Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Pugni

By Pietro Grossi

(595)

| Paperback | 9788838920929

Like Pugni ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

«A me la faccenda della boxe piaceva parecchio. Non so cos’era. Forse anche la formidabile sensazione che c’era un luogo dove avevo qualche numero, o dove comunque potevo battermi ad armi pari». Il Ballerino e la Capra: è come se tutta la loro vita, Continue

«A me la faccenda della boxe piaceva parecchio. Non so cos’era. Forse anche la formidabile sensazione che c’era un luogo dove avevo qualche numero, o dove comunque potevo battermi ad armi pari». Il Ballerino e la Capra: è come se tutta la loro vita, quella breve trascorsa ma anche la futura, fosse stata disegnata per il loro incontro. Il Ballerino è per bene, prende bei voti, non ha mai una ragazza, goffo («sfigato», secondo l’autodefinizione) e «dice sempre la cosa sbagliata»: fa pugilato per riappropriarsi dell’esistenza; con la sua leggerezza da libellula sul quadrato è diventato una leggenda, ma la madre gli vieta di salire sul ring seppure per un solo incontro e lui non si è mai misurato. La Capra, è povero, è sordo e non riuscire a sentire le voci lo ha escluso dal mondo, combatte con una testarda determinazione ed è un campione che scala la vittoria come le capre i burroni, ma vuole sapere se veramente è lui il più forte. Boxe, il primo di questi tre ritratti di giovani alle prese con l’iniziazione alla vita, parla di palestre e odori di corpi, di sacrifici e rese smargiasse, della prova e della sfida, della rivelazione folgorante del senso segreto della vita, dando la sensazione di un arco che si tende al limite della rottura. Cavalli, il secondo, ha come un andamento di ballata e fa sentire spazi aperti: due fratelli, ricevono dal padre due cavalli e il via al loro destino. «Fu subito chiaro a tutti che i cavalli avrebbero portato i due fratelli in luoghi diversi» e il primo usa il suo per andare e venire dalla città in esperienze e avventure; l’altro resta, col laborioso intento di metter su un allevamento. Una ferita aperta da lavare li ritrova fianco a fianco e svela chi è già uomo e chi deve ancora diventarlo. Se i primi due hanno a che fare con l’impresa di giovani uomini di diventare ciò che sono, il terzo racconto, La scimmia, narra la voglia di sparire come strada possibile in agguato, e rappresenta la fragilità invincibile degli esseri: l’amico conosciuto come più ricco, più fortunato, improvvisamente decide di essere una scimmia, e il velo impenetrabile del delirio mostra un certo senso della vita che da quel momento si attacca all’amico sano come il doppio che sta sempre accanto. Pietro Grossi, giovanissimo scrittore, esprime un’epica del quotidiano; i suoi personaggi, uniti in coppia da doppi legami destinati a salvarsi assieme o cedere entrambi (l’avversario-amico per sempre, l’antagonista-fratello, l’alter ego sconfitto) lottano per una specie di unità dell’esperienza.

73 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La brutta copia di Baricco, a cui sono rimasti solo i tic.

    Is this helpful?

    Lucilia said on Jan 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Fu subito chiaro a tutti che i cavalli avrebbero portato i due fratelli in luoghi diversi. E' inutile stare a raccontarci che siamo tutti uguali, ognuno sfrutta il mondo a modo suo, per arrivare suo malgrado dove gli spetta. C'è chi il coltello lo u ...(continue)

    "Fu subito chiaro a tutti che i cavalli avrebbero portato i due fratelli in luoghi diversi. E' inutile stare a raccontarci che siamo tutti uguali, ognuno sfrutta il mondo a modo suo, per arrivare suo malgrado dove gli spetta. C'è chi il coltello lo usa per uccidere e chi per affettarsi una mela. Lo stesso coltello, e tutto ciò che c'è nel mezzo, è il mondo diverso per ognuno di noi"

    "Era una di quelle donne sovrappeso con l'utero pieno di cemento che a un certo punto della loro vita hanno deciso che un buon affare è meglio di dormire con un uomo. Una di quelle donne emancipate che non sanno cucinare e non leggono un libro, ma che vanno in giro con grandi foulard di Hermès al collo e si salvano leggendo l'inserto cultura del Sole 24 Ore"

    Non credo ci sia bisogno di ulteriori commenti.

    Is this helpful?

    Berle said on Sep 5, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bel libro, gran talento, anche se vagamente baricchese.

    Is this helpful?

    Monia said on Aug 2, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Uno splendido primo racconto

    Iniziai a leggere "Pugni" seguendo il consiglio di un'amica, ero a casa, sul divano, quando rialzai gli occhi era passata più di un'ora e avevo finito il primo, splendido, racconto di questa piccola raccolta.
    - Finalmente - mi sono detto - ho trovat ...(continue)

    Iniziai a leggere "Pugni" seguendo il consiglio di un'amica, ero a casa, sul divano, quando rialzai gli occhi era passata più di un'ora e avevo finito il primo, splendido, racconto di questa piccola raccolta.
    - Finalmente - mi sono detto - ho trovato un italiano contemporaneo che davvero mi appassiona.
    Leggendo questo testo sembra di esserci in palestra con "il ballerino", pare di sentirli i suoi pugni eleganti e quelli, testardi, del suo antagonista.
    Gli altri due racconti li ho trovati meno belli, il secondo un po' troppo "americano"; il terzo ha uno stile diverso, un po' alla Carver, che personalmente non amo troppo.
    Ad ogni modo il primo racconto vale davvero l'intero libro.

    Is this helpful?

    Stefano Dalpian said on Apr 23, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il recto ed il verso dell’adolescenza: recensione a “Pugni” di Pietro Grossi

    di Camilla Panichi
    Pietro Grossi è nato nel 1978 a Firenze. Esordisce nel 2000 con il romanzo Touché (Pagliai Editore), ma il libro che lo afferma come scrittore è Pugni (Sellerio, 2006), finalista del premio Viareggio e del premio Strega … L ...(continue)

    di Camilla Panichi
    Pietro Grossi è nato nel 1978 a Firenze. Esordisce nel 2000 con il romanzo Touché (Pagliai Editore), ma il libro che lo afferma come scrittore è Pugni (Sellerio, 2006), finalista del premio Viareggio e del premio Strega … Leggi l’articolo completo: http://quattrocentoquattro.com/2012/03/02/il-recto-ed-i…

    Is this helpful?

    404: file not found said on Apr 18, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (595)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 188 Pages
  • ISBN-10: 8838920923
  • ISBN-13: 9788838920929
  • Publisher: Sellerio (Il contesto ; 10)
  • Publish date: 2006-01-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book

Margin notes of this book