Quando la pioggia corre

Di

Editore: Zerounoundici

4.4
(7)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: eBook

Isbn-10: 8865781092 | Isbn-13: 9788865781098 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Quando la pioggia corre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il protagonista di “Quando la pioggia corre” non ha nome. Potrebbe essere il tredicenne che ognuno di noi è stato. Il motivo che lo spinge a lasciare la sua casa, il suo mondo, il suo paese, il suo migliore amico Fra, lui non lo ricorda più. Porta con sé solo il suo strumento di salvezza, la sua inseparabile tromba e qualche risparmio, lasciandosi alle spalle un posto nero, dove cade solo pioggia. A chi gli chiede dove andrà, risponde che raggiungerà il fratello di sua madre in Francia, anche se sa benissimo che le probabilità di incontrarlo sul proprio cammino sono praticamente nulle. Quello che vuole è soltanto andarsene. Ciò che non si aspetterà mai è di trovare una Wonderland insperata, un paese dei balocchi dove le cose brutte non accadono, e soprattutto non piove mai.Ben presto però quel paradiso si dissolverà come un sogno e il ragazzino scoprirà a proprie spese che non esiste un'isola felice dove splende sempre il sole. Un viaggio magico e doloroso negli angoli più bui degli istinti umani, per accorgersi che da se stessi è impossibile fuggire.
Ordina per
  • 4

    Quando la pioggia corre, il romanzo d’esordio di Sergio Boffetti

    “Ecco finalmente il momento, l’ora di fuggire lontano da questo posto. Dopo aver visto quell’aereo dalla finestra della mia stanza me ne sono andato, lasciando la porta di casa mezza aperta. Ho portat ...continua

    “Ecco finalmente il momento, l’ora di fuggire lontano da questo posto. Dopo aver visto quell’aereo dalla finestra della mia stanza me ne sono andato, lasciando la porta di casa mezza aperta. Ho portato con me soltanto uno zainetto con i miei risparmi, la mia tromba e uno spuntino, nel caso mi venisse fame. […]
    Mi volto in direzione dei colpi che sento battere dietro di me. Il signor Arturo sta zappando il suo orticello mentre sua moglie strappa le erbacce con due braccia orribilmente muscolose.
    Non sospettano che ho intenzione di non tornare mai più.”

    Comincia così il romanzo d’esordio di Sergio Boffetti Quando la pioggia corre, edito da 0111 Edizioni, un libro che, quasi con ferocia, racconta il dramma dell’abuso sui minori e dei disagi familiari vissuti da un ragazzino appena tredicenne.

    Il protagonista de Quando la pioggia corre non ha nome, si sa solo che ha tredici anni e tanta voglia di fuggire dalla sua triste e dannata vita, una vita che, man mano, si pone come flashback al lettore in tutta la sua crudezza, senza risparmiare colpo alcuno. Interessante il caleidoscopio di personaggi singolari. La scrittura è notevole, anche se la narrazione in diversi punti subisce brusche impennate di monotonia. Proprio per i temi toccati all’interno del romanzo, si consiglia la lettura ad un pubblico consapevole, pronto a recepire con lucidità il “fiume nero di questa storia” così come lo stesso Boffetti la definisce.

    Prosegui la lettura su www.recensionilibri.org:
    http://www.recensionilibri.org/2012/12/quando-la-pioggia-corre-il-romanzo-desordio-di-sergio-boffetti.html

    ha scritto il 

  • 5

    Grandioso!

    Mi ha sorpreso Boffetti, una narrazione che mi ha riportato a Salinger per tanti tratti, una storia che naviga nelle leggerezza onirica che in alcuni suoi lavori Baricco ci ha trasmesso, e tra il dolo ...continua

    Mi ha sorpreso Boffetti, una narrazione che mi ha riportato a Salinger per tanti tratti, una storia che naviga nelle leggerezza onirica che in alcuni suoi lavori Baricco ci ha trasmesso, e tra il dolore di un personaggio adolescenziale che viaggia alla ricerca di una dimensione salvifica, tra storie picaresce, personaggi curiosi, il tutto scorre con grande velocità e piacere... complimenti Boffetti!

    ha scritto il 

  • 4

    Un ragazzino di appena tredici anni scappa da casa, lasciandosi alle spalle una realtà familiare devastata: una madre prostituta e tossicodipendente, un padre morto sul lavoro, un bagaglio di ricordi ...continua

    Un ragazzino di appena tredici anni scappa da casa, lasciandosi alle spalle una realtà familiare devastata: una madre prostituta e tossicodipendente, un padre morto sul lavoro, un bagaglio di ricordi dolorosi del suo rapporto con la madre, del tutto incapace di prendersi cura di lui. Da questa fuga prende il via un susseguirsi di avventure, esperienze, incontri, in un ritmo narrativo che intreccia il presente alla rievocazione del passato. Un passato che il ragazzo porta con sè, attraverso la foto della madre, la tromba del padre, la passione per la musica che da lui ha ereditato. La lettura è scorrevole e capace di far arrivare al lettore gli stati d'animo del protagonista. Interessante la scelta di non attribuirgli un nome, cosa che ben rispecchia la confusione circa la propria identità di genere, che lo accompagna in questo percorso alla ricerca di se stesso.

    ha scritto il 

  • 0

    RECENSIONE
    QUANDO LA PIOGGIA CORRE
    Sergio Boffetti
    Zerounoundici Edizioni
    2012

    Questa è la storia di un tredicenne. Ma non un tredicenne come tanti. È un ragazzino che scappa di nascosto da casa esasp ...continua

    RECENSIONE
    QUANDO LA PIOGGIA CORRE
    Sergio Boffetti
    Zerounoundici Edizioni
    2012

    Questa è la storia di un tredicenne. Ma non un tredicenne come tanti. È un ragazzino che scappa di nascosto da casa esasperato dalla vita. Lascia i suoi due amici, Francesco e Martina, lascia la nonna Sofia e soprattutto lascia la madre, se davvero madre si può chiamare. È una prostituta che fa uso di droghe, è violenta con lui e lo coinvolge nelle sue attività illegali, lo umilia e lo insulta. È proprio una foto di lei che il ragazzino si porta dietro al momento della partenza a ricordargli che non deve mollare, non deve tornare indietro. E così prende un paio di treni per giungere a Torino, da dove fa l’autostop per raggiungere la Francia dove abita suo zio Ulisse. È diretto proprio lì ma non sa in che parte di Francia si trovi casa di suo zio. Comincia una vera e propria avventura per lui: cammina per giorni; è costretto a dormire dove capita; diventa oggetto di sguardi curiosi per i suoi abiti forse un po’ femminili; perde la tromba che portava con sé, unico legame con il caro padre defunto; si adatta con lavoretti alla giornata; cerca di imparare un po’ il francese; incontra una famiglia di zingari. Proprio con due di loro, Michelle e Sneza, stringerà amicizia. Un giorno viene coinvolto in un furto d’auto e viene arrestato insieme a loro. Verrà poi liberato perché minorenne e, grazie ad un contatto fornitogli da Michelle, inizia con Sneza la ricerca del “Circo dei Miracoli”. Con la piccola Sneza affronta prove ancor più dure e tra loro nasce un legame speciale. La sua vita cambierà definitivamente.
    Molto scorrevole la lettura di questo testo nel quale l’autore fa ben comprendere il vissuto del protagonista tramite la continua alternanza tra flashback sul suo passato e vita presente. Sin dalle prime pagine si incontrano ricordi particolarmente tristi e drammatici, capaci di far versare lacrime.

    ha scritto il