Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Racconti dei mari del Sud

Di

Editore: Einaudi (Tascabili, 365)

4.1
(134)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 252 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806140868 | Isbn-13: 9788806140861 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Paola Novarese

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Racconti dei mari del Sud?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Contiene: Pioggia, La forza degli eventi, Mackintosh, Scelte, L'angolo più remoto della terra, Neil Macadam.

Le sette storie di questo volume sono tutte ambientate tra la Malesia e la Polinesia negli anni '20 e '30, e sono altrettante variazioni di un unico tema: lo scontro tra la rigidezza e l'ipocrita senso dell'onore della mentalità inglese, e vittoriana in particolare, e l'improvviso scatenarsi di passioni incontrollabili, che i luoghi e il clima tropicale sembrano favorire. Così accade in "Pioggia", il racconto più famoso, dove un missionario appena arrivato alle isole Samoa tenta di convertire una prostituta, ma resta sedotto da lei, e per la vergogna si uccide.
Ordina per
  • 5

    All’inizio del Novecento Erich Scheurmann, un tedesco finito alle isole Samoa per sfuggire alla guerra, raccolse le acute osservazioni e i taglienti giudizi del capo tribù Tuiavii sugli usi e le abitudini degli europei. Tornato in patria pubblicò queste considerazioni in un libro che intitolò ...continua

    All’inizio del Novecento Erich Scheurmann, un tedesco finito alle isole Samoa per sfuggire alla guerra, raccolse le acute osservazioni e i taglienti giudizi del capo tribù Tuiavii sugli usi e le abitudini degli europei. Tornato in patria pubblicò queste considerazioni in un libro che intitolò Papalagi, termine con cui gli indigeni samoani definivano l’uomo bianco, e che divenne il paradigma di come la civiltà occidentale fosse talmente sicura di se e della propria superiorità da non essere più in grado di vedere i propri limiti e capire l'altro da se.

    Col medesimo sguardo perplesso e divertito di Tuiavii, W.S. Maugham racconta di tanti piccoli uomini con troppe certezze che alla prova dei fatti dimostrano di non capire nulla del mondo, degli altri e perfino di se stessi. In ognuno di questi sei classicissimi racconti (accomunati dall’ambientazione esotica) le regole morali dell’uomo bianco sbiadiscono al sole dei Tropici, la sua presunzione viene portata via dal vento sulle spiagge della Polinesia e la natura umana più autentica germoglia di nuovi e strani fiori nella lussureggiante giungla malese sotto molteplici strati di pregiudizi vestiti in tweed.

    ha scritto il 

  • 5

    Che strano scrittore Somerset Maugham! Nella sua produzione ci sono cose imbarazzanti come "Il Mago" e cose sublimi come questa raccolta di racconti PERFETTI. Ecco, non c'è altra parola migliore per definirli. Cos'altro si può dire quando alla trama avvincente, all'argomento interessante e ai per ...continua

    Che strano scrittore Somerset Maugham! Nella sua produzione ci sono cose imbarazzanti come "Il Mago" e cose sublimi come questa raccolta di racconti PERFETTI. Ecco, non c'è altra parola migliore per definirli. Cos'altro si può dire quando alla trama avvincente, all'argomento interessante e ai personaggi scolpiti in un impasto di pietra e sangue si aggiunge una forma ineccepibile, che non sbava mai e che arriva sempre esatta?

    Libro per chi:

    1. E' appassionato di racconti (qui approderà in paradiso)
    2. E' appassionato della Gran Bretagna
    3. E' appassionato del periodo e delle letterature coloniali
    4. E' appassionato di Malesia e Polinesia
    5. E' appassionato della natura umana
    6. E' appassionato dello scoperchiamento delle "false virtù"
    7. ...
    8. ...

    eccetera eccetera eccetera

    Insomma... leggetelo!

    ha scritto il 

  • 4

    Se accettare la natura umana per quello che è, sorridendo quando è incomprensibile e soffrendo senza prendersela troppo quando si rivela meschina significa essere cinici, allora ritengo di essere tale.
    George Moon
    - L'angolo più remoto della terra

    ha scritto il 

Ordina per