Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Primo amore, ultimi riti

Di

Editore: Einaudi

3.9
(220)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 153 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi semplificata

Isbn-10: 8806180444 | Isbn-13: 9788806180447 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Bertola

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Primo amore, ultimi riti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Ian McEwan

    La prima pubblicazione di Ian McEwan risale al 1975 ed è la raccolta di racconti Primo amore, ultimi riti. In essa si trova in abbondanza lo spirito macabro che caratterizza tutta la prima produzione di McEwan (Il giardino di cemento, Cortesie per gli ospiti); ed è anzi in vi ...continua

    La prima pubblicazione di Ian McEwan risale al 1975 ed è la raccolta di racconti Primo amore, ultimi riti. In essa si trova in abbondanza lo spirito macabro che caratterizza tutta la prima produzione di McEwan (Il giardino di cemento, Cortesie per gli ospiti); ed è anzi in virtù delle piccole e grandi perversioni messe in scena in libri come questo che oggi lo scrittore viene accusato di essere diventato poi insipiente e “commerciale”. In verità, lo spirito sottilmente atroce di McEwan non si è mai spento; si limita forse a cuocere sotto la cenere, ottenendo il risultato di annichilire il lettore con mezzi sì poco spettacolari, ma anche meno gratuiti. Fatto sta che Primo amore, ultimi riti è un esordio piacevole segnato da una spinta sadiana vagamente eversiva, dove ricorre il tema della rottura dei tabù più elementari (incesto, pedofilia). I racconti sono pervasi da una sensazione di pericolo imminente, soprattutto per le bambine, mentre il bambino maschio su cui spesso si focalizza la narrazione è sempre più o meno direttamente responsabile degli avvenimenti nefasti che si abbatteranno sulle indifese controparti femminili. Meno interessanti i racconti che hanno protagonisti adulti, fatta eccezione per il borgesiano Geometria solida, piuttosto fuori schema rispetto all’usuale produzione di McEwan.

    Ripubblicato da Einaudi nel volume Racconti, assieme alla raccolta Fra le lenzuola.

    ha scritto il 

  • 3

    McEwan scrive bene, tanto da non sembrare forzato/esagerato anche quando parla di incesti e pedofilia.

    però questi racconti sono carini, niente di più.
    non per stomaci deboli

    forse a 16 anni l'avrei apprezzato di più

    ha scritto il 

  • 4

    Folgorante

    Non ho altri aggettivi per descrivere una delle più belle raccolte di racconti che abbia mai sfogliato.
    Benché il mio primo approccio con l'autore fosse stato segnato dalla delusione, ho preteso di rifarmi e sono stata più che ripagata.
    L'esplorazione del primo amore, il sesso consuma ...continua

    Non ho altri aggettivi per descrivere una delle più belle raccolte di racconti che abbia mai sfogliato.
    Benché il mio primo approccio con l'autore fosse stato segnato dalla delusione, ho preteso di rifarmi e sono stata più che ripagata.
    L'esplorazione del primo amore, il sesso consumato come rito iniziatico, il desiderio perturbante dell'altro sono solo alcuni dei temi che McEwan pone al centro di una narrazione ora essenziale, costruita su flash folgoranti, ora arricchita da una lingua che fiorisce e inventa con invidiabile disinvoltura.
    Come suggerisce il titolo, una lettura che è quasi un rito e sfoglia l'innocenza con autoptica incisività.

    ha scritto il 

  • 4

    Le otto “short stories” di questa opera giovanile di McEwan, dove il tema dominante è il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, proiettano il lettore in un mondo oscuro (nel senso di non portato all’esterno dell’io protagonista ma vissuto e relegato nell’io interiore dello stesso). Ossessioni, ...continua

    Le otto “short stories” di questa opera giovanile di McEwan, dove il tema dominante è il passaggio dall’infanzia all’adolescenza, proiettano il lettore in un mondo oscuro (nel senso di non portato all’esterno dell’io protagonista ma vissuto e relegato nell’io interiore dello stesso). Ossessioni, amori impuri, familiarità morbosamente patologiche, violenze fisiche e psicologiche nei confronti di adolescenti, colpiscono con la forza di un bulldozer.

    ha scritto il 

  • 3

    RACCONTI:
    - Fatto in casa **
    - Geometria solida ****
    - L'ultimo giorno d'estate ****
    - Cocker a teatro **
    - Farfalle ****
    - Conversazione con l'uomo nell'armadio ***
    - Primo amore, ultimi riti ***
    - Travestimenti ***

    ha scritto il 

  • 2

    Datato

    Se lo avessi letto quando è uscito, e soprattutto all'età che avevo quando è uscito, sono sicura, ne sarei andata pazza! Ora l'ho trovato un po' datato e acerbo. Forse è per questo mi ha fatto un po' tenerezza, nonostante i temi trattati?

    ha scritto il