Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Profondo rosso

La sinistra perduta

Di

Editore: Einaudi (Passaggi)

3.6
(7)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 220 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806196286 | Isbn-13: 9788806196288 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace Profondo rosso?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Iacoboni ha il merito di centrare tutte le questioni irrisolte della sinistra contemporanea, che a furia di comportarsi come se la società non fosse cambiata negli ultimi sessant'anni si ritrova ...continua

    Iacoboni ha il merito di centrare tutte le questioni irrisolte della sinistra contemporanea, che a furia di comportarsi come se la società non fosse cambiata negli ultimi sessant'anni si ritrova spesso fianco a fianco della destra e dell'estrema destra, schiacciata sulle sue stesse posizioni. Meriterebbe mezzo punto in meno per la scrittura un po' involuta - troppe virgole - ma arrotondo per eccesso. Buon libro.

    ha scritto il 

  • 2

    Esiste una sinistra perdente o perduta?
    In questo libro si cerca di dare una risposta al quesito, ma da presupposti, a mio parere, errati. Innanzitutto non esiste una sola sinistra, ma, come fu nel ...continua

    Esiste una sinistra perdente o perduta?
    In questo libro si cerca di dare una risposta al quesito, ma da presupposti, a mio parere, errati. Innanzitutto non esiste una sola sinistra, ma, come fu nel secolo scorso (PSDI, PSI, PCI, PDUP, DP e numerosi gruppi extraparlamentari), diversi modi di collocarsi in quest'area politica, con metodologie diverse nell'azione e nel pensiero. In questo libro di discute di grandi problematiche, attraverso l'esperienza ed il pensiero di singoli individui, che si definiscono di sinistra, smarriti o titubanti nel condividere prese di posizione attorno alle problematiche odierne, sulle quali esistono idee diverse ed anche contrastanti nel calderone progressista. Non penso che le tematiche analizzate in questo libro, in modo troppo intellettualoide, siano quelle che attanagliano il popolo della sinistra provocando una crisi di consensi. La sinistra, secondo me, soffre di inettitutine, non di mancanza di idee: in questo periodo, sono numerosi i lavoratori che occupano fabbriche, tentando di tutelare quello che per loro è più importante, il posto di lavoro. Da qui deve ripartire la sinistra, nell'azione di solidarietà con quelle persone che hanno bisogno di appoggio morale ed istituzionale nella ricerca della soddisfazione delle esigenze quotidiane, o addirittura nella ricerca della felicità. Questo è un buon punto di partenza per ricreare quello spirito solidale fra le varie anime della sinistra che potrà spingerla verso una rinascita, nel pensiero e nell'agire.

    ha scritto il 

  • 5

    Un viaggio ragionato in nove tappe tra le cause che hanno disintegrato la sinistra, dato alla luce un partito già moribondo, e consegnato le chiavi di casa a B. Ma c'è anche spazio per la speranza ...continua

    Un viaggio ragionato in nove tappe tra le cause che hanno disintegrato la sinistra, dato alla luce un partito già moribondo, e consegnato le chiavi di casa a B. Ma c'è anche spazio per la speranza nel libro di Jacoboni: lucine fioche, certo, rispetto alla notte fonda nella quale si è infilata la "gauche", ma che potrebbero aiutare la navigazione.

    ha scritto il