Qu est-ce que le cinema ?

By

Editeur: Cerf

4.2
(225)

Language: Français | Number of pages: 370 | Format: Others | En langues différentes: (langues différentes) Italian

Isbn-10: 2204024198 | Isbn-13: 9782204024198 | Publish date: 

Category: Art, Architecture & Photography , History , Non-fiction

Aimez-vous Qu est-ce que le cinema ? ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 5

    Uno di quei testi che dovrebbero essere inseriti nelle antologie scolastiche. Senza le riflessioni di Bazin, il Cinema avrebbe avuto più difficoltà a essere riconosciuto come Arte e tutti noi saremmo ...continuer

    Uno di quei testi che dovrebbero essere inseriti nelle antologie scolastiche. Senza le riflessioni di Bazin, il Cinema avrebbe avuto più difficoltà a essere riconosciuto come Arte e tutti noi saremmo molto più poveri. Oserei affermare che si tratta di un testo fondamentale per comprendere il Novecento e il saggio che apre la raccolta (Ontologia dell'immagine fotografica) è uno di quelli che maggiormente hanno influenzato la mia vita.

    dit le 

  • 2

    Tralasciando quanto i contenuti possano essere importanti per la storia del cinema, la forma è davvero pessima. Anche concetti non troppo complessi vengono esposti in un modo così tortuoso che bisogna ...continuer

    Tralasciando quanto i contenuti possano essere importanti per la storia del cinema, la forma è davvero pessima. Anche concetti non troppo complessi vengono esposti in un modo così tortuoso che bisogna rileggere ogni paragrafo più e più volte per capire cosa stia cercando di dirci. Come complicarsi - e soprattutto complicare - la vita. Non so se sia colpa di una pessima traduzione o sia proprio lui con scarse capacità di esposizione, ma questo libro è formalmente un incubo.

    dit le 

  • 3

    Caro vecchio eminentissimo Bazin, sarai stato anche un grande critico e avrai fatto anche la storia del cinema di grandi e piccini, ma sfangarti è stata una delle imprese della mia vita.

    dit le 

  • 5

    bellissimo libro di Andrè Bazin sulla teoria cinematografica che influenzò il movimento francese della Novelle Vague:ogni cinefilo lo dovrebbe avere come propria Bibbia,come guida assoluta nel grande ...continuer

    bellissimo libro di Andrè Bazin sulla teoria cinematografica che influenzò il movimento francese della Novelle Vague:ogni cinefilo lo dovrebbe avere come propria Bibbia,come guida assoluta nel grande mondo del cinema.Se vi piace il cinema:
    http://kinarto.forumattivo.it/

    dit le 

  • 4

    Un libro senza dubbio imprescindibile per chi ama il cinema e per chi vuole farsi una cultura su di esso. Ho trovato la lettura di alcuni punti leggermente ostica, specie nella prima parte, ma allo st ...continuer

    Un libro senza dubbio imprescindibile per chi ama il cinema e per chi vuole farsi una cultura su di esso. Ho trovato la lettura di alcuni punti leggermente ostica, specie nella prima parte, ma allo stesso tempo ci sono pagine che mi hanno interessato moltissimo, come quelle su Chaplin, il breve pezzo su Bogart, quello sull'evoluzione del Western. Bellissima anche quella sul neorealismo, in cui viene introdotto anche il discorso su Fellini.
    Mi ha sorpreso moltissimo come Bazin sia riuscito a spiegare, analizzare e contestualizzare delle opere cinematografiche a pochissimo tempo dall'uscita. Ad esempio, Monsieur Verdoux è del '47 e lui ne scrive già nel '48 come se fossero passati anni dall'uscita del film. Grandissimo, peccato se ne sia andato a soli quarant'anni.

    dit le 

  • 5

    IL

    IL SAGGIO DI CRITICA CINEMATOGRAFICA.

    Per quanto per lo spettatore odierno alcuni dei film a cui Bazin fa riferimento siano oramai troppo lontani nel tempo o addirittura non recuperabili,le intuizioni ...continuer

    IL SAGGIO DI CRITICA CINEMATOGRAFICA.

    Per quanto per lo spettatore odierno alcuni dei film a cui Bazin fa riferimento siano oramai troppo lontani nel tempo o addirittura non recuperabili,le intuizioni,le osservazioni,i commenti del grande critico francese rendono questo volume assolutamente attuale e imprescindibile nell’accostarsi all’analisi del testo filmico. Alcuni passaggi sul grande Chaplin o sul neorealismo italiano rimangono insuperabili.

    “Appena formata,la pelle della Storia cade in pellicola”(pag.23)

    dit le