Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Quest'anno a Gerusalemme

By Mordecai Richler

(399)

| Paperback | 9788845917332

Like Quest'anno a Gerusalemme ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Questo libro è il romanzo, intessuto di ricordi, rimpianti, incontri casuali,telefonate nella notte, dolorose rivelazioni, di una giovinezza e delleamicizie perdute. Il piccolo Mordecai Richler di sabato non poteva accendere ospegnere la luce, Continue

Questo libro è il romanzo, intessuto di ricordi, rimpianti, incontri casuali,telefonate nella notte, dolorose rivelazioni, di una giovinezza e delleamicizie perdute. Il piccolo Mordecai Richler di sabato non poteva accendere ospegnere la luce, rispondere al telefono o ascoltare la radio. Nei giorni cheprecedevano lo Yom Kippur faceva roteare una gallina sopra la testa perscaricare sull'animale terrorizzato tutti i peccati dell'anno trascorso. Atredici anni, quando ormai è diventato un "apikoros", un miscredente, siconverte alla fede laica, socialista e sionista degli Habonim, ansiosi diapprodare quanto prima in Palestina e fondarvi uno stato ebraico. Alla fineRichler non emigrerà nella Terra Promessa. La visiterà due volte.

16 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Lettura un po' pesante, questa volta.
    Mordecai affronta un tema centrale nella vita di un ebreo: Israele e Palestina. Ma come al solito la sua irriverenza e la sua cinica ironia mettono a nudo teatrini ed ipocrisie.

    Is this helpful?

    gab non porta imbottiture da hockey said on Jan 6, 2014 | 2 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    Barney in Israele

    Mordecai Richler racconta, e lo fa in un modo straordinario, lucido e caldo. La razionalità non riesce a nascondere l’amore e l’amore non vela il rigore di un’analisi che non è mai saccente, (anche se sa insegnare) mai moralista (anche se ci costring ...(continue)

    Mordecai Richler racconta, e lo fa in un modo straordinario, lucido e caldo. La razionalità non riesce a nascondere l’amore e l’amore non vela il rigore di un’analisi che non è mai saccente, (anche se sa insegnare) mai moralista (anche se ci costringe a darci un’occhiata alla coscienza). Racconta di Israele: com’era nei sogni della comunità ebraica canadese e nei suoi di giovane ebreo sionista e socialista, com’era nei giorni dell’Yishuv e poi della nascita dello Stato, com’era in guerra e com’è nel tempo dell’intifada. Scritto nel 1994, dopo un viaggio in Israele con la moglie, Quest’anno a Gerusalemme è un continuo gioco di rimandi temporali e storici e personali.
    Ci si può leggere la voglia di dare un contributo alla soluzione del conflitto, o presentare un punto di vista sulla millenaria domanda “che cos’è l’ebraismo, chi è l’ebreo”. Naturalmente nel libro c’è tutto questo, ma c’è soprattutto Richler, che d’altra parte una volta disse: “Uno scrittore scrive sempre della stessa cosa”. Nel suo caso, di un bambino del proletariato ebraico di Montreal, cresciuto in una famiglia chassidica, e di ciò che questo bambino è diventato.
    Il paragrafo finale è quasi un testamento: “Dopo tanti anni riesco ancora a ricordare l’emozione che provammo il 29 novembre 1947, quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite votò a favore della creazione di uno Stato ebraico. Quella sera io, Jerry, Hershey e Myer ci prendemmo sottobraccio insieme agli altri khaverim e marciammo verso il centro, cantando Am Yisrael khay. A quell’epoca eravamo tutti e quattro intenzionati a fare aliyah. Ma Ezra Lifshitz, il nostro capogruppo, la fece davvero, e mi disse che in Eretz Yisrael si sentiva parte di qualcosa. «Mi sono sentito a casa fin dal giorno in cui ci sono arrivato ». Anch’io continuo a sentirmi parte di qualcosa, e a casa, proprio qui, in Canada. Tuttavia, oggi prendo posizione accanto a Ezra, quarant’anni vissuti nel deserto, veterano di due guerre, e sempre quel sorriso dolce e ingenuo dei tempi che abbiamo trascorso insieme in Habonim. Ezra che dichiara: «Te lo dico chiaro e tondo: hanno diritto a una patria esattamente come noi. Io sono a favore di uno Stato palestinese. È l’unico modo per risolvere il nostro problema»”.

    Is this helpful?

    Ester Moscati said on Nov 6, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    non immaginativi un barboso saggio sul medio oriente, ma piuttosto una "Versione di Barney" su Israele. Affrontato di petto, arricchito di aneddoti e ricordi, ben sviscerato.

    Is this helpful?

    Rafael Schiavone said on Dec 31, 2010 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Gli Israeliani e gli Arabi Palestinesi.
    Gli Ebrei e gli Ebrei ortodossi.
    Gli Ebrei della Diaspora e gli Ebrei che hanno fatto Aliyah.
    Israele e il resto del mondo.
    La lingua yiddish e la lingua ebraica.
    Storia di relazioni, incomprensioni e di m ...(continue)

    Gli Israeliani e gli Arabi Palestinesi.
    Gli Ebrei e gli Ebrei ortodossi.
    Gli Ebrei della Diaspora e gli Ebrei che hanno fatto Aliyah.
    Israele e il resto del mondo.
    La lingua yiddish e la lingua ebraica.
    Storia di relazioni, incomprensioni e di mancate intese.

    Is this helpful?

    Squanit said on Aug 17, 2010 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    superbo mordecai richler anche in versione saggista- che parte dalla sua storia personale (dall'infanzia nel ghetto di montreal fino ai suoi viaggi in israele) per finire a raccontare, in modo chiaro e caustico, questo paese così controverso che semb ...(continue)

    superbo mordecai richler anche in versione saggista- che parte dalla sua storia personale (dall'infanzia nel ghetto di montreal fino ai suoi viaggi in israele) per finire a raccontare, in modo chiaro e caustico, questo paese così controverso che sembra non conoscere la pace. appassiona come un romanzo,fa pensare, tanto e venir voglia di approfondire, approfondire sempre.

    Is this helpful?

    fiamma said on Aug 3, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Richler riesce a rendere interessante e divertente argomento altrimenti pesante. La visione è orginale e senza falsi moralismi. Il sarcasmo è diretto ad ambedue le parti in causa, nella questione palestinese sembrano avere tutti torto.

    Is this helpful?

    Stefano Cafaggi said on Jul 26, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (399)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 333 Pages
  • ISBN-10: 8845917339
  • ISBN-13: 9788845917332
  • Publisher: Adelphi
  • Publish date: 2002-01-01
  • In other languages: other languages English Books
Improve_data of this book

Margin notes of this book