Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Quando vi ucciderete, maestro?

By Antonio Franchini

(60)

| Paperback | 9788831765084

Like Quando vi ucciderete, maestro? ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il libro racconta le ambiguità dell'arte e della lotta, la duplicità di una stessa forma che può essere agile coreografia o movimento volto a uccidere, e nel caso della letteratura attenzione allo stile o ossessione dell'efficacia: Mishima e uno zio Continue

Il libro racconta le ambiguità dell'arte e della lotta, la duplicità di una stessa forma che può essere agile coreografia o movimento volto a uccidere, e nel caso della letteratura attenzione allo stile o ossessione dell'efficacia: Mishima e uno zio morto in battaglia, episodi alti e imprese spesso grottesche, fissazioni e ossessioni di frequentatori di palestre e culturisti, scrittori e pugili. Per l'autore la linea di demarcazione tra l'arte marziale e la letteratura è meno invalicabile di quel che si creda.

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    SCUSATE MAESTRO, MA QUANN’ V’ACCIRITE? (di Grazia Laderchi)

    http://ilpickwick.it/index.php/letteratura/item/1047-sc… Antonio Franchini vive nell’incubo e nell’attesa che gli venga fatta questa domanda. Ma tranne sua madre − che se ne faceva carico assumendosi q ...(continue)

    http://ilpickwick.it/index.php/letteratura/item/1047-sc…

    Antonio Franchini vive nell’incubo e nell’attesa che gli venga fatta questa domanda. Ma tranne sua madre − che se ne faceva carico assumendosi questo gravoso compito ogni qual volta un grande uomo, e il figlio stesso, diceva una grande idiozia, riassumendo il tutto in un efficacissimo “ma veramente, ma quann’ t’accir'?”, − nessuno ha più avuto tanto ardire, e lo scrittore napoletano ne avverte una malinconica mancanza. Così ho letto Quando vi ucciderete, maestro? nella speranza di poter in qualche modo esaudire il suo desiderio, ma sono desolata, il maestro Franchini non fa venire voglia di invitarlo ad andare all’altro mondo, quanto piuttosto di continuare a leggerlo e di approfondire la sua conoscenza.

    Is this helpful?

    Il Pickwick.it (culture, critica e narrazioni) said on Feb 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho riletto, dopo qualche anno, questo libro. In realtà ho riletto la prima parte ma, per la prima volta, sono riuscita ad andare fino in fondo. Lo avevo lasciato più o meno a metà. I libri arrivano nella mia vita quando è il tempo giusto. Quattro ann ...(continue)

    Ho riletto, dopo qualche anno, questo libro. In realtà ho riletto la prima parte ma, per la prima volta, sono riuscita ad andare fino in fondo. Lo avevo lasciato più o meno a metà. I libri arrivano nella mia vita quando è il tempo giusto. Quattro anni fa forse non era ancora il tempo giusto. mi era stato donato da un amico che si dedica alle arti marziali da molti anni con tanta passione quanta ne mette nella lettura. Un amico che sembra cercare qualcosa (chissà se ha capito cosa) nel rincorrere tatami in tutta Italia.
    Mi ero persa, allora, la parte migliore del libro. L'ultima parte. Quella dove, finalmente, Antonio Franchini si decide a mettersi a nudo. Mi ero persa quella parte che, da sola, vale tutto il libro. Quella che contiene la vera anima dell'autore. Il resto è puro sfoggio di letture colte e di esaltanti accostamenti, a volte un po' noiosi, a volte sorprendenti, di sottili intuizioni illuminanti, di impescrutabili voli pindarici impossibili da seguire.
    Quel che mi era rimasto di quella mezza lettura di quattro anni fa, non era poco, ma era sicuramente troppo poco rispetto a quel che mi rimarrà ora o a quel che quelle ultime pagine mi hanno trasmesso ora, tanto da sentire il desiderio irrefrenabile di scriverne, come di rado mi succede.
    Mi era rimasta, allora, l'idea dello scrittore che può essere tale anche quando non abbia scritto nemmeno una riga nella sua vita... degli innumerevoli scrittori che non hanno mai avuto chances perchè assorbiti da altro o che non ne hanno avute a sufficienza perchè strappati alla vita dalla morte.

    Oggi mi commuove avere conferma che quella che, a volte, può sembrare aridità di sentimenti, distacco nei confronti della sofferenza dell'altro, quasi fastidio, può essere oggetto di riflessioni nude di un autore che si è sforzato per più di cento pagine di nascondersi e che, alla fine, si decide a disvelarsi prima a se stesso. E' questo che succede realmente nella scrittura che sia lo spontaneo seguire l'ispirazione. Dirsela fino in fondo mentre ad altri la si racconta... ed accorgersi di questo solo a cose fatte, quando non è più possibile tornare indietro.
    Non parla d'amore in quelle ultime pagine, nel senso che non usa mai la parola amore, ma con amore racconta al suo amore la sua incapacità di fondersi con lei anche nella sofferenza. La sua analisi è capillare anche se affidata a una manciata di pagine. La vita, a muso duro, lo mette ko e su quel tatami, gli sfilano dinanzi tutti i sentimenti negati. E, con chiara consapevolezza, anche le cause del suo modo di essere quello che è, così tanto diverso da quel che avrebbe potuto diventare. e il bello è che non si descrive mai in prima persona nell'alter ego possibile mai realizzato. Indica a lei, diafana e consumata dalla sofferenza, come sarebbe stata se avesse avuto una madre dura e realistica come la sua, concreta fino all'azzeramento dei sentimenti e alla negazione dei sostrati dell'anima.

    Maestro Franchini, non è vero che non scrivi romanzi perchè non ne sei capace. E' perchè ancora non ti sei deciso a ripetere, con la mano sul cuore, in direzione del timo: "io amo"... "il mio romanzo è il migliore del mondo".

    Is this helpful?

    AFe said on Nov 11, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "l'eventualità più atroce e più frequente è quella in cui perplessità e debolezza abbiano roso la forza di scrivere senza averne tuttavia distrutta la coscienza. in questi casi si può vivere, si può pensare, si può soffrire, si può vedere il mondo da ...(continue)

    "l'eventualità più atroce e più frequente è quella in cui perplessità e debolezza abbiano roso la forza di scrivere senza averne tuttavia distrutta la coscienza. in questi casi si può vivere, si può pensare, si può soffrire, si può vedere il mondo da scrittore e non aver mai scritto una riga. "

    Is this helpful?

    kovalski said on May 6, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un buon libro, in cui Franchini dimostra quella intelligenza e personalità che il tempo confermerà annoverandolo tra i più degni scrittori italiani contemporanei. L'idea del paragone letteratura-arti marziali, suggeritagli da Mishima, la sviluppa cre ...(continue)

    Un buon libro, in cui Franchini dimostra quella intelligenza e personalità che il tempo confermerà annoverandolo tra i più degni scrittori italiani contemporanei. L'idea del paragone letteratura-arti marziali, suggeritagli da Mishima, la sviluppa creando una struttura ibrida tra il racconto e il saggio. Elegante.

    Is this helpful?

    Antonio Russo De Vivo (solo libri cartacei) said on Jan 30, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un libro molto bello, pieno di spunti di riflessione. E poi Franchini è un autentico scrittore, anche se finge di non esserlo a pieno.

    Is this helpful?

    Mr. Arkadin said on Oct 12, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La lotta, il corpo, le parole, gli uomini, il sangue, tutto questo scritto in maniera a volte ironica a volte epica. L'autore dimostra tutta la sua confidenza con la parola scritta, i suoi vizi e le sue virtù, e accompagna il lettore nel mondo della ...(continue)

    La lotta, il corpo, le parole, gli uomini, il sangue, tutto questo scritto in maniera a volte ironica a volte epica. L'autore dimostra tutta la sua confidenza con la parola scritta, i suoi vizi e le sue virtù, e accompagna il lettore nel mondo della lotta, delle arti marziali, tra ricordi di infanzia di vita vissuta, mettendo a nudo quanto di più intimo possa nascondersi tra le pieghe di un giovane letterato. da leggere con calma e attenzione

    Is this helpful?

    Gianluigi Sav said on Sep 10, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (60)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 168 Pages
  • ISBN-10: 8831765086
  • ISBN-13: 9788831765084
  • Publisher: Marsilio
  • Publish date: 1996-01-01
Improve_data of this book

Groups with this in collection