    Ho amato senza riserve la Bradley delle Nebbie di Avalon, quindi non ho avuto problemi a seguire il consiglio di una ragazza di leggere questo, che tra l'altro tratta di un argomento senza dubbio interessante come la caduta di Troia. Ma. Inutile dire che sono rimasta delusa oltre ogni limite quando mi sono trovata davanti una protagonista lagnosa come Cassandra, attorniata da personaggi fastidiosi e irritanti; ripetizioni di frasi e confusione di ruoli (in particolare quelli delle divinità, che, alla fine del libro, ancora non mi erano chiare). Bocciato. Senza ombra di dubbio.

    dito em 

  • 4

    Carino, ma senza pretese

    È un libro di facile lettura, dalla trama (fin troppo) nota ma comunque sempre interessante. Tuttavia è consigliabile leggerlo senza la pretesa di intenderlo come un 'libro classico', un 'libro di storia' o una sorta di 'poema epico', perchè ovviamente non lo è: alcuni tratti della storia non coi ...continuar

    È un libro di facile lettura, dalla trama (fin troppo) nota ma comunque sempre interessante. Tuttavia è consigliabile leggerlo senza la pretesa di intenderlo come un 'libro classico', un 'libro di storia' o una sorta di 'poema epico', perchè ovviamente non lo è: alcuni tratti della storia non coincidono con quello che ci è stato sempre insegnato, e forse è proprio questo che lo rende abbastanza carino. Comunque sia, la stessa autrice ha precisato di aver cambiato un po' la trama. È in chiave un po' sessista, la protagonista è Cassandra e tutto è visto con i suoi occhi, ciononostante resta un buon romanzo. L'ho insomma letto con piacere, conscia di doverlo classificare comunque come quello che è: un libro di fantasia, basato du una storia fantastica di per sè.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    5

    Ho cavalcato con le amazzoni fino a Colchide e incontrato i centauri. Ho prima odiato e poi amato come una sorella Elena, nonostante sapessi che avrebbe portato solo distruzione e odio nella mia città. Povera Enone… abbandonata da Paride con un figlio solo per il volere di una dea… Ho osservato ...continuar

    Ho cavalcato con le amazzoni fino a Colchide e incontrato i centauri. Ho prima odiato e poi amato come una sorella Elena, nonostante sapessi che avrebbe portato solo distruzione e odio nella mia città. Povera Enone… abbandonata da Paride con un figlio solo per il volere di una dea… Ho osservato la guerra dalle alte mura di Troia, consolando Creusa per la perdita di tutti i suoi figli. Ho sofferto con Andromaca per la caduta di Ettore per mano di Achille. Ho avuto timore della rabbia degli dei e vero a proprio terrore quando la loro rabbia ha fatto tremare la terra. Beh… direi che è questo il bello di un buon Libro.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    4

    Era da un pezzo che non leggevo un romanzo di Marion Zimmer Bradley.
    Ah, no, l'anno scorso avevo letto due dei libri che compongono la saga de Il Giglio Nero, ma poiché uno dei due era scritto a sei mani e l'altro era "così poco suo", nella mia ottica, che... boh.
    Comunque, dicevo, era da ...continuar

    Era da un pezzo che non leggevo un romanzo di Marion Zimmer Bradley. Ah, no, l'anno scorso avevo letto due dei libri che compongono la saga de Il Giglio Nero, ma poiché uno dei due era scritto a sei mani e l'altro era "così poco suo", nella mia ottica, che... boh. Comunque, dicevo, era da un pezzo che non leggevo un romanzo di questo tipo e, ad essere onesta, erano anche molti anni (una quindicina, credo) che anelavo per leggere proprio questo. E devo dire che, benché ne sia rimasta piacevolmente colpita, non sono riuscita a trattenermi dallo storcere leggermente il naso su alcuni passaggi. Come quando Achille muore per mano di Cassandra e, prima ancora, i troppi richiami femministi che, almeno dal mio punto di vista, in certi punti sono persino esagerati. In ogni caso, nell'insieme non posso parlare di delusione, tant'è che gli concedo un voto alto, solo che... credevo sarebbe stato diverso, in qualche modo. Colpa mia e delle mie aspettative, che negli anni sono cresciute forse troppo, in memoria di quel meraviglioso, primo romanzo che lessi quindici anni fa, appunto (Le Nebbie di Avalon), e che mi ha portato ad amare questa bravissima autrice.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    3

    Mi aspettavo di meglio, questo è il motivo delle tre stelle.
    E' il primo libro che leggo di quest'autrice e forse non è il migliore, anche se ho apprezzato la storia e i vari intrecci che mescolano verità storica, appunto, e un po' di fantasia. Peccato che non mi abbia preso come avrebbe dovuto: ...continuar

    Mi aspettavo di meglio, questo è il motivo delle tre stelle. E' il primo libro che leggo di quest'autrice e forse non è il migliore, anche se ho apprezzato la storia e i vari intrecci che mescolano verità storica, appunto, e un po' di fantasia. Peccato che non mi abbia preso come avrebbe dovuto: ci ho messo un sacco di tempo per legggerlo e non avevo mai voglia di andare avanti. Solo verso la fine si è ripreso un po' il ritmo e l'ho finito. Pensavo che venisse spiegato in modo più approfondito e forse più "fantasioso" il rapporto tra Cassandra ed Apollo (un Dio forse che si mostrava direttamente e con un corpo reale?), invece gli Dei, nonostante siano i protagonisti assoluti e i distruttori di Troia, sono apparsi solo in sogno alla sacerdotessa, una volta, e quando prendevano possesso dei corpi umani. Forse è colpa mia, l'avevo scambiato per un fantasy quando in realtà è più storico che altro. Comunque il mio giudizio complessivo è buono e ho apprezzato molto il personaggio di Enea, nonostante tutto :) Paride? L'unica cosa buona che si dice che abbia fatto è uccidere Achille colpendogli il tallone con una freccia. Beh, in questo libro non fa nemmeno questo! Non l'ho mai sopportato u-u

    dito em 

  • 5

    Stupendo!!!

    Spettacolare davvero, a mio parere costituisce uno dei migliori lavori di Marion Zimmer Bradley, quasi alla pari con "Le nebbie di Avalon". Come al solito Marion sa scrivere così bene che leggendo ci si ritrova catapultati nel mondo che sta descrivendo, in questo caso quello omerico dell'Iliade. ...continuar

    Spettacolare davvero, a mio parere costituisce uno dei migliori lavori di Marion Zimmer Bradley, quasi alla pari con "Le nebbie di Avalon". Come al solito Marion sa scrivere così bene che leggendo ci si ritrova catapultati nel mondo che sta descrivendo, in questo caso quello omerico dell'Iliade. Il romanzo è raccontato dal punto di vista di Cassandra (figlia di Priamo e sacerdotessa di Apollo con il dono della veggenza), che racconta la sua vita, fino alla tragica fine della città di Troia. C'è storia, c'è magia, c'è avventura, c'è tragedia e c'è amore. Personalmente ho adorato questo libro dall'inizio alla fine e lo considero uno dei libri più belli che io abbia mai letto. Brava Marion!

    dito em 

Sorting by