Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Quando avevo undici anni

Di

Editore: LAB

4.1
(7)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8863161585 | Isbn-13: 9788863161588 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Quando avevo undici anni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dai punti di vista particolarmente interessanti degli undicenni di differenti generazioni, riaffiorano scorci di vita degli ultimi quattro decenni del secolo scorso e con la lettura si ritrova un'epoca di cambiamenti profondi, di mutamenti di valori, di contrasti sociali, che ha caratterizzato le esistenze di molti.

Autori: Rosalia Messina, Maria Alberta Fiorino, Andrea Masotti, Trap, Giuseppe Pavich, Lucia Sallustio, Annamaria Trevale, Andrea Bonvicini, Ippolita Cassisa, Stefano Mascella, Alberto Caprara, Daniela Rindi, Giovanna Astori, Francesca Violi, Vanessa Banfi, Arianna Lattisi, Diego Di Dio.
Ordina per
  • 3

    Tre stelle di incoraggiamento.
    Come in tutte le raccolte di racconti di esordienti troviamo qualche racconto indovinato, alcuni discreti, alcuni francamente poco significativi.
    La cosa che mi ha convinto di meno è il tono da "amarcord" di troppi autori selezionati per questo esperimen ...continua

    Tre stelle di incoraggiamento.
    Come in tutte le raccolte di racconti di esordienti troviamo qualche racconto indovinato, alcuni discreti, alcuni francamente poco significativi.
    La cosa che mi ha convinto di meno è il tono da "amarcord" di troppi autori selezionati per questo esperimento di scrittura sul tema degli "undici anni: età di passaggio".
    Forse per questo i due racconti che mi sono piaciuti di più sono stati quello di Alberto Caprara, perché ha trovato il "passo" giusto, un suo stile personale e non banale e quello di Diego Di Dio, perché ha alla base una buona idea (c'è una storia, finalmente!) e perché è scritto indubbiamente bene.

    ha scritto il