Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Quelli che ci salvarono

Di

Editore: Neri Pozza

4.1
(231)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 507 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8854502294 | Isbn-13: 9788854502291 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Quelli che ci salvarono?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Weimar, 1939. La guerra è appena iniziata e Anna, una diciottenne orfana di madre, che vive con il padre ma senza il suo affetto, conosce Max Stern, un medico ebreo trentaseienne, e se ne innamora. Quando Stern è costretto a fuggire, ricercato dalle SS non solo perché ebreo ma per la sua attiva partecipazione alla rete di resistenza antinazista, Anna decide di ospitarlo nella propria casa, in un sottoscala dimenticato, di nascosto dal padre, che non fa mistero delle proprie simpatie per il regime. Max e Anna diventano amanti. Aiutata dalla fornaia Mathilde, membro della resistenza, Anna tenta di procurarsi dei documenti falsi per espatriare in Svizzera con Max. Ma proprio quando i documenti sono pronti e Anna sta per annunciare a Max di essere incinta, il padre scopre il nascondiglio e fa arrestare il medico, che viene internato nel campo di concentramento di Buchenwald, costruito nei boschi intorno alla città. Dopo un duro confronto col padre, Anna scappa di casa e si rifugia da Mathilde, la fornaia: non rivedrà mai più né suo padre, che presto si trasferisce a Berlino, né Max, che verrà impiccato nel campo. Nell'anno in cui Anna mette al mondo Trudy, la figlia concepita con Max, Mathilde viene scoperta mentre trasporta un carico di armi verso il campo ed è uccisa. Al forno si presenta un ufficiale nazista, il quale fa chiaramente capire ad Anna che avrà salva la vita se accetterà di essere la sua amante. E così sarà, fino alla fine della guerra e alla fuga del soldato in Sud America.
Ordina per
  • 4

    4 Stelline

    Cosa faresti se fossi molto giovane, con una bambina piccola, ci fossero guerra, violenza,fame? Cosa accetteresti pur di sopravvivere e di mantenere in vita tua figlia?

    ha scritto il 

  • 5

    Sapevo che questo libro mi avrebbe fatto star male ed arano mesi che si trovava nella lista dei desideri... Alla fine mi sono decisa e ne é valsa la pena! L'ho letto in sole tre sere, vivendo insieme ai personaggi l'attesa che la guerra finisse. Ho apprezzato il fatto che la vicenda sia stata rac ...continua

    Sapevo che questo libro mi avrebbe fatto star male ed arano mesi che si trovava nella lista dei desideri... Alla fine mi sono decisa e ne é valsa la pena! L'ho letto in sole tre sere, vivendo insieme ai personaggi l'attesa che la guerra finisse. Ho apprezzato il fatto che la vicenda sia stata raccontata dal punto di vista "tedesco", controcorrente rispetto a quanto ho letto finora. Alla fine, però, nessuno dei personaggi mi é rimasto nel cuore e quando ho letto l'ultima pagina ho tirato un sospiro di sollievo!

    ha scritto il 

  • 4

    Un bel romanzo.


    La storia di Anna e sua figlia Trudy che scorre parallela tra passato e presente, tra l’epoca nazista e la fine degli anni novanta in America.


    Anna è tedesca, figlia di un gerarca nazista, e si innamora di un giovane medico ebreo col quale avrà una figlia, Trudy che ...continua

    Un bel romanzo.

    La storia di Anna e sua figlia Trudy che scorre parallela tra passato e presente, tra l’epoca nazista e la fine degli anni novanta in America.

    Anna è tedesca, figlia di un gerarca nazista, e si innamora di un giovane medico ebreo col quale avrà una figlia, Trudy che il padre non conoscerà mai perché viene deportato nel campo di lavoro di Buchenwald. Anna, ripudiata e tradita dal padre, per salvarsi la vita è costretta a cedere alle lusinghe di un ufficiale nazista che in quel campo lavora, col quale intesse una relazione della serie “a letto con il nemico” e che le consente di sopravvivere e di salvare la figlia dalle atrocità della guerra.

    Parallelamente troviamo la stessa Trudy, adulta ma piena di dubbi sulle sue origini, carica di domande sul suo passato, alle prese con la madre anziana che si è rinchiusa in un silenzio totale ed assoluto rispetto alla sua storia, che non racconta nulla alla figlia di quanto le è accaduto, che non vuole per alcun motivo rinvangare il passato e dare spiegazioni.

    Ma come sempre accade, la tortura di non conoscere le proprie origini, le proprie radici, la propria storia è una punizione troppo grande per qualunque essere umano e spinge Trudy ad allontanarsi dalla madre, a viverla quasi come un ingombro e al tempo stesso a cercare disperatamente degli indizi che le consentano di capire chi è suo padre, cosa ne è stata della loro vita prima di arrivare in America, quando lei era troppo piccola per ricordare i dettagli ma sufficientemente grande da averne in bocca ancora un sapore amaro.

    E’ un romanzo ben costruito, dove l’autrice trova spazio per raccontare cosa accadeva in quell’epoca buia, con una durezza e un senso del realismo che non offuscano una trama da romanzo che cattura e convince quasi sempre.

    ha scritto il 

  • 4

    Interesante, nos relata la lucha de una mujer por súpervivir y mantener a su hija en una ciudad alemana durante el nazismo. La novedad en esta lectura, para mi, ha sido que la protagonista es una alemana no judía y nos da la visión de que también el pueblo alemán no judío pasó muchas penurias. ...continua

    Interesante, nos relata la lucha de una mujer por súpervivir y mantener a su hija en una ciudad alemana durante el nazismo. La novedad en esta lectura, para mi, ha sido que la protagonista es una alemana no judía y nos da la visión de que también el pueblo alemán no judío pasó muchas penurias.
    Se lee fácil y me ha parecido bastante menos duro que otros sobre esa época que he leído.

    ha scritto il 

  • 5

    '42 - Weimar - storia di Anna che, innamorata e incinta di un dottore ebreo,Max Stern, che viene deportato,si rifugia dalla fornaia Mathilde e si compromette per salvarsi diventando l'amante dell'Obersturmfuhrer e in parallelo - storia ai giorni nostri nel Minnesota di Trudy,la figlia di Anna, ...continua

    '42 - Weimar - storia di Anna che, innamorata e incinta di un dottore ebreo,Max Stern, che viene deportato,si rifugia dalla fornaia Mathilde e si compromette per salvarsi diventando l'amante dell'Obersturmfuhrer e in parallelo - storia ai giorni nostri nel Minnesota di Trudy,la figlia di Anna, che scopre solo alla fine del libro chi è il suo vero padre,mettendo in atto,come docente universitaria un lavoro di interviste sulla vita dei tedeschi sopravvissuti e scappati in America,perchè la madre Anna non vuole parlare del suo passato (senso di colpa? vergogna?)

    ha scritto il 

  • 4

    Triste e crudo... Un libro che fa riflettere, dal punto di vista di una ragazza tedesca, sulla crudeltà del regime nazista, maschilista, macchina da guerra e sofferenza. Bellissimo e commovente il sottile intreccio di umanità e disumanità che è riuscita a descrivere la scrittrice.

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia sul nazzismo dal punto di vista di una donna tedesca. Interessante e diverso dal solito. Fà notare che anche i civili tedeschi hanno sofferto durante la guerra, non meno degli altri Paesi. Anche loro aveva il terrore delle SS e di essere arrestati per qualsiasi cosa. Molti cittadini te ...continua

    Una storia sul nazzismo dal punto di vista di una donna tedesca. Interessante e diverso dal solito. Fà notare che anche i civili tedeschi hanno sofferto durante la guerra, non meno degli altri Paesi. Anche loro aveva il terrore delle SS e di essere arrestati per qualsiasi cosa. Molti cittadini tedeschi hanno dato rifugio a ebrei. Una storia scritta bene che ti appassiona e la leggi tutta d'un fiato. Mi ha un po deluso la fine, sembra quasi che non sia finita. Non spiega i sentimenti della protagonista nello scoprire tutta la verità, e la vera storia della sua famiglia, avrei preferito un confronto con la madre. Fa capire che un semplice civile tedesco non ha colpa di tutto quello che è successo, anzi nè hanno sofferto anche loro. Un libro che fa riflettere!

    ha scritto il