Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Like Profondo horror ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

3 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Solo pochissimi dei racconti di questo libro sono horror, o comunque si avvicinano di più all'horror, e sono anche i migliori della raccolta: "Addio, oscuro amore", "Là fuori", "Vuoti", "Irrelatività", "Le mani" e "La mietitrice". Il resto sono racco ...(continue)

    Solo pochissimi dei racconti di questo libro sono horror, o comunque si avvicinano di più all'horror, e sono anche i migliori della raccolta: "Addio, oscuro amore", "Là fuori", "Vuoti", "Irrelatività", "Le mani" e "La mietitrice". Il resto sono racconti noiosi ("Vampiro"), tra il noir dozzinale e lo psicologico ("L'uomo con la zappa", "La campana", "Piccole crudeltà"), poveri di idee ("Il mostro", "Stanno venendo per te") e a volte assolutamente insensati ("Trasferimento","Dolore").
    Lo consiglierei solo se lo trovate a pochi euro, altrimenti lasciatelo dov'è.

    Is this helpful?

    Mario Longmire said on Aug 3, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dov'è l'orrore in questi 20 racconti pomposamente definiti "i migliori racconti di fine millennio"?
    Racconti (se vogliamo chiamarli così) come "Vampiro" di Matheson figlio (che fa rimpiangere, e di molto, il padre), che assomiglia più ad una poesia h ...(continue)

    Dov'è l'orrore in questi 20 racconti pomposamente definiti "i migliori racconti di fine millennio"?
    Racconti (se vogliamo chiamarli così) come "Vampiro" di Matheson figlio (che fa rimpiangere, e di molto, il padre), che assomiglia più ad una poesia haiku (senza averne ne' lo stile ne' al forza) che a un barlume di racconto. Un niente lungo tre pagine.
    E che dire di "Addio, oscuro amore" di Roberta Lannes? Incentrato su un rapporto necrofilo senza capo ne' coda? Meglio leggere "Cabal" allora, che tra l'altro è stato scritto tre anni prima di questo racconto ed è descritto molto meglio...
    E' horror "Dolore" di Strieber che chiude la raccolta? Dov'è l'horror, dov'è la tensione in questi 20 racconti? L'orrore sta nel leggerli e rendersi conto, pagina dopo pagina, del tempo che si sta sprecando per arrivare alla fine di questa antologia.
    Si salvano a malapena "Anime perdute" di Barker (che assomiglia molto ad un'avventura di "Constantine"), "La mietitrice" di Bloch (ennesima rivisitazione del patto con la Morte), "Irrelatività" di Royle (questo sì con un po' di tensione, anche se "Incubo di una notte di mezza estate", Dylan Dog 36, è decisamente molto meglio) e "L'ultima pietra" di Nolan (Jack lo Squartatore in chiave moderna).
    Per il resto, 16 racconti affastellati senza senso, senza una storia da raccontare, senza pathos. Squarci aperti nel nulla che non lasciano nulla dopo averli letti, se non la sensazione disturbante (quella sì) di aver perso tempo a leggerli e pensando a quanto di meglio esista in circolazione e degno di essere letto.
    Una puntata di "Teletubbies" è più horrorifica della maggior parte diq uesti racconti.

    Is this helpful?

    Mishita said on Apr 15, 2012 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Antologia edita da Bompiani nel 1993 (la versione originale americana è del 1986…); si tratta della trasposizione a pizzaland di Cutting Edge, titolo decisamente più affine alle reali intenzioni del curatore, Dennis Etchison. Infatti, nel 1986, i lim ...(continue)

    Antologia edita da Bompiani nel 1993 (la versione originale americana è del 1986…); si tratta della trasposizione a pizzaland di Cutting Edge, titolo decisamente più affine alle reali intenzioni del curatore, Dennis Etchison. Infatti, nel 1986, i limiti si stava cercando di abbatterli sul serio e molti scrittori non-mimetici avevano deciso, con esiti altalenanti, di frequentare abitualmente la lama del rasoio. Il tratto caratterizzante di Cutting Edge è la volontà precisa e deliberata di proporre una visione non scontata né stereotipica dell’horror; presupposto non marginale, la celebrazione della brutalità omicidiaria e una conseguente attenzione morbosa alla violazione della anatomia umana. Un sociologo potrebbe leggerci dietro una qualche metafora di reazione contro il Reaganismo imperante e contro l’edonismo di quegli anni, ma dato che io non sono un sociologo queste conclusioni traetevele da soli se lo volete e se lo ritenete di qualche importanza.
    Il libro è diviso in 4 sezioni, “tutto ritorna”, “stanno venendo per te”, “alla luce dei fari”, “continuando a morire”, per un totale di 20 racconti la cui qualità media si situa decisamente sopra la media, sfiorando in alcuni casi l’assoluta eccellenza; uno di questi casi è rappresentato dallo straordinario “musica registrata per squartamenti artistici” di Mark Laidlaw, e trovo sia al tempo stesso paradossale e rivelatorio notare come Laidlaw NON sia uno scrittore horror ma bensì uno dei più promettenti esponenti del post-cyberpunk, autore del grottesco e magistrale affresco post-nucleare di UNA FAMIGLIA NUCLEARE. Il racconto presente nell’antologia è irriverente, brutale, sanguinolento e cinicamente umoristico, una piccola depravata gemma letteraria Altro racconto da segnalare è lo splendido “Irrelatività”, di Nicholas Royle; se amate le atmosfere ballardiane di straniante critica sociale, procuratevi il suo SMEMBRAMENTI pubblicato da Einaudi qualche anno fa. “Irrelatività” invece è un breve racconto di atmosfere cupe e meditabonde, che parte come un divertissement ballardiano per finire in un (onirico) bagno di sangue alla Hostel. E menzione al merito per “addio, oscuro amore”, di Roberta Lannes; il brevissimo scritto, quasi una sorta di allegorico schizzo, riesce a convogliare in poche pagine un crescendo delirante di abuso familiare, sadismo, incesto, omicidio e necrofilia.

    Is this helpful?

    DrSiev said on Jan 19, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (95)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 220 Pages
  • ISBN-10: 8845220672
  • ISBN-13: 9788845220678
  • Publisher: Bompiani
  • Publish date: 1993-01-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book