Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Psicopatologia della vita quotidiana

Dimenticanze, lapsus, sbadataggini, superstizioni ed errori

Di

Editore: Newton Compton

3.9
(1332)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 232 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8879835548 | Isbn-13: 9788879835541 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Cecilia Galassi

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Non rilegato

Genere: Non-fiction , Da consultazione , Social Science

Ti piace Psicopatologia della vita quotidiana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Psicopatologia della vita quotidiana" descrive una delle strade più celebri percorse da Freud per raggiungere l'inconscio: l'interpretazione dei lapsus, delle dimenticanze, delle sviste, di tutte quelle disattenzioni apparentemente insignificanti, così frequenti nella nostra vita quotidiana. Ideale continuazione de "L'interpretazione dei sogni", quest'opera estende il metodo alle manifestazioni della veglia che tradiscono la presenza e la pressione degli impulsi inconsci.
Ordina per
  • 3

    Lapsus e non solo. Tutti gli atti mancati che sono i migliori segnali che l'inconscio è lì, a segnalarci la sua presenza e il suo essere l'Altro.
    Ricordo di questo libro un riferimento alla numerologi ...continua

    Lapsus e non solo. Tutti gli atti mancati che sono i migliori segnali che l'inconscio è lì, a segnalarci la sua presenza e il suo essere l'Altro.
    Ricordo di questo libro un riferimento alla numerologia che ho trovato ingenuo alla seconda lettura.

    ha scritto il 

  • 2

    Abbandonato dopo aver letto qualche capitolo. A mio parere i capitoli sono noiosi e i termini troppo tecnici per un pubblico ignorante in materia.

    Proverò a dargli una seconda chance prossimamente :) ...continua

    Abbandonato dopo aver letto qualche capitolo. A mio parere i capitoli sono noiosi e i termini troppo tecnici per un pubblico ignorante in materia.

    Proverò a dargli una seconda chance prossimamente :)

    ha scritto il 

  • 4

    Rimedi e Veleni di una lettura farmaceutica

    Lettura che scende come acqua fresca (lungo il corso di tante pagine, parrebbe di assistere alla messa in scena di fre(u)ddure, motti di spirito, barzellette...!); è testo divulgativo, è presentazione ...continua

    Lettura che scende come acqua fresca (lungo il corso di tante pagine, parrebbe di assistere alla messa in scena di fre(u)ddure, motti di spirito, barzellette...!); è testo divulgativo, è presentazione (con suggerimenti alla teoria veramente ridotti all'osso) di tantissimi casi raccolti (di molti, sono protagonisti lo stesso Freud e i suoi colleghi).
    Però l'acqua fresca inizia a fare gorgo, e poi sul fondo sedimenta uno strato polverizzato di calcare pesante.
    Agganciati i lettori, Freud inizia a insistere sul fatto che nessuno è scevro di nevrosi, poiché bisogna accettare di essere preda lacerata di pulsioni e intenzioni contraddittorie.
    Significativo il richiamo, nella seconda metà del libro, al Conosci te stesso: l'osservazione di sè deve essere il primo momento della conoscenza (come infatti avviene per i psicoanalisti, che prima di medici sono pazienti). Eppure, la raccolta accanita di sintomi di se stessi (ma sintomi non di un io integro - della sua scissione, della sua opposizione) a cosa porta?
    Messinscena del paradosso (come dice bene Tarkovskij di una pagina dell'Idiota di Dostoevskij, dove il Principe e Rogozin siedono vicini, tanto da urtarsi con le ginocchia, in una stanza immensa), collezione di ambiguità irrisolvibili, rilievi stratigrafici (discorso di sè come scultura, ma forse senza la reale pulizia della metafora platonica), misurazione del pozzo dell'inconscio (con tutto il fascino della misurazione, che ci dota di cifre numeriche mirabolanti); spesso, la vivace angoscia di un'ottima letteratura.

    ha scritto il 

  • 0

    qualcosina

    la mattina uscivamo di casa
    io con la borsa giù per le scale del

    condominio tutti felici salivamo in macchina e
    poi la bimba diceva

    abbiamo tutto?
    e mancava effettivamente lo zaino di scuola

    della bim ...continua

    la mattina uscivamo di casa
    io con la borsa giù per le scale del

    condominio tutti felici salivamo in macchina e
    poi la bimba diceva

    abbiamo tutto?
    e mancava effettivamente lo zaino di scuola

    della bimba
    eh, uno si lava i denti

    si mette le scarpe si chiude la giacca
    si pettina uno può capitare

    di dimenticare qualcosina

    ha scritto il 

  • 3

    Ma come era tormentato Freud! Interessante, a volte perfino banale!!! Il libro mi convince sempre di più che, chi si dedica a tali tipi di studio, senza offesa per nessuno, sia esso stesso in primis u ...continua

    Ma come era tormentato Freud! Interessante, a volte perfino banale!!! Il libro mi convince sempre di più che, chi si dedica a tali tipi di studio, senza offesa per nessuno, sia esso stesso in primis una persona problematica, e il Dr.Freud tale indubbiamente mi appare!

    ha scritto il 

Ordina per