Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Putas Asesinas

By Roberto Bolaño

(137)

| Paperback | 9788433968081

Like Putas Asesinas ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

35 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Anche se non è un romanzo, ma una raccolta di racconti ((ed alcuni di essi potrebbero essere da soli dei piccoli grandi romanzi), messi tutti assieme possono essere anche considerati, così come è nello stile dello scrittore, come episodi di un unico ...(continue)

    Anche se non è un romanzo, ma una raccolta di racconti ((ed alcuni di essi potrebbero essere da soli dei piccoli grandi romanzi), messi tutti assieme possono essere anche considerati, così come è nello stile dello scrittore, come episodi di un unico romanzo, in cui Bolano, il perennemente esule, descrive personaggi che ha incontrato nel suo percorso di vita, in condizioni spesso borderline rispetto alla vita e alla società. Libro spesso triste, con una modalità di scrittura strabiliante attraversa argomenti come la solitudine, la morte, relazioni e disperazione. Nonostante tutto ti lascia però dentro un senso di speranza. Grande Bolano: se fosse vivo vorrei essere suo amico.

    Is this helpful?

    blowup111 said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sento che la mi pianta di pomodoro cazzeggia con qualcuno che non vedo. Sento cosa si dicono però e chiaramente. Forse dovrei preoccuparmi. Dicono dai, scriviamo una storia che schocka il mondo, dai. Ok che vogliamo scrivere? Vediamo, killer e ...(continue)

    Sento che la mi pianta di pomodoro cazzeggia con qualcuno che non vedo. Sento cosa si dicono però e chiaramente. Forse dovrei preoccuparmi. Dicono dai, scriviamo una storia che schocka il mondo, dai. Ok che vogliamo scrivere? Vediamo, killer e detective?, no usato. Femminicidio?, no usato. Delitti raccapriccianti?, no e chi si spaventa più? Sesso sfrenato, scopate esplicite?, no il porno è ok. I vecchi?, mmmh i vecchi non so, potrebbero funzionare ma non penso. Allora i bambini?, sì, i bambini ancora sì, ma piccoli. Quanto piccoli?, direi da 0 a 7. Ok e che succede? Bisogna ucciderne un mare, in massa, e deve accadere in più posti, la pazzia non deve essere isolata, devono morire ovunque centinaia di bambini. Una setta?, forse ma a noi questo non interessa. E che ci interessa? Ci interessa raccontare in modo freddo e asciutto la morte terribile di molti bambini, denutrizione, torture, abusi, pelle che cola, pance gonfie volti lividi, teschi, ossa rotta, sangue scuro da ferite invisibili. Ho capito, ma bisogna che mettiamo un colpevole. No no, non c'è bisogno, lo possiamo solo accennare poi chi sente la storia se lo immagina, si può accennare a qualcosa di religioso, che funziona sempre, o a qualcosa di reale, una specie di piano politico governativo, un mondo leggermente distopico ma conservatore che dobbiamo stare attenti alla censura. Ma noi la vogliamo la censura. Sì ma furbi, dobbiamo stare attenti. Il punto fondamentale sono i bambini, poche informazioni ma storie tragiche, ragazze madri, vite appena accennate che nessuno vorrebbe per sé. Sì, mi piace, penso anche al sesso, bambine e bambini violentati. Certo senza dubbio. Incesti anche! Certo! E cannibalismo! Bambini divorati! Qualche bastardo creepy che sta scrivendo il suo libro di ricette di bambini con le mele in bocca e il rosmarino nel buco del culo! Sì sì! Bellissimo! E giochi sadici! Sì! Ancora! Nelle gabbie a scannarsi! La lotta! La sopravvivenza! Sì sì sì! Dai! Ancora! Bambini suicidi! Sì! Che si strappano la pelle si mangiano l'un altro e madri costrette a guardare! Sì! Sì! Così funziona. Ok, la cosa mi piace. Ok. E come ce lo strutturiamo? Non lo so dobbiamo pensarci. Ma sta succedendo ora mentre leggi. Chiaro. Sì succede mentre leggi, forse proprio adesso. Sì sì suona bene. Ok. Ok. Mh. Bene. Pop corn? Chiaro.

    Is this helpful?

    (skate) said on Jun 5, 2014 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Attratto dal titolo ho trovato questo libro insulso e noioso come solo un intellettuale di sinistra con la puzza sotto il naso può essere.

    Is this helpful?

    barretbse said on Apr 7, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Me quedo con 2666...

    Me desilusionó un poco, después de leer 2666, esta colección de 13 cuentos carece de la energía creativa y las grandiosas voces narrativas alcanzados en esa novela. No encontré en "Putas asesinas" algun cuento notable, y siempre que empezaba el sigui ...(continue)

    Me desilusionó un poco, después de leer 2666, esta colección de 13 cuentos carece de la energía creativa y las grandiosas voces narrativas alcanzados en esa novela. No encontré en "Putas asesinas" algun cuento notable, y siempre que empezaba el siguiente pensaba, "ha, este es el cuento" y de repente este se acababa como si nada, al final mucha disparidad y falta de balance entre ellos.

    Me quedo con 2666

    Is this helpful?

    Miguelyn said on Oct 4, 2013 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    La maggioranza di questi racconti è a sfondo autobiografico (o presunto tale). Sono semplicemente “pezzi” di Bolaño, frammenti di un uomo spaesato (nel senso letterale del termine), un esule che non ha un posto dove andare né una direzione da prender ...(continue)

    La maggioranza di questi racconti è a sfondo autobiografico (o presunto tale). Sono semplicemente “pezzi” di Bolaño, frammenti di un uomo spaesato (nel senso letterale del termine), un esule che non ha un posto dove andare né una direzione da prendere e per il quale l’unica salvezza possibile è la poesia, che poi coincide con la letteratura (le biografie dei surrealisti francesi, la rivista scoperta in un negozio di usato, l’antologia di poeti francofoni trovata nel profondo dell’Africa).

    Narrativa smarrita, stralci di diari, veri o immaginari, più che storie compiute, riflessioni di un naufrago. Tra gli altri racconti, quelli che si distaccano dall’esperienza personale dell'autore, ce ne sono alcuni tutto sommato “convenzionali”, come Prefigurazione di Lalo Cura (che sta tra Fellini, Garcia Marquez e Robert Rodriguéz) o Buba, ed altri più onirici e visionari (meno riusciti, a mio modo di vedere). In ogni caso, come sempre, Bolaño oscilla come un pendolo tra la poesia e la violenza, opposte ossessioni del suo scrivere.

    È sempre difficile dare un giudizio complessivo ad una raccolta di racconti, specie se sono così diversi. Diciamo che chi ama Bolaño in modo incondizionato qui dentro lo troverà per intero. Io però Bolaño non riesco ad amarlo in modo incondizionato; onestamente mi piace, lo apprezzo, ma non so amarlo. Forse perché c’é una distanza interiore tra me e lui che non sono mai stato capace di colmare.

    Is this helpful?

    Calibano said on Oct 2, 2013 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book