Racconti

Primo amore, ultimi riti. Fra le lenzuola

Di

Editore: Einaudi

3.8
(388)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 314 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806189700 | Isbn-13: 9788806189709 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace Racconti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
In un solo volume tutta la produzione breve di Ian McEwan -ovverosia le short stories comprese nelle raccolte "Primo amore, ultimi riti"(1975) e "Fra le lenzuola"(1978) -per offrire al lettore l'intera gamma della scrittura(e degli incubi) dell'allora giovanissimo scrittore inglese.
I primi racconti attraversano ossessioni e atmosfere inquietanti, rapporti familiari morbosi, amori torbidi, bambini tormentati da inaudite crudeltà fisiche e psicologiche.
Negli altri, il ritmo incalzante e la forte tensione ci introducono in un universo in bilico tra visioni oniriche e desolante realtà, allucinazioni solitarie e sempre vani tentativi di comunicare: uno scimmione che si lascia dominare da una scrittrice inaridita; un manichino con sembianze femminili che prima appaga e poi distrugge le più folli speranze feticistiche; la violenza che esplode in una serie di ambigui oggetti lucenti (spade,lucchetti,bisturi)....
Ordina per
  • 4

    Un genio alle prime armi

    Questi racconti rappresentano i primi tentativi letterari di Ian McEwan, uno degli autori secondo me più straordinari del panorama contemporaneo, capace di atmosfere inquietanti e colme di risvolti ps ...continua

    Questi racconti rappresentano i primi tentativi letterari di Ian McEwan, uno degli autori secondo me più straordinari del panorama contemporaneo, capace di atmosfere inquietanti e colme di risvolti psicologici mai consolanti, sempre impietosi. Già in queste prime esperienze, da cui traspare a volte un po' di ingenuità che li fa risaltare a tratti quasi morbosi, si riesce a intravedere il genio letterario che - per nostra fortuna - è poi emerso. Merita la lettura!

    ha scritto il 

  • 5

    l'arte del racconto

    scoperto per caso, questa è una raccolta che chi ama i racconti non può perdere, un giovane ian mcewan alla scoperta dell'amore e delle sua numerose e svariate forme, tra famiglie, ragazze e scoperta. ...continua

    scoperto per caso, questa è una raccolta che chi ama i racconti non può perdere, un giovane ian mcewan alla scoperta dell'amore e delle sua numerose e svariate forme, tra famiglie, ragazze e scoperta.

    ha scritto il 

  • 5

    Et voilà

    Riletto per rifarmi la bocca dopo aver letto Miele, dello stesso autore, e trovare conferma che, tanto tempo fa, McEwan fosse un grande scrittore. A suo tempo questi racconti mi hanno folgorato, sapev ...continua

    Riletto per rifarmi la bocca dopo aver letto Miele, dello stesso autore, e trovare conferma che, tanto tempo fa, McEwan fosse un grande scrittore. A suo tempo questi racconti mi hanno folgorato, sapeva essere repellente, cinico, divertente allo stesso tempo e gli sarò per sempre grata per la lotte coniugali a colpi di tacchi a spillo, il fallo in formalina, il gorilla, i bellissimi racconti "Ultimo giorno d'estate" e "Conversazione con l'uomo nell'armadio". Ma devo ammettere che, a posteriori, ci sono già i sintomi incontrovertibili di quell'autocompiacimento, prima che lo stile "costruito" diventasse logorrea, che costituisce un fardello pesante e, per uno scrittore, carico di effetti collaterali. Ma non fa niente: in questi racconti il piacere rimane intatto.

    ha scritto il 

  • 5

    Credo non sia totalmente corretto, nel caso di McEwan, parlare di "racconti" nel modo in cui generalmente si allude ad un "racconto" . Questi sono mini-romanzi, ossessioni in pillole, angoscia e turba ...continua

    Credo non sia totalmente corretto, nel caso di McEwan, parlare di "racconti" nel modo in cui generalmente si allude ad un "racconto" . Questi sono mini-romanzi, ossessioni in pillole, angoscia e turbamento concentrati in qualche pagina. Naturalmente parliamo di una penna di tutto rispetto, i cui temi (sia nei romanzi che nelle storie più brevi) sono spesso ricorrenti, ma mai noiosi o ripetitivi. Un lavoro di McEwan è sempre una garanzia.

    ha scritto il 

  • 3

    Non amo molto le raccolte di racconti perché mi piace per qualche giorno essere immerso e coinvolto in una nuova storia e la brevità dei racconti non permette questo,anzi ti costringe a passare da una ...continua

    Non amo molto le raccolte di racconti perché mi piace per qualche giorno essere immerso e coinvolto in una nuova storia e la brevità dei racconti non permette questo,anzi ti costringe a passare da una storia all'altra nel giro di pochi minuti.Anche in questo caso non ho cambiato idea,sebbene alcuni racconti siano veramente potenti e coinvolgenti.Si sente che sono stati scritti in epoca di rivoluzione sessuale e culturale e alcuni avrebbero meritato uno sviluppo maggiore.Mi piace particolarmente la narrazione dell'autore che accompagna il lettore a scoprire piano piano la vicenda senza descrizioni né spiegazioni troppo dettagliate.
    Bella e utile anche la lunga intervista in appendice.

    ha scritto il 

  • 4

    Inquietante, ossessionante, paralizzante a tratti per la sua crudezza: un pugno nello stomaco! Ma affascinante come sempre, nonostante tutto e al di sopra di tutto

    ha scritto il 

  • 4

    Le due prime raccolte di racconti di McEwan, a testimonianza di come il suo stile iniziale fosse molto crudo e a tratti scioccante. Ovviamente la qualità e l'interesse per i singoli racconti è variabi ...continua

    Le due prime raccolte di racconti di McEwan, a testimonianza di come il suo stile iniziale fosse molto crudo e a tratti scioccante. Ovviamente la qualità e l'interesse per i singoli racconti è variabile, ma nell'insieme costituiscono una prima prova dell'autore allora sconosciuto davvero significativa.
    Una nota di demerito per la traduzione e l'edizione, che - a mio parere - non rivelano una qualità secondo me adeguata a una casa editrice come Einaudi.

    ha scritto il 

  • 4

    Il pornografo inglese

    Nessuno come McEwan fornisce esperienze d'onanismo, abiezione, alienazione, sfascio affettivo, così livide d'umanità. Certi racconti scivolano giù come una tazza di té e ti fanno sentire fradicio come ...continua

    Nessuno come McEwan fornisce esperienze d'onanismo, abiezione, alienazione, sfascio affettivo, così livide d'umanità. Certi racconti scivolano giù come una tazza di té e ti fanno sentire fradicio come un preservativo usato.

    ha scritto il 

Ordina per