Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Psicologia dei fenomeni occulti

Di

Editore: Newton & Compton

3.5
(90)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8879836129 | Isbn-13: 9788879836128 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Celso Balducci

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Social Science

Ti piace Psicologia dei fenomeni occulti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lo studio delle manifestazioni definite “paranormali” ha avuto sempre un ruolo di grande rilievo nelle ricerche di Jung. Egli scriveva infatti: «Una psicologia della coscienza può appagarsi del materiale tratto dalla vita personale, ma non appena desideriamo spiegarci una nevrosi abbiamo bisogno di un’anamnesi che si spinga più a fondo di quanto faccia la coscienza». Da qui la necessità di esplorare tutti i campi per trovare una risposta alle immagini dell’inconscio e dunque di avvicinarsi all’occultismo, alla magia, al misticismo. È ciò che Jung fa nei saggi raccolti in questo volume, indagando la natura dei fenomeni cosiddetti “occulti” con il rigore – ma anche con l’apertura mentale – del grande ricercatore.

«In questa età di materialismo […] si è avuta una reviviscenza della fede negli spiriti, sia pure a un livello più elevato. Non si tratta di una ricaduta nella superstizione, ma […] del bisogno di proiettare la luce della verità su un caos di fatti malsicuri.» (C. G. Jung)
Ordina per
  • 4

    Scorrevole trattato pieno di casistica clinica e non. Adatto sia alle persone di scienza che a coloro che si interessano di fenomeni paranormali. Seppur si riscontri l'inclinazione verso il metodo scientifico, Jung ne fa presente anche i limiti. Particolare anche il modo in cui fa riferimento ad ...continua

    Scorrevole trattato pieno di casistica clinica e non. Adatto sia alle persone di scienza che a coloro che si interessano di fenomeni paranormali. Seppur si riscontri l'inclinazione verso il metodo scientifico, Jung ne fa presente anche i limiti. Particolare anche il modo in cui fa riferimento ad eventi religiosi, cercando di spiegarli in chiave scientifica.

    ha scritto il 

  • 4

    tutto si spiega...

    tutto è spiegabile, ogni cosa dipende da una ragionevole asintonia, una mezza bugia + o meno plausibile di conscio e inconscio, quando nn ci si mettono anche altre azioni di ordine meccanico, che han cmq sempre un loro linguaggio che possiamo decoficare, e quindi spiegare

    ha scritto il 

  • 5

    psicologia dei fenomeni occulti

    Lo studio delle manifestazioni dette "paranormali" ha avuto sempre un ruolo significativo e importante nella vita di Jung.
    Personalmente lo definisco "Psichiatra dell'anima" perchè a differenza di Freud che è più razionale e materiale, Jung riesce sempre ad approfondire la sua conoscenza de ...continua

    Lo studio delle manifestazioni dette "paranormali" ha avuto sempre un ruolo significativo e importante nella vita di Jung.
    Personalmente lo definisco "Psichiatra dell'anima" perchè a differenza di Freud che è più razionale e materiale, Jung riesce sempre ad approfondire la sua conoscenza dell'anima in un modo davvero travolgente ed entusiasmante. Inoltre Jung prima di dare importanza alla mente a ciò che scaturisce e manifesta la mente, dà molta più importnza all'anima perchè è da l'anima che nascono i traumi"
    Quest libro cerca di spiegare l'occultismo in base all'esperienza di una giovane ritenuta pazza e strega alla fine si vedrà cosa invece questa ragaza aveva rifugiato nel suo inconscio personale che la conduceva a svolgere una vita un pò "bizzarra".
    Bel libro di comprensione.

    ha scritto il 

  • 3

    In questo libro Jung si arrampica sugli specchi per spiegare i fenomeni apparentemente soprannaturali in due casi da lui studiati. Il che, dopotutto, è preferibile al credere che tali fenomeni esistano davvero. Almeno per un uomo razionale e materialista...

    ha scritto il