Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Qualcuno con cui correre

Di

Editore: Mondadori (Oscar Contemporanea)

4.2
(4165)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 362 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese

Isbn-10: 8804582510 | Isbn-13: 9788804582519 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessandra Shomroni

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Ti piace Qualcuno con cui correre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Assaf è un sedicenne timido e impacciato; inseguendo un cane per le strade di Gerusalemme viene condotto in luoghi impensati, di fronte a inquietanti personaggi, fino a incontrare Tamar, una ragazza solitaria e ribelle. Il mistero e il fascino di Tamar catturano Assaf, che decide di andare fino in fondo, di "correre" con lei...
Ordina per
  • 4

    Una corsa verso il lieto fine

    Una continua corsa, entusiasmante ed adrenalinica insieme ai due protagonisti Assaf e Tamar. Una corsa verso il lieto fine.
    Grossman ci regala una bella storia, che tutti vorremmo leggere, perché è ne ...continua

    Una continua corsa, entusiasmante ed adrenalinica insieme ai due protagonisti Assaf e Tamar. Una corsa verso il lieto fine.
    Grossman ci regala una bella storia, che tutti vorremmo leggere, perché è nella nostra natura stare alla continua ricerca di qualcuno con cui superare gli ostacoli della vita.
    Non è il capolavoro che tutti dicono, ma una lettura travolgente e non troppo impegnativa.
    Metto quattro stelle per l’originalità, e per la narrazione in se.

    ha scritto il 

  • 5

    Davvero emozionante! Inoltre trasmette talmente tante cose che ancora oggi a distanza di tempo, mi metto a pensare: alla tristezza e la sgradevolezza della tossicodipendenza, alle tantissime storie di ...continua

    Davvero emozionante! Inoltre trasmette talmente tante cose che ancora oggi a distanza di tempo, mi metto a pensare: alla tristezza e la sgradevolezza della tossicodipendenza, alle tantissime storie difficili che maggior parte degli adolescenti ha passato e che ognuno le affronta a modo suo, alla grandezza dei cuori e la bontà di certe persone, e viceversa. E soprattutto a quanto sia importante l’amore in questo mondo, senza il quale non sarebbe cominciata la stravolgente avventura dei due adolescenti.

    ha scritto il 

  • 4

    Qualcuno con cui scodinzolare.

    Diceva bene l’amica leppakertu parlando di questo romanzo. Anche per me è stata una piacevole lettura. Lettura da fiatone e da adrenalina. Lettura d’amore e di amicizia. Che poi l’amore fra teen agers ...continua

    Diceva bene l’amica leppakertu parlando di questo romanzo. Anche per me è stata una piacevole lettura. Lettura da fiatone e da adrenalina. Lettura d’amore e di amicizia. Che poi l’amore fra teen agers o tra settantenni non fa’ alcuna differenza: alla fine le sensazioni e gli ideali sono gli stessi.
    La storia si apre col giovane Assaf incaricato di trovare i proprietari del cane Dinka, affidandosi al fiuto dell’animale (che poi scopriremo essere femmina). Tamar,la proprietaria, si sta imbarcando in un’impresa per niente facile. Deve trovare e recuperare il fratello, tossico pesante, che viene sfruttato da una banda di criminali che organizza spettacoli ambulanti. La sorella, che canta divinamente, cerca di fare di tutto per intrufolarsi nell’ équipe degli artisti di strada, ed entrare in contatto col fratello. Inutile dire che i colpi di scena sono tanti. Senza dimenticare
    che un’organizzazione del genere potrebbe benissimo esistere. Crudeltà, finalità e metodi senza scrupoli, paiono usciti dalla penna del buon Saviano che per quanto riguarda descrizioni non ci va giù leggero. La storia è costellata di altri personaggi,
    per niente marginali, ma che contribuiscono a rendere variopinta e verosimile la vicenda. Perciò un po’ di riscaldamento e poi via, in poltrona a leggere.

    ha scritto il 

  • 5

    Se piangi, è un ottimo libro.

    Il titolo di questo libro racconta in modo esplicito un tema trattato. Il tema della compagnia, la necessità di avere qualcuno al proprio fianco, qualcuno con cui correre. Forse molti prendono sotto g ...continua

    Il titolo di questo libro racconta in modo esplicito un tema trattato. Il tema della compagnia, la necessità di avere qualcuno al proprio fianco, qualcuno con cui correre. Forse molti prendono sotto gamba questo aspetto della vita, sbagliando. Tutti hanno bisogno di qualcuno vicino per stare bene e per essere felici, senza è impossibile vivere. E questo concetto è spesso trasmesso dal testo.
    La lettura è più che piacevole, ti attira in un vortice che ti costringe a continuare a leggere. Finisci un capitolo e devi cominciarne per forza un'altro, finendo così il libro dopo pochi giorni.
    Le 5 stelle le giustifico dicendo che mi ha commosso. Sono pochi i libri che mi hanno fatto piangere o emozionare così tanto, e se ci sono riusciti un motivo ci deve essere! Sono libri che ti mettono a forza all'interno della scena narrata, spesso cruenta e drammatica, facendoti sentire un protagonista della storia. Includendoti nel racconto l'effetto è stupefacente; le emozioni che si provano sono molteplici perché siamo noi stessi, i lettori, che viviamo la storia, come se facesse parte della nostra vita.
    E perché leggiamo, se non per vivere altre vite?

    ha scritto il 

  • 4

    Bello nella sua semplicità

    In qualcuno con cui correre Grossman accompagna il lettore sulle strade di Gerusalemme e nelle piazze delle principali città di Israele con gli occhi di un ragazzo e l'istinto di un bel cane. L'autore ...continua

    In qualcuno con cui correre Grossman accompagna il lettore sulle strade di Gerusalemme e nelle piazze delle principali città di Israele con gli occhi di un ragazzo e l'istinto di un bel cane. L'autore ha unito magistralmente la semplicità di una storia di ragazzi per bene con la crudeltà della vita di strada. Lo consiglio vivamente!

    ha scritto il 

  • 5

    Inizio terribile: Grossmann sostiene che il lettore sappia l'antefatto. Invece no, si fa fatica a comprendere questo libro bellissimo, che si dipana pagina per pagina. Ottimo davvero.

    ha scritto il 

  • 0

    Recensione di Letizia S. I D

    Lo scrittore ambienta il suo romanzo in una Gerusalemme contemporanea in cui coesistono due differenti realtà: la vita agiata delle persone benestanti e quella dei mendicanti e degli artisti di strada ...continua

    Lo scrittore ambienta il suo romanzo in una Gerusalemme contemporanea in cui coesistono due differenti realtà: la vita agiata delle persone benestanti e quella dei mendicanti e degli artisti di strada.
    Assaf, il protagonista maschile, è un sedicenne che durante l’estate lavora al municipio; a lui viene assegnato il compito di cercare la proprietaria di una cagna randagia per restituirle l’animale, perché così prevede la legge.
    Il ragazzo si ritrova a correre per la città al seguito del cane Dinka, incontrando diverse persone che conoscono la padrona. Il primo personaggio veramente degno di interesse, per la comprensione del racconto, è la monaca Teodora di Lyksos, che la descrive in modo così minuzioso e intrigante che Assaf quasi si innamora del ricordo cha l’anziana ha di lei.
    E’ proprio questa sua neonata passione che alimenta il ragazzo nella ricerca. La monaca infatti rivela ad Assaf che la ragazza che sta cercando, Tamar, è scappata di casa da un mese alla ricerca del fratello tossicodipendente Shay per liberarlo dalla “Casa per giovani artisti”, ossia un organizzazione che sfrutta gli artisti di strada.
    Sarà grazie alla migliore amica di Tamar, una ristoratrice di nome Leah, che il protagonista riuscirà a ritrovarla, nascosta insieme al fratello in crisi d’astinenza, in una grotta ai piedi di un dirupo.
    A poche pagine dall’inizio Grossman comincia già a sviluppare due trame differenti che si intersecano e si rincorrono per tutto il libro fino allo sconvolgente incontro fra Tamar e Assaf. L’autore affronta nel corso della storia una grande varietà di tematiche relative all’adolescenza, che spaziano dalla pericolosità della droga al coraggio, alla determinazione e alla passione che ogni ragazzo esprime nel proprio momento di sviluppo personale.
    Evidenzia anche l’amore fraterno che porta a fare scelte difficili e addirittura a stravolgere la propria vita per l’altro; il tutto accompagnato dalla musica in sottofondo.
    Inizialmente ho creduto che il titolo indicasse solamente la corsa di Dinka e Assaf, ma in realtà giungendo al termine del libro ho compreso che la vera corsa è quella che Tamar e Assaf compiono verso i loro obiettivi che li porterà a diventare dei giovani adulti.

    ha scritto il 

  • 5

    Quando un libro è così bello vorrei urlarlo al mondo intero, occupare il TG delle ore venti e proclamarlo in prima notizia, affacciarmi al balcone di San Pietro durante l’Angelus della domenica e ann ...continua

    Quando un libro è così bello vorrei urlarlo al mondo intero, occupare il TG delle ore venti e proclamarlo in prima notizia, affacciarmi al balcone di San Pietro durante l’Angelus della domenica e annunciarlo urbi et orbi, comprarne mille copie e mettermi agli angoli delle strade e farne dono a increduli passanti: prendete e leggete perché l’appagamento che mi ha provocato, forte e raro, contagi tutti voi come un virus benefico.
    Un grazie particolare a colui il quale mi ha fatto ammalare d’amore per questo romanzo e per altro ancora.

    ha scritto il 

Ordina per