Lagu
Ha scritto il 22/03/12
pag. 145

Gli occhi erano più aguzzi di una falce affilata -
per un cuculo nella pupilla, una goccia di rugiada -

e avevano appena imparato in tutta la loro grandezza
a distinguere la moltitudine solitaria delle stelle

  • 1 mi piace
razgul
Ha scritto il 06/04/08

Un capolavoro assoluto della poesia (a patto però di leggerlo in lingua originale. il che, mi rendo conto, è privilegio di pochi).

  • 1 mi piace
fiamma
Ha scritto il 24/08/07
le ultime poesie di mandel'stam- dall'esilio, prima di morire. semplicemente magnifiche.(ho l'edizione francese che è una vergogna: traduzione oscena, edizione mutila. quella italiana, specchio mondadori, non si trova- e dunque, tocca accontentarsi) ...Continua
Damiano Zerneri
Ha scritto il 24/06/07

Ancora un poeta "mio", che amo incondizionatamente.


- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi