Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Quella stronza del mio capo

Di

Editore: Baldini Castoldi Dalai

3.2
(174)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 352 | Formato: Altri

Isbn-10: 8860731895 | Isbn-13: 9788860731890 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Quella stronza del mio capo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    La brutta copia de Il diavolo veste Prada

    La versione "casa editrice" de Il diavolo veste Prada non riesce purtroppo a raggiungere i toni brillanti dell'originale, ma si limita a rimanere mera copia. Non aggiunge nulla di nuovo alla narrativa di genere. Scorrevole e facile da leggere, ma nulla di più.

    ha scritto il 

  • 4

    Quando Claire riceve l'offerta dalla prestigiosa Grant Books è al settimo cielo. L'impiego perfetto. Così lascia la P&P e il suo amato capo e mentore Jackson che a giorni andrà in pensione. Eppure gliel'avevano detto che il suo nuovo capo, Vivian, le avrebbe reso la vita un inferno. Vivian Grant, ...continua

    Quando Claire riceve l'offerta dalla prestigiosa Grant Books è al settimo cielo. L'impiego perfetto. Così lascia la P&P e il suo amato capo e mentore Jackson che a giorni andrà in pensione. Eppure gliel'avevano detto che il suo nuovo capo, Vivian, le avrebbe reso la vita un inferno. Vivian Grant, la donna che riesce a piazzare best seller nella classifica del "New York Times" con la stessa frequenza con cui umilia e licenzia i suoi collaboratori. Vivan non è solo una stronza, è la stronza. Meglio paracadutarsi in un campo minato che partecipare alle riunioni. Lei comanda e tu esegui. All'istante. Con un capo così sarebbe saggio dare le dimissioni, ma Claire è decisa a far pubblicare il libro di Luke Mayville, il brillante scrittore con cui sta lavorando, prima che Vivian cambi idea. E poi è felice, ha rivisto l'uomo dei suoi sogni, Randall Cox, di cui era innamorata fin dai tempi dell'università. L'uomo perfetto: se non pensasse sempre al lavoro; se per una volta fosse lui a invitarla a cena al posto della sua segretaria; se esprimesse i suoi sentimenti senza dover fare continuamente ricorso alla carta di credito... Per fortuna c'è Luke con cui sfogarsi, lui si che è diventato un vero amico. Fino a quando, tra diabolici tour de force di 25 ore su 24, un ufficio-sgabuzzino senza finestre e pause pranzo a base di barrette mummificate, Claire non deciderà di sposarsi e Vivian... Vivian? Già, anche il giorno del suo matrimonio... Altrimenti non sarebbe quella stronza del suo capo!

    Un libro davvero leggero (poco più di 300 pagine), ma coinvolgente dalla prima all'ultima pagina. Si viene immersi nella vita di Claire: le sue infinite giornate dedicate al 1000% al lavoro e di come riesce a costruire il suo rapporto con il suo ragazzo e il suo matrimonio anche rimanendo sempre al lavoro... un libro che consiglio di leggere per una lettura leggera leggera...

    ha scritto il 

  • 3

    Questo libro non è così irreale come sembra: persone come il capo di Claire, purtroppo esistono veramente ed è gente frustrata e incarognita con la propria vita e che riversa tutto sui dipendenti.
    Purtoppo sono persone che hanno dalla loro il potere e i soldi,quindi non rimarranno mai a te ...continua

    Questo libro non è così irreale come sembra: persone come il capo di Claire, purtroppo esistono veramente ed è gente frustrata e incarognita con la propria vita e che riversa tutto sui dipendenti.
    Purtoppo sono persone che hanno dalla loro il potere e i soldi,quindi non rimarranno mai a terra,perchè qualcuno da sfruttare e distruggere psicologicamente lo troveranno sempre...
    E' un libro che fa anche riflettere,però ci sarebbe voluto un po' di ironia ad alleggerire il tutto.

    ha scritto il 

  • 3

    A.k.a.: Il diavolo veste Prada

    Una scopiazzatura de "Il diavolo veste Prada" senza onori nè oneri.
    Lei è una ragazza modesta con grandi aspirazioni nel campo dell'editoria che decide di cambiare lavoro e finisce alle dipendenze di una pazza scatenata nonostante tutti l'avessero messa in guardia.
    A far da contorno a ...continua

    Una scopiazzatura de "Il diavolo veste Prada" senza onori nè oneri.
    Lei è una ragazza modesta con grandi aspirazioni nel campo dell'editoria che decide di cambiare lavoro e finisce alle dipendenze di una pazza scatenata nonostante tutti l'avessero messa in guardia.
    A far da contorno a questo c'è una storia d'ammmmore con un giovane rampollo dell'alta società senza capo nè coda.
    Mi pare che non ci sia altro da aggiungere, personalmente avrei letto le prime 30 pagine e le ultime 10, la storia era comprensibilissima lo stesso.
    Tutto ruota intorno alle peripezie della protagonista per soddisfare le esigenze del suo capo fino all'inetivabile lieto fine in cui i buoni hanno successo mentre i cattivi pagano per le proprie malefatte.

    ha scritto il