Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Questa storia

Di

Editore: Fandango Libri

3.7
(3686)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 283 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Francese , Chi tradizionale

Isbn-10: 8860440076 | Isbn-13: 9788860440075 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Gianluigi Toccafondo

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Travel

Ti piace Questa storia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pubblicato con 4 copertine diverse, di Gianluigi Toccafondo.
Scegliere la propria dal menù "modifica", pagine "copertine".

* * *

Il romanzo racconta la vita di Ultimo Parri, che il lettore incontra bambino in una campagna del Nord Italia all'inizio del Novecento e segue in luoghi e vicende diversi fino agli anni Sessanta. Il destino di Ultimo si svolge e si compie all'interno di una narrazione a più voci. La compongono il rumoroso arrivo delle prime automobili, la passione per i motori e per le gare, un singolare rapporto padre-figlio, atroci scorci della Grande Guerra, una storia d'amore che non inizia e non finisce e si alimenta di segni e di tracce. Il romanzo, che utilizza registri stilistici diversi, è percorso da un senso di sospensione, stupefazione e sgomento.
Ordina per
  • 3

    Farmacista (quasi adolescente, Barcellona)

    in alcuni momenti ispirato nel dialogo e nel movimento, in altri preferisco chi pensa più a scrivere invece che a pesare quello che scrive.

    ha scritto il 

  • 4

    Penso che l'unico commento o riassunto possibile per questo libro sia: CURVA.
    Per chi deve ancora leggerlo forse non vuole dire niente, ma fidatevi che ora guardo la strada con occhi completamente diversi.

    ha scritto il 

  • 0

    Parla di auto, di strade, di guerra, di amore e di sogni questo libro. Ultimo Parri mi ricorda Novecento. Entrambi isolati nel loro mondo. Interagiscono con le persone che camminano al loro fianco ma restano soli, sono isole. Però lasciano il segno.

    ha scritto il 

  • 5

    « Mi ha detto che secondo lui la gente vive per anni e anni, ma in realtà è solo in una piccola parte di quegli anni che vive davvero, e cioè negli anni in cui riesce a fare ciò per cui è nata. Allora, lì, è felice. Il resto del tempo è tempo che passa ad aspettare o a ricordare. Quando aspetti o ...continua

    « Mi ha detto che secondo lui la gente vive per anni e anni, ma in realtà è solo in una piccola parte di quegli anni che vive davvero, e cioè negli anni in cui riesce a fare ciò per cui è nata. Allora, lì, è felice. Il resto del tempo è tempo che passa ad aspettare o a ricordare. Quando aspetti o ricordi, mi ha detto, non sei né triste né felice. Sembri triste, ma è solo che stai aspettando, o ricordando. Non è triste la gente che aspetta, e nemmeno quella che ricorda. Semplicemente è lontana. »

    ha scritto il 

  • 5

    Mettere in ordine è, a mio avviso, il tema portante di "Questa storia".
    Mettere in ordine le proprie esperienze, il proprio io e unire i pezzi per avere un preciso disegno di sé, da consegnare alla cura di pochi.
    Nel romanzo questo concetto si cala nella concreta immagine della strada ...continua

    Mettere in ordine è, a mio avviso, il tema portante di "Questa storia".
    Mettere in ordine le proprie esperienze, il proprio io e unire i pezzi per avere un preciso disegno di sé, da consegnare alla cura di pochi.
    Nel romanzo questo concetto si cala nella concreta immagine della strada, tra l'altro molto efficace. Strada fisica, nel senso stretto di carreggiata, strada biografica, che porta i personaggi ad avvicinarsi ed allontanarsi costantemente, strada psicologica, che traccia l'andamento oscillatorio tra i due poli di evoluzione e involuzione, in un andamento narrativo e costruttivo che, in alcuni personaggi soprattutto (penso a Elizaveta), in effetti ricorda molto il saliscendi di una strada collinare.

    ha scritto il 

  • 5

    - lo sa come si fa a riconoscere se qualcuno ti ama? ti ama veramente, dico?
    - non ci ho mai pensato
    - io si
    - e ha trovato una risposta?
    - credo che sia una cosa che ha a che vedere con l’aspettare, se è in grado di aspettarti, ti ama

    * a star fermi in un letto, c' ...continua

    - lo sa come si fa a riconoscere se qualcuno ti ama? ti ama veramente, dico?
    - non ci ho mai pensato
    - io si
    - e ha trovato una risposta?
    - credo che sia una cosa che ha a che vedere con l’aspettare, se è in grado di aspettarti, ti ama

    * a star fermi in un letto, c'è di positivo che puoi leggere quanto vuoi, coccolata da chi ti vuol bene.
    se poi aggiungi che compi gli anni, è una pacchia: ricevi regali, mangi ciò che vuoi e stai ore al telefono.
    ringrazio il mio fraterno amico Paolo per questo gioiello di libro, mi mancava tra i miei Baricco, uno dei migliori letti.
    grande prova di scrittura ben riuscita.

    ha scritto il 

Ordina per