Quando l'Asia era il mondo

Storie di mercanti, studiosi, monaci e guerrieri tra il 500 e il 1500

Di

Editore: Einaudi

3.2
(20)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 222 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8806196804 | Isbn-13: 9788806196806 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luigi Giacone

Genere: Storia

Ti piace Quando l'Asia era il mondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Dopo la caduta di Roma il fulcro della vita politica, culturale e commerciale si sposta dal Mediterraneo verso l'Oriente: l'Asia diventa la culla delle scienze, della filosofia e delle dottrine religiose.
Unite tra loro da una ramificata rete di traffici e contatti, le numerose e diverse regioni del vasto mondo orientale, dall'Arabia alla Cina, vivono un'epoca di vivaci relazioni commerciali e diplomatiche e di fitti scambi culturali.
Stewart Gordon cattura in questo volume tutto il fascino e la varietà di un universo cosmopolita dalle mille sfumature attraverso le vite e le avventure di uomini - pellegrini, monaci, mercanti, studiosi, diplomatici, militari - che vissero, lavorarono e viaggiarono nell'immenso territorio asiatico superando deserti sconfinati, valicando i passi, delle catene montuose più alte del mondo e incontrando una straordinaria varietà di popoli.
Le loro memorie ci permettono di ripercorrere le vie delle carovane, di scoprire grandi città, come Baghdad e Pechino e, di conoscere le consuetudini, i codici d'onore e le meraviglie dell'Asia medievale.
Ordina per
  • 2

    Un libro invecchiato troppo in fretta, ma apripista di un genere storiografico oggi molto in voga

    Forse il mio voto è troppo ingiusto, visto che si fa leggere volentieri, ma può un libro, uscito in edizione originale nel 2008, suonare così datato a meno di 10 anni dalla sua uscita ? La ragione pri ...continua

    Forse il mio voto è troppo ingiusto, visto che si fa leggere volentieri, ma può un libro, uscito in edizione originale nel 2008, suonare così datato a meno di 10 anni dalla sua uscita ? La ragione principale non è da ascrivere all'autore, ma all'esplosione di opere sulla “globalizzazione” che si sono succedute, soprattutto in area anglosassone, negli ultimi 10 anni. Gli storici stanno scoprendo che paesi come Cina o India erano tutt'altro che privi di intrecci economici e culturali con l'Europa, e da qui una nutrita serie di lavori su viaggi, mappe, rapporti diplomatici e commerciali che indagano queste strutture dall'antichità fino ai duemila anni dell'era cristiana. Questo libro descrive dieci viaggi di persone a noi quasi sconosciute in un arco temporale di mille anni, ma alla fine di ciascun viaggio le conclusioni dell'autore sono superficiali, poco argomentate. Certo, per narrare di un'opera che attraversa mille anni di storia poco più di 200 pagine sono poche. Rimane comunque significativo il paragone tra il primo viaggio, un monaco buddista armato di una inestinguibile sete di conoscenza attraverso l'Asia centrale del VI secolo, e il viaggio del portoghese Tomé Pires, rappresentante predatore e, ai nostri occhi, dichiaratamente razzista di un potere coloniale che vede il rapporto con l'altro esclusivamente in termini di dominio e sfruttamento. Tristemente più vicino in nostri tempi di quanto possiamo credere.

    ha scritto il 

  • 4

    Una cavalcata davvero interessante in quel mondo vastissimo che fu l'Asia dal 500 al 1500. attraverso le storie di mercanti, guerrieri, religiosi, cinesi, indiani, ebrei ecc. vediamo svolgersi un incr ...continua

    Una cavalcata davvero interessante in quel mondo vastissimo che fu l'Asia dal 500 al 1500. attraverso le storie di mercanti, guerrieri, religiosi, cinesi, indiani, ebrei ecc. vediamo svolgersi un incredibile mondo già globalizzato che esportava merci e cultura. Un libro che introduce ad una storia per me ancora largamente sconosciuta e per questo assai benvenuto, anche perché scritto con mano gentili e piglio narrativo molto piacevole.

    ha scritto il 

  • 3

    Molta bella la prima parte dedicata ai grandi viaggiatori d'oriente. Un po' meno riuscita (narrativamente) quella dedicata alle imprese commerciali e militari. Comunque da leggere. A tratti piacevole. ...continua

    Molta bella la prima parte dedicata ai grandi viaggiatori d'oriente. Un po' meno riuscita (narrativamente) quella dedicata alle imprese commerciali e militari. Comunque da leggere. A tratti piacevole.

    ha scritto il 

  • 3

    A un primo approccio è intrigante, vien voglia di andare avanti, e ci si va comunque perché è scritto bene. Tuttavia in alcuni casi ci sono studi e informazioni più recenti e di più ampio respiro che ...continua

    A un primo approccio è intrigante, vien voglia di andare avanti, e ci si va comunque perché è scritto bene. Tuttavia in alcuni casi ci sono studi e informazioni più recenti e di più ampio respiro che potevano essere consultate e avrebbero impedito di snocciolare inesattezze, che dispiacciono in un libro dai propositi così ambiziosi. Da un autore americano non ci si poteva forse aspettare di più. I limiti generali nelle analisi storiche sono noti, e risalgono a concezioni di "orientalismo" ottocentesco che proprio non ce la fanno ad accantonare. Basta vedere quanta superficialità gira nei documentari televisivi tanto di moda. Da quanto si evince dal risvolto di copertina, lo stesso autore se ne occupa. In definitiva, una gran bella confezione per un prodotto di seconda scelta più che divulgativo.

    ha scritto il 

  • 3

    Raccolta di storie asiatiche. Mercanti, monaci, studiosi e soldati. Disegnano un mondo che nonostante le distanze e le differenze sembra agire secondo codici non scritti riconosciuti da tutti.
    Non è ce ...continua

    Raccolta di storie asiatiche. Mercanti, monaci, studiosi e soldati. Disegnano un mondo che nonostante le distanze e le differenze sembra agire secondo codici non scritti riconosciuti da tutti.
    Non è certo un libro elettrizzante. Fornisce però spunti per maggiori approfondimenti.

    ha scritto il 

  • 4

    compliatorio forse, pero' ben scritto. si legge d'un fiato e racconta dele storie bellissime.
    un pezzo della storia d'asia raccontata per monografie, una scelta audace ma decisamente vincente per il le ...continua

    compliatorio forse, pero' ben scritto. si legge d'un fiato e racconta dele storie bellissime.
    un pezzo della storia d'asia raccontata per monografie, una scelta audace ma decisamente vincente per il lettore neofita.
    l'orizzonte culturale purtroppo e' poco specificato, ma solo accennato: reti scambio, sei gradi di separazione, network community...
    guardare l'asia, dal 5oo al 1500, con gli strumenti che offre la nuova pratica delle comunita' del web.

    ha scritto il 

  • 4

    Libro di divulgazione storica.
    Molto utile per ricordare a noi europei quanto piccola e marginale sia la nostra civiltà nella storia e nella geografia del mondo.
    E' scritto in maniera molto semplice e ...continua

    Libro di divulgazione storica.
    Molto utile per ricordare a noi europei quanto piccola e marginale sia la nostra civiltà nella storia e nella geografia del mondo.
    E' scritto in maniera molto semplice ed avvincente, senza nessun gergo accademico o snobbistico, per nulla difficile da leggere e anzi molto avvincente.
    Racconta la grande Storia attraverso i viaggi individuali di alcuni personaggi famosi, tanto che potrebbe essere letto anche come libro di viaggi e di avventure, ma nello stesso tempo molto documentato e rigoroso nella ricostruzione storica.

    ha scritto il 

  • 2

    Libro piacevole e interessante, ma di taglio compilatorio; vi si raccontano le esperienza di alcuni viaggiatori e mercanti medievali: la ricostruzione dei diversi contesti in cui operano le figure di ...continua

    Libro piacevole e interessante, ma di taglio compilatorio; vi si raccontano le esperienza di alcuni viaggiatori e mercanti medievali: la ricostruzione dei diversi contesti in cui operano le figure di riferimento è frammentaria e manca un filo conduttore storico a parte la constatazione che in l'Asia medievale era ricca di traffici e relazioni culturali - di fatto nulla di nuovo né di originale.

    ha scritto il