Primo amore

Di

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

3.5
(64)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804400528 | Isbn-13: 9788804400523 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ilva Tron

Genere: Rosa , Adolescenti

Ti piace Primo amore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Minna ha undici anni e desidera molte cose: che sua madre smetta di scrivere per ascoltarla veramente; vivere in una casa tranquilla e ordinata come quella del suo amico Lucas; e, soprattutto, suonare Mozart come merita di essere suonato. Anche Willa ha undici anni e sogna di trovare il vero amore e di fare cose straordinarie e specialissime... il problema è: quali sono le cose veramente straordinarie? Minna e Willa: due ragazze che si affacciano nel mondo, pronte a scoprire qualcosa di molto importante sul significato di fatti e finzioni, sul perché certe cose accadono e basta, e su ciò che può farle realmente felici... per esempio, un primo amore.
Ordina per
  • 1

    E questa una lettura per ragazzi dovrebbe essere?!
    Non mi è piaciuto affatto questo libro.
    Prima di tutto perché è confusionario,secondo che cosa mi significa mettere due storie in un libro!??!
    al ...continua

    E questa una lettura per ragazzi dovrebbe essere?!
    Non mi è piaciuto affatto questo libro.
    Prima di tutto perché è confusionario,secondo che cosa mi significa mettere due storie in un libro!??!
    almeno avessero avuto un collegamento,un paragone qualcosa che avesse uno scopo... bah.....
    non vale nemmeno una stella.

    ha scritto il 

  • 5

    Calendario dell'Avvento. Libri sotto l'albero.

    il libro:
    Qui dentro ci sono due storie. La prima è quella di Minna Pratt, undici anni, che suona il violoncello e desidera una vita ordinata, mentre la sua è piena di caos. In particolare, le piacere ...continua

    il libro:
    Qui dentro ci sono due storie. La prima è quella di Minna Pratt, undici anni, che suona il violoncello e desidera una vita ordinata, mentre la sua è piena di caos. In particolare, le piacerebbe che sua madre fosse più “normale”: invece è una scrittrice e si occupa di cose astruse, e sembra interessarsi a tutti tranne che a lei. Grazie all’incontro con Lucas, che suona la viola, ha un vibrato e molto spesso delle rane in tasca, Minna comincia a riflettere sulle cose e le persone – proprio come sua madre – e a rendersi conto di quanto siano preziose le differenze, e di come la vita sia curiosa e comica e imprevedibile, e forse a capire cosa significhi la strana frase appuntata sulla bacheca della madre: Fatto e finzione sono differenti verità. La seconda storia racconta di Willa, che ha undici anni anche lei, cerca il vero amore e vorrebbe, al contrario di Minna, che la sua vita e la sua famiglia fossero meno ordinarie. Durante una lunga, indimenticabile estate, insieme al suo gemello Nicholas e al loro nuovo amico Horace Morris, Willa scoprirà che le cose ordinarie e le cose straordinarie possono coincidere e confondersi, ed è questo che fa la meraviglia dell’esistenza. E sullo sfondo di entrambi i racconti, fratelli che parlano cantando, vecchietti che si aggirano in carriola, pappagalli ribelli che cercano la libertà, bambine che giocano a baseball indossando orecchini rosa a forma di piuma e mille altri personaggi bizzarri: nel mondo tenero e buffo di Patricia MacLachlan la stravaganza è un attributo necessario di ogni creatura.

    la citazione:
    - Che fai?
    - Accoppio le calze. Le accoppio per impedire che diventino alienate.

    C’erano un sacco di cose che erano difficili e sembravano semplicissime. Passare l’aspirapolvere, per esempio. Fare le insalate. Trovare il vero amore.

    lo regalo a:
    una lettrice o un lettore dagli 11 anni, che possieda senso dell’umorismo, senso della poesia e gusto per l’assurdo; in generale, è un libro per strambi. Di qualsiasi età.

    consigliato da
    Marta Barone
    autore

    www.maredilibri.it

    ha scritto il