Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Rabi'a

Di

Editore: Minerva

0.0
(0)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 94 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8873814034 | Isbn-13: 9788873814030 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Art, Architecture & Photography , Social Science

Ti piace Rabi'a?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nel dicembre 2010 una serie di manifestazioni di piazza infuoca la Tunisia di Ben Alì. La gente protesta per la disoccupazione, l’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità, la corruzione delle autorità. È la “Rivolta dei Gelsomini”, l’inizio di una rivoluzione popolare che porterà in breve tempo alla destituzione e fuga del presidente Ben Alì. Ma che, soprattutto, segnerà l’inizio di un movimento contagioso di ribellione e risveglio contro situazioni di crisie tirannia diffuse ormai da decenni.

L’esposizione, a cura di Chiara Oggioni Tiepolo e Stefano Fittipaldi, si propone di raccontare, attraverso gli scatti di 5 giovani fotoreporter napoletani, alcuni dei momenti più significativi degli sconvolgimenti che hanno travolto il mondo arabo in questi mesi: dalla “Rivolta dei Gelsomini” alle proteste di piazza Tahrir, raccontati attraverso le immagini di Giuseppe Carotenuto ed Eduardo Castaldo, dalla guerra in Libia fotografata da Pietro Masturzo alle storie di profughi al confine e durante il loro viaggio, narrate negli scatti di Giulio Piscitelli e Roberto Salomone.

Nel catalogo è presentata una selezione di 100 scatti che vuole porre l’accento non solo sull’origine e sulla composizione sociale dell’ondata rivoluzionaria (studenti, professionisti, ceto medio e popolare, uniti per ottenere un cambiamento da sempre negato), ma anche sul ruolo che i media hanno assunto in questo scenario, ovvero quello di elemento cardine per la gestione e la diffusione delle informazioni sia verso l’esterno dei paesi in lotta, sia verso l’interno delle rivoluzioni stesse. Le immagini diffuse attraverso i media tradizionali ed i nuovi social media, divengono il simbolo di una comunicazione che si libera dai legami dell’infotainement e si riavvicina al suo scopo primario: l’informazione e la diffusione di notizie e storie da un mondo che cambia.