Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Quattro dopo mezzanotte, Volume 1

I langolieri - Finestra segreta, Giardino segreto

Di

Editore: Sperling & Kupfer

3.9
(928)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 439 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Francese , Russo , Chi tradizionale , Tedesco , Olandese , Giapponese , Ungherese , Ceco

Isbn-10: 8882744256 | Isbn-13: 9788882744250 | Data di pubblicazione:  | Edizione 8

Traduttore: Tullio Dobner

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Quattro dopo mezzanotte, Volume 1?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Passata la mezzanotte, il tempo e le cose subiscono strane, inquietanti trasformazioni... Che cosa mai accade all'osservatore sbigottito quando s'infrange la finestra che separa la realtà dall'irrealtà e le schegge volano impazzite dappertutto? Seguendo il ritmico, inesorabile ticchettio dell'orologio, Stephen King avanza terrificanti risposte al singolare interrogativo in quattro racconti dal suggestivo potere ipnotico. Questo volume raccoglie i primi due... introducendo il lettore in un lungo incubo a occhi aperti.
Ordina per
  • 1

    delusione...

    mi riferisco soprattutto al racconto "finestra segreta. giardino segreto" è davvero assurdo!! Avevo visto il film con johnny Depp ma è completamente diverso, soprattutto il finale. Non ha molto ...continua

    mi riferisco soprattutto al racconto "finestra segreta. giardino segreto" è davvero assurdo!! Avevo visto il film con johnny Depp ma è completamente diverso, soprattutto il finale. Non ha molto senso e' noiso, banale e soprattutto suspense zero!!.

    ha scritto il 

  • 3

    Ne “I langolieri” ci troviamo per le mani qualcosa di davvero grosso: di punto in bianco gran parte dei passeggeri e tutto l’equipaggio a bordo di un aereo di linea scompare misteriosamente nel ...continua

    Ne “I langolieri” ci troviamo per le mani qualcosa di davvero grosso: di punto in bianco gran parte dei passeggeri e tutto l’equipaggio a bordo di un aereo di linea scompare misteriosamente nel nulla, lasciando nella più completa costernazione una manciata di superstiti che si troveranno a fronteggiare circostanze del tutto incredibili. In quest’opera l’elemento soprannaturale (fantascientifico, se vogliamo) è preponderante per la comprensione della vicenda, ma non manca un senso di orrore claustrofobico nonostante l’ampio spazio che viene dato anche agli eventi al di fuori dell’aereo. Molto ben delineati i personaggi e la ferrea (il)logicità del “cattivo” di turno.

    Due dopo mezzanotte, “Finestra segreta, giardino segreto“, si contrae un po’ su se stesso. Pur svolgendosi in un’area geografica decisamente più ampia rispetto al primo racconto, risulta ben presto (forse non così presto) come il punto focale non sia da ricercarsi chissà dove, ma molto vicino al protagonista, talmente vicino da compenetrarlo. Uno scrittore di successo recentemente abbandonato dall’amata moglie si ritrova a dover fronteggiare uno scrittore amatoriale che sostiene che un suo racconto è stato plagiato. In questo racconto ritroviamo elementi che è possibile riscontrare in altre opere, con caratteristiche più o meno analoghe.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    "Wow!" è la prima esclamazione che ho fatto dopo aver chiuso questo libro. Due racconti (che il mercato editoriale attuale chiamerebbe piuttosto romanzi brevi) fantastici. Era da molto tempo che non ...continua

    "Wow!" è la prima esclamazione che ho fatto dopo aver chiuso questo libro. Due racconti (che il mercato editoriale attuale chiamerebbe piuttosto romanzi brevi) fantastici. Era da molto tempo che non leggevo dei prodotti di King di questo livello e non vedo l'ora di comprare la seconda parte di "Quattro dopo mezzanotte" per divorarmi gli altri due racconti. "Finestra Segreta, Giardino Segreto" è perfetto, se avessi commissionato un libro, probabilmente lo avrei richiesto così. ----SPOILER---- Per quanto riguarda i "Langolieri" ci sono, a parer mio degli errori: lo strappo temporale non dovrebbe essere nella solita posizione semplicemente per il continuo alternarsi di giorno e notte; la terra si è spostata spazialmente nell'universo e quindi lo strappo dovrebbe essere da qualche parte, lontano dall'atmosfera terrestre. Secondo me, infatti, qui King ha sbagliato nel far alternare il giorno e la notte (con un ritmo crescente), sarebbe stato più corretto mantenere staticità ma, magari, sono io a non aver capito i motivi di questa scelta e sono sicuro che c'è una ragione valida. Poi devo fare per forza una domanda: come mai i vestiti delle persone scompaiono mentre oggetti, non solo metallici, come parrucchini e portafogli, spesso rimangono? Questo non sono veramente riuscito a capirlo. Faccio il pignolo perché ritengo King lo Stanley Kubrick della letteratura e trovare qualcosa fuori posto in un suo romanzo, per me è qualcosa che sfiora l'impossibile. In ogni caso ribadisco il mio amore per questi due racconti. Assolutamente consigliato!

    ha scritto il 

  • 4

    8/10

    Riletto il primo volume che contiene i primi due racconti. Prima di tutto vorrei specificare che i cosiddetti racconti sono uno di 250 pagine e uno di 200 perciò mi chiedo come possono venire ...continua

    Riletto il primo volume che contiene i primi due racconti. Prima di tutto vorrei specificare che i cosiddetti racconti sono uno di 250 pagine e uno di 200 perciò mi chiedo come possono venire definiti libri come "Novecento" di Baricco che hanno a mala pena 60 pagine e ora analizzo brevemente i due racconti: I langolieri: di questo "racconto" non ricordavo niente, man mano che andavo avanti ricordavo qualcosa ma rimaneva comunque vago e confuso. L'unica cosa che ho ricordato era quanto mi fosse piaciuto (tanto) e, anche dopo la rilettura, confermo questa opinione. L'ho apprezzato tantissimo. Finestra segreta, giardino segreto lo ricordavo molto di più, forse perchè avevo visto anche il film "Secret Window". Mi è piaciuto molto, ma dopo la prima lettura, se ci si ricorda il finale, perde un po'. Molto valido comunque e scritto bene. In definita mi è piaciuto più il primo ma li trovo entrambi molto belli e ve li consiglio caldamente.

    ha scritto il 

  • 4

    I langolieri: 4* Finestra segreta, giardino segreto: 5*

    :) il Re è sempre il Re e non mi stancherò mai di dirlo!! Solo lui poteva partorire idee così straordinarie! Non vedo l'ora di avere fra le ...continua

    I langolieri: 4* Finestra segreta, giardino segreto: 5*

    :) il Re è sempre il Re e non mi stancherò mai di dirlo!! Solo lui poteva partorire idee così straordinarie! Non vedo l'ora di avere fra le mani il secondo volume! :))

    ha scritto il 

  • 4

    "I langolieri" è uno dei migliori racconti di King:scorrevole,accattivante e incalzante,l'ho letteralmente divorato.Mentre "Finestra segreta,giardino segreto" nonostante le buone premesse iniziali ...continua

    "I langolieri" è uno dei migliori racconti di King:scorrevole,accattivante e incalzante,l'ho letteralmente divorato.Mentre "Finestra segreta,giardino segreto" nonostante le buone premesse iniziali si rovina nella seconda parte scadendo nel prevedibile e nel "già letto".Nel complesso un buon volume e due belle storie,ma sarà anche per la notevole qualità della prima che la seconda rimane un po' in ombra.Consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Muy bueno!

    Pensaba que me iba a decepcionar por que las historias "cortas" no me van mucho pero estas dos han sido realmente buenas. Si tengo que elegir me quedo con la segunda ;)

    ha scritto il 

Ordina per