Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pussey!

By

Publisher: Fantagraphics

3.7
(27)

Language:English | Number of Pages: 64 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Spanish

Isbn-10: 1560971835 | Isbn-13: 9781560971832 | Publish date:  | Edition 1

Category: Comics & Graphic Novels , Humor

Do you like Pussey! ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A vicious satire of pop culture and the commerce of art!

This hilarious classic from Dan Clowes is a brutal and scathing peek into the insular, pathetic world of the comic book industry, as seen through the eyes of antihero Dan Pussey (pronounced "Pooh-say"), creator of the smash superhero comic Nauseator. From cradle to grave, Clowes presents the complete saga of Young Dan Pussey, mercilessly skewering the business and medium of comics, bouncing from art to commerce to culture high and low. Clowes not only parodies the superhero genre (notably Stan "The Man" Lee), but also his own peers, from his publishers and fellow authors at Fantagraphics to artistic heavyweights like Art Spiegelman (seen here as "Gummo Bubbleman"). Through it all, Pussey dreams endlessly about having sex with a woman, but even those fantasies degenerate into superhero scenarios. If you think Comic Book Guy on The Simpsons is pathetic (and hilarious), wait 'til you read Pussey!
Sorting by
  • 4

    Meno complesso di altri lavori di Clowes, "Pussey" è una grande presa per il culo del mercato supereroistico americano. Un mercato basato da sempre sullo sfruttamento degli autori, autori che a loro volta sono deir agazzini mai cresciuti e sessualmente frustrati. Esagerato? E' il Clowes prima man ...continue

    Meno complesso di altri lavori di Clowes, "Pussey" è una grande presa per il culo del mercato supereroistico americano. Un mercato basato da sempre sullo sfruttamento degli autori, autori che a loro volta sono deir agazzini mai cresciuti e sessualmente frustrati. Esagerato? E' il Clowes prima maniera :)

    said on 

  • 2

    Uno de los libros menos inspirado de Daniel Clowes que he leído, pero aún y así su reflexión sobre la industria y sobre el público del cómic (ajustes de cuentas incluidos) merece una oportunidad.

    said on 

  • 3

    una satira dritta e tagliente dell'industria, della storia e del mercato dei fumetti americani. In sole 50 pagine Clowes rende in maniera freddamente impietosa ipocrisie, sfigaggini, trucchi e meccanismi di tutto il circo. Non si salva nessuno, da Stan Lee ad Art Spiegelman, e non si salvano nepp ...continue

    una satira dritta e tagliente dell'industria, della storia e del mercato dei fumetti americani. In sole 50 pagine Clowes rende in maniera freddamente impietosa ipocrisie, sfigaggini, trucchi e meccanismi di tutto il circo. Non si salva nessuno, da Stan Lee ad Art Spiegelman, e non si salvano neppure gli sfigati disegnatori stessi, supposte vittime del sistema a cui però non sanno o non vogliono ribellarsi.

    said on