Qualunque cosa succeda

Giorgio Ambrosoli oggi nelle parole del figlio

Di

Editore: Sironi

4.2
(313)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 317 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8851801207 | Isbn-13: 9788851801205 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Prefazione: Carlo Azeglio Ciampi

Disponibile anche come: eBook

Genere: Biografia , Storia , Politica

Ti piace Qualunque cosa succeda?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Questa è la storia di Giorgio Ambrosoli, per cinque anni commissario liquidatore della Banca Privata di Michele Sindona, ucciso a Milano da un killer la notte tra l’11 e il 12 luglio 1979.

La racconta a trent’anni di distanza il figlio Umberto, che ai tempi era bambino, sulla base di ricordi personali, familiari, di amici e collaboratori e attraverso le agende del padre, le carte processuali e alcuni filmati dell’archivio RAI. Sullo sfondo, la storia d’Italia in quel drammatico periodo.

Nell’indagare gli snodi di un sistema politico-finanziario corrotto e letale, Ambrosoli agiva in una situazione di isolamento, difficoltà e rischio di cui era ben consapevole. Aveva scritto alla moglie: «Pagherò a caro prezzo l’incarico: lo sapevo prima di accettarlo e quindi non mi lamento affatto perché per me è stata un’occasione unica di fare qualcosa per il Paese [...] Qualunque cosa succeda, comunque, tu sai cosa devi fare e sono certo saprai fare benissimo».

Il racconto illumina il carattere esemplare delle scelte di Giorgio Ambrosoli, la sua coerenza agli ideali di libertà e responsabilità e, insieme, sottolinea il valore positivo di una storia ancora straordinariamente attuale.

Ordina per
  • 4

    "Qualunque cosa succeda" meriterebbe di stare in tutte le librerie degli italiani per una molteplicità di motivi, che elenco in ordine sparso: è l'atto di amore di un figlio nei confronti di un padre ...continua

    "Qualunque cosa succeda" meriterebbe di stare in tutte le librerie degli italiani per una molteplicità di motivi, che elenco in ordine sparso: è l'atto di amore di un figlio nei confronti di un padre rubatogli troppo presto; è la narrazione della vita di un sincero servitore dello Stato, senza essere un'agiografia; è la descrizione di una sporca attività finanziaria che ha esteso le sue trame ben al di là dei confini nazionali e che ha coinvolto il Gotha della vita pubblica italiana, oltre ad alcuni oscuri personaggi che (ahimè) abbiamo imparato a conoscere negli anni successivi.
    Umberto Ambrosoli è riuscito a delineare con chiarezza la vicenda umana e professionale del padre, senza indulgere in inutili tecnicismi chiari solo agli addetti ai lavori, e scrive un'opera ben documentata in cui il sentimento e la narrazione giudiziaria sono ben bilanciati.

    ha scritto il 

  • 0

    Bellissimo libro scritto da Umberto Ambrosoli, figlio del compianto Giorgio.
    Un libro sincero che ricostruisce una vicenda italiana, passata ma verosimilmente attuale.
    Da leggere e far leggere. ...continua

    Bellissimo libro scritto da Umberto Ambrosoli, figlio del compianto Giorgio.
    Un libro sincero che ricostruisce una vicenda italiana, passata ma verosimilmente attuale.
    Da leggere e far leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    un pezzo importante della nostra storia

    raccontato con gli occhi e le parole di chi ha cercato di ricostruire la sua storia personale, permette a quelli della sua generazione, come me, di capire chi erano quei personaggi di cui sentivamo pa ...continua

    raccontato con gli occhi e le parole di chi ha cercato di ricostruire la sua storia personale, permette a quelli della sua generazione, come me, di capire chi erano quei personaggi di cui sentivamo parlare dai telegiornali quando eravamo bambini.

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia bella e importante, triste ma ottimista, nonostante tutto. Da leggere, soprattutto in questo periodo di crisi bancarie che diventano crisi per tutta la popolazione

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro non è un romanzo né una biografia: è un po' una ricerca, un po' una lezione ed un po' un omaggio.
    Una ricerca di quello che è accaduto al padre attraverso la testimonianza della famiglia, ...continua

    Questo libro non è un romanzo né una biografia: è un po' una ricerca, un po' una lezione ed un po' un omaggio.
    Una ricerca di quello che è accaduto al padre attraverso la testimonianza della famiglia, degli amici e degli atti processuali (c'è una ricchezza di citazioni in merito).
    Una lezione di storia e nello stesso tempo di attualità, almeno per me che ai tempi ero troppo giovane per rendermi conto di quanto stesse accadendo.
    Un omaggio al padre come persona e come simbolo (nonché esempio da seguire).
    È una lettura scorrevole, sicuro frutto di una lunga elaborazione. Forse cede leggermente nell'ultimo capitolo, che avrebbe potuto essere esteso e lascia un senso di opera in fieri.
    Nel complesso è qualcosa che mi sento di suggerire.

    ha scritto il 

  • 0

    patriottismo

    Libro molto complesso sia per la tematica che tratta sia per il registro di settore economico e finanziario che usa. Poiché non sono un'esperta ho fatto fatica a capire i tecnicismi del sistema che h ...continua

    Libro molto complesso sia per la tematica che tratta sia per il registro di settore economico e finanziario che usa. Poiché non sono un'esperta ho fatto fatica a capire i tecnicismi del sistema che hanno portato alla morte Ambrosoli anche se è chiarissimo l'impasto politico-mafioso-massonico che lo ha generato. L'uomo Ambrosoli emerge dal rapporto tenero con la famiglia, dalla sua estrema serietà e attaccamento al senso del dovere, ad una certa idea di Stato lontana dalla gestione partitica del potere, lui monarchico. Credo che sia importante capire cosa abbia ucciso Ambrosoli perché credo che questa trappola sia ben presente anche oggi.

    ha scritto il 

Ordina per