Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Pyramid

Di

Editore: Newton Compton (Nuova narrativa Newton; 119)

3.0
(124)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 314 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8854111503 | Isbn-13: 9788854111509 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Stefania Di Natale

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Pyramid?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando la polizia mortuaria copre il cadavere del professor Kent con un lenzuolo bianco, gli investigatori scuotono la testa concludendo che si tratta di un suicidio. Catherine Donovan, una giovane e bellissima astronoma dell'università di Oxford, non si accontenta di accettare la versione ufficiale dei fatti. Prima di morire, infatti, Kent le aveva spedito una serie di antichissime mappe, accompagnate da un biglietto apparentemente incomprensibile, una lunga serie di numeri preceduti dalla scritta "Se non dovessi ritornare...". Solo una cosa è sicura: il messaggio cifrato scritto dal professore prima di morire allude a un codice che protegge un sapere vecchio di millenni, un prezioso segreto custodito dagli ancestrali sacerdoti del Sole nel ventre delle piramidi. Dall'Inghilterra al Perù e dal Perù all'Egitto, Catherine Donovan è costretta a mettersi in viaggio. E mentre una setta criminale si lancia al suo inseguimento, il misterioso messaggio di Kent conduce la studiosa sulle tracce di una terrificante profezia: decifrare il codice, a questo punto, non le servirà soltanto a salvarsi la vita. Ma anche a impedire a un immane cataclisma di spazzare via dalla Terra ogni traccia di civiltà.
Ordina per
  • 2

    Un parto!

    Chi ha letto almeno una volta il fumetto di Martin Mystere non potrà restare indifferente alle similitudini presenti in questo romanzo. Ambientazione, canovaccio mysterioso, "uomini in nero"... tutto concorre ad aggiungere interesse alla creazione di Castelli, ma segna anche, inesorabilmente, il ...continua

    Chi ha letto almeno una volta il fumetto di Martin Mystere non potrà restare indifferente alle similitudini presenti in questo romanzo. Ambientazione, canovaccio mysterioso, "uomini in nero"... tutto concorre ad aggiungere interesse alla creazione di Castelli, ma segna anche, inesorabilmente, il limite di questo lavoro. Il fan bonelliano avrá un fastidioso senso di deja-vu misto ad un seccato rifiuto dell'ottusitá dei protagonisti, che saranno pure docenti universitari ma pare non abbiano mai letto una pubblicazione diversa dalle dispense distribuite dal loro ateneo. Così il lettore medio, che nella sua vita ha fagocitato tutte le teorie "complottistiche" made in USA, finisce con il ritrovarsi sempre avanti di un paio di capitoli rispetto ai "nostri" professori, pallidi riflessi di colleghi "cartacei" ben più famosi (e capaci).

    (delittando.blogspot.com)

    ha scritto il 

  • 1

    Mah

    Abbandonato...dopo 30 pagine ho detto al mio fidanzato...ahia, secondo me e' una cazz...il prof. Kent prima d morire lascia una lettera con delle informazioni vitali x l'intera umanita' svelando un codice, e delle mappe, ad un emerito sconosciuto conosciuto a cena...e da qui in avanti buio, noia ...continua

    Abbandonato...dopo 30 pagine ho detto al mio fidanzato...ahia, secondo me e' una cazz...il prof. Kent prima d morire lascia una lettera con delle informazioni vitali x l'intera umanita' svelando un codice, e delle mappe, ad un emerito sconosciuto conosciuto a cena...e da qui in avanti buio, noia e un sacco di...e questo ke c'entra? E quello ki e'?! Mah l'ho mollato...

    ha scritto il 

  • 1

    Un libro da far vergognare chi l'ha letto! (infatti, mi vergogno...)

    Come potevo immaginare che fosse così brutto???
    Una trama inconsistente (e un finale d'amore nel peggior stile romanzetti rosa da 1 euro al chilo), scopiazzata da libri ben diversi (uno per tutti: Le impronte degli dei di Garaham Hancok). Anzi, Pyramid si inventa una trama proprio seguendo l'ordi ...continua

    Come potevo immaginare che fosse così brutto??? Una trama inconsistente (e un finale d'amore nel peggior stile romanzetti rosa da 1 euro al chilo), scopiazzata da libri ben diversi (uno per tutti: Le impronte degli dei di Garaham Hancok). Anzi, Pyramid si inventa una trama proprio seguendo l'ordine dei capitoli de le impronte degli dei, che è un libro stupendo. Ma torniamo a Pyramid. Ma in che lingua è scritto??? Forse avevano la necessità di raggiungere un tot di pagine prima di pubblicarlo, perchè è infarcito di inutili aggettivi, i nomi dei personaggi sono ripetuti fino alla nausea nei dialoghi, c'è una sovrabbondanza di dettagli senza senso da fare impallidire il più logorroico dei descrittori. Facciamo un esempio tratto dalla mia fantasia, perchè il libro non ho idea di dove sia finito, la mia coinquilina se ne è sbarazzata, finalmente. (era suo). "Gloria percorse lo scosceso pendio scivoloso, le scarpe rosse senza tacco che aveva indossato quella piovosa mattina le dolevano all'altezza del calcagno, arrossato ormai dal continuo sfregamento del tessuto ruvido contro la pelle." Smettilaaaaaa! Scusate lo sfogo. Odio i libri troppo descrittivi e cose di questo genere mi fanno saltare i nervi. Questo libro ha talmente tanti lati negativi che ci scriverei un poema. Ma la pecca più grave è quella che ho già citato: riprendere pari pari le teorie di un'opera di alto livello e scritta con rigore scientifico, nonostante le teorie anche incredibili. E' vero che se si vuol trattare certi argomenti, ci si deve documentare. Ma passare dalla documentazione a Pyramid.. ce ne vuole. Vi avevo parlato del mio ultimo libro? Narra delle vicende di due innamorati, che vivono su un ramo del lago di Como.. pensate, c'è un cattivo che non vuole farli sposare. Poi arriva le peste...

    Salvatevi da Pyramid!

    ha scritto il 

  • 4

    UN 'AVVENTURA...

    Non ero molto fiduciosa per il fatto che non ha un editore molto importante. Mi sono dovuta ricredere. Questo romanzo è fenomenale. La storia mi ha tenuto incollata quasi tutta la notte per quanto è bella. La consiglio a chi ha ancora voglia di avventura.

    ha scritto il 

  • 5

    CHATERINE DONOVAN NON CREDE AL SUICIDIO DEL PROF KANT SUO AMICO E DIFATTI AIUTATA DAL SUO FUTURO AMORE SI RITROVERA' IN SEGUITO DEL DECIFRAMENTO DI UN CODICE SEGRETO AD INSEGUIRE DEI FANATICI RELIGIOSI CHE STANNO PER FAR SALTARE L'INTERO PIANETA
    ROMANZO PIENO DI SUSPANCE VERAMENTE COINVOLGENTE DA ...continua

    CHATERINE DONOVAN NON CREDE AL SUICIDIO DEL PROF KANT SUO AMICO E DIFATTI AIUTATA DAL SUO FUTURO AMORE SI RITROVERA' IN SEGUITO DEL DECIFRAMENTO DI UN CODICE SEGRETO AD INSEGUIRE DEI FANATICI RELIGIOSI CHE STANNO PER FAR SALTARE L'INTERO PIANETA ROMANZO PIENO DI SUSPANCE VERAMENTE COINVOLGENTE DA LEGGERE ASSOLUTAMENTE

    ha scritto il 

  • 1

    Comprate qualcos'altro. Questo fa proprio vomitare.

    Ora, leggo da sempre libri d'avventura che non sono necessariamente profondi e complessi ma a tutto c'è un limite! Personaggi profondi come pozzanghere, storia banalissima e scontatissima, finale inconcludente. Proprio un libro sciocco. Per fortuna mi è stato prestato perchè avrei sprecato i sold ...continua

    Ora, leggo da sempre libri d'avventura che non sono necessariamente profondi e complessi ma a tutto c'è un limite! Personaggi profondi come pozzanghere, storia banalissima e scontatissima, finale inconcludente. Proprio un libro sciocco. Per fortuna mi è stato prestato perchè avrei sprecato i soldi.

    ha scritto il 

  • 3

    Mah!!!!

    E pensare che doveva essere avvincente. Invece è di una noiosità assurda. Poco coinvolgente, in quattro e quattr'otto trovano la soluzione del codice, pochissima azione, i protagonisti incontrano i tirapiedi dei nemici ma non i cattivi principali, che peraltro vengono fatti fuori in due righe di ...continua

    E pensare che doveva essere avvincente. Invece è di una noiosità assurda. Poco coinvolgente, in quattro e quattr'otto trovano la soluzione del codice, pochissima azione, i protagonisti incontrano i tirapiedi dei nemici ma non i cattivi principali, che peraltro vengono fatti fuori in due righe di paragrafo. E poi troppe congetture. Non è per niente scritto bene. Supersconsigliato. Clive Cussler rende di più.

    ha scritto il