Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Previsioni del tempo

Di

Editore: Edizioni Ambiente - Collana Verdenero

3.2
(502)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8889014512 | Isbn-13: 9788889014516 | Data di pubblicazione: 

Genere: Crime , Fiction & Literature , Political

Ti piace Previsioni del tempo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Broker di rifiuti, mediatore finanziario, campione di ascetismo edonistico, l'uomo al vertice dell'organizzazione ha un'idea precisa di cosa sia un cattivo maestro. È quello che ti fa vedere chiaramente tutto quello che non si deve fare, tutto quello che non bisogna essere. Sembra un'operazione di routine, ma la strada non può essere anestetizzata: il passato riaffiora. Qualcuno in alto dovrà sporcarsi le mani? Un viaggio lungo mezza Italia, dentro la pancia putrida del paese.
Ordina per
  • 4

    4 stelle per affetto

    Ci sono i soliti passaggi spiazzanti e taglienti, comunque ben congegnato, ma la storia sta poco in piedi, la si giustifica per il nobile fine di toccare tutti i punti critici del tema.

    ha scritto il 

  • 2

    Avevo già letto di questa collana il libro della Troisi, storie create per denunciare gli abusi ecologici.
    Wu Ming è la prima volta che lo leggo.
    A dire il vero io sono un po' scema...nel senso che certi meccanismi di abusi e riciclaggio sono talmente lontani dalla mia filosofia di vi ...continua

    Avevo già letto di questa collana il libro della Troisi, storie create per denunciare gli abusi ecologici.
    Wu Ming è la prima volta che lo leggo.
    A dire il vero io sono un po' scema...nel senso che certi meccanismi di abusi e riciclaggio sono talmente lontani dalla mia filosofia di vita che non li capisco. Nemmeno se mi mettessi con carta e penna e calcolatrice non capirei il meccanismo. Quindi dell'abuso riguardante i rifiuti, lo spostamento dei rifiuti, la richiesta dei fondi e poi la sparizione dei rifiuti... insomma io mica l'ho capita.
    Però ovviamente ne conosco l'odore (non perché mi piaccia eh, ma ne ho sentito l'olezzo una volta per un lavoro che abbiamo fatta nella ditta dove lavoravo prima... insomma, un pc è stato inondato di percolato... ecco. E la puzza si sentiva ovunque....)
    Fatto sta che mentre leggevo pensavo... questi trasportano roba morta nel camion, piove e da come ne parla è una pioggia sporca, di quelle che infangano il parabrezza, poi i due tipi uno c'ha la gastrite e l'altro la diarrea... tutto torna al percolato che quella volta ha inondato il pc e la puzza era ovunque...
    Insomma un libro che puzza, un libro che denuncia questa puzza.
    Però è una scrittura spezzettata, frammentaria, quelle scritture non fluide, non mi piacciono mica tanto... e spero sinceramente che i Wu Ming non scrivano così tutti i libri perché ora volevo papparmene qualche altro.
    Ci provo però vediamo.
    E questo non mi ha convinto...

    ha scritto il 

  • 3

    Incompiuto come la lotta all'ecomafia

    Il miglior complimento che posso fare la libro è il fatto che il Wu Ming ha cercato di rendere il senso di incompiutezza e sospensione che riguarda la lotta alle ecomafia, in particolare al business dei rifiuti smaltiti illegalmente. La prosa del romanzo è spezzata e frammentaria, va avanti a pic ...continua

    Il miglior complimento che posso fare la libro è il fatto che il Wu Ming ha cercato di rendere il senso di incompiutezza e sospensione che riguarda la lotta alle ecomafia, in particolare al business dei rifiuti smaltiti illegalmente. La prosa del romanzo è spezzata e frammentaria, va avanti a piccoli scatti, l'ulcera e la diarrea dei protagonisti sono una metafora del marcio del nostro paese, una pioggia che non pulisce ma sporca e ingrigisce un paesaggio morale già compromesso.
    Ci sono i buzzurri, la "bassa manovalanza" dell'illegalità, i faccendieri illuminati, che lucrano sullo sporco ma non si sporcano mai, ci sono le vittime collaterali e chi fa intuire un barlume di speranza.
    Alla fine resta un noir che forse avrebbe potuto fare di più ma che assolve al suo scopo.

    ha scritto il 

  • 3

    A fin di bene

    La definizione in Wikipedia di "Realismo socialista":
    La funzione principale era quella di avvicinare l'espressione artistica alla cultura delle classi proletarie e celebrare il progresso socialista.

    Insomma l'arte a fini ideologici e progressisti.
    L'obiettivo dichiarato ...continua

    La definizione in Wikipedia di "Realismo socialista":
    La funzione principale era quella di avvicinare l'espressione artistica alla cultura delle classi proletarie e celebrare il progresso socialista.

    Insomma l'arte a fini ideologici e progressisti.
    L'obiettivo dichiarato della collana a cui appartiene il libro è quello di sensibilizzare nei confronti di vari aspetti della realtà. In questo caso lo smalitimento illegale dei rifiuti.

    Ma come romanzo è un po' esangue e per la parte di denuncia dve econfrontarsi con Gomorra........

    ha scritto il 

  • 4

    il racconto sul camion

    Un malavitoso e il suo vecchio autista attraversano l'Italia in camion, sotto la pioggia e con un'inquietante presenza: un'Alfa bianca che sembra seguirli.
    Trasportano maiali al nord, in cambio avranno immondizia da riportare al sud.
    Si legge bene, sulle strade della scrittura.

    ha scritto il 

  • 3

    Un racconto breve con un bel plot per raccontare le ecomafie dal basso, dalla parte della manovalanza. Stile asciutto, nessuna speranza, nessun lieto fine, nessuna illusione.

    ha scritto il 

  • 2

    Buono ma...

    Al solito i Wu Ming si dimostrano profondi conoscitori del presente, indagando sia gli aspetti sociali che le dinamiche personali.
    Mi sembra però scritto meno bene del solito, un po' macchinoso, un po' forzato. Forse scritto in fretta, o forse poco riscritto. Inoltre i temi che inseriscono ...continua

    Al solito i Wu Ming si dimostrano profondi conoscitori del presente, indagando sia gli aspetti sociali che le dinamiche personali.
    Mi sembra però scritto meno bene del solito, un po' macchinoso, un po' forzato. Forse scritto in fretta, o forse poco riscritto. Inoltre i temi che inseriscono sono molti e non tutti sviluppati a dovere. Anche la trama, in fondo, è un po' troppo semplice per i loro standard.

    ha scritto il