Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Racconti di New York

By Maeve Brennan

(127)

| Mass Market Paperback | 9788817040044

Like Racconti di New York ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Sono storie frizzanti e acide, quelle raccolte in questa antologia. Storie di feroce desiderio, di sogni mal governati, di ambizioni frustrate ma eternamente rinascenti. Troppo "dark" per essere semplici commedie di costume, troppo intense per non to Continue

Sono storie frizzanti e acide, quelle raccolte in questa antologia. Storie di feroce desiderio, di sogni mal governati, di ambizioni frustrate ma eternamente rinascenti. Troppo "dark" per essere semplici commedie di costume, troppo intense per non toccare corde profonde in ogni lettore, portano sulla scena un variegato manipolo di personaggi, i più diversi fra loro. Le loro vite si agitano tra gli elitari paesaggi suburbani dei dintorni di New York, modellati sull'area residenziale di Sneden Landing, sull'Hudson, dove la Brennan stessa abitò diversi anni insieme al marito. Che si tratti di raffinati e ipocriti critici letterari del jet set newyorchese, di iper-affettate signore dell'alta borghesia americana, o di affrante e pettegole donne di servizio, i protagonisti dipinti dalla Brennan hanno in comune l'ostinazione sublime, fatale o ridicola con cui inseguono il proprio desiderio e la sua soddisfazione. A dispetto del mondo. Postfazione di John Updike.

18 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il raffinato e crudele balletto delle convenzioni sociali sul tavolo dell'anatomista. Brennan vivisezione con occhio disincantato e a tratti crudele, una piccola comunità arroccata nei privilegi del lusso e nello stesso tempo prigioniera di una rete ...(continue)

    Il raffinato e crudele balletto delle convenzioni sociali sul tavolo dell'anatomista. Brennan vivisezione con occhio disincantato e a tratti crudele, una piccola comunità arroccata nei privilegi del lusso e nello stesso tempo prigioniera di una rete fittissima e indistricabile di "comme il faut". Fine psicologia, entomologia dei sentimenti umani, si percepisce tra le righe un latente disprezzo mescolato alla commiserazione con punte di profondo scandaglio dell'animo femminile che forse solo una donna ha la capacità di esercitare in maniera così competente e a tratti velenosa: un articolo di Vanity Fair in salsa al curaro. Forse tra i racconti più belli letti ultimamente.

    Is this helpful?

    ofelia said on May 31, 2013 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Prima opera di Maeve Brennan che termino. Ce ne saranno altre, questo è poco ma sicuro. Perché, come dice J.Updike, "leggere la Brennan è come guardare un quadro di Hopper". Ed amando profondamente il pittore, va da se' che già amo profondamente la s ...(continue)

    Prima opera di Maeve Brennan che termino. Ce ne saranno altre, questo è poco ma sicuro. Perché, come dice J.Updike, "leggere la Brennan è come guardare un quadro di Hopper". Ed amando profondamente il pittore, va da se' che già amo profondamente la scrittrice.

    Is this helpful?

    Chicca said on Dec 20, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sublime nei sobborghi

    La prima parte della raccolta, ambientata nella periferia di New York, è sublime, un affresco completo di un ecosistema che (forse) non esiste più. L'impatto con la seconda parte, ambientata a New York, è stridente: dove finiscono la brillantezza e l ...(continue)

    La prima parte della raccolta, ambientata nella periferia di New York, è sublime, un affresco completo di un ecosistema che (forse) non esiste più. L'impatto con la seconda parte, ambientata a New York, è stridente: dove finiscono la brillantezza e l'acume della Brennan e soprattutto dei suoi personaggi? Che siano rimasti in quella periferia che tanto l'ha ispirata?
    In ogni caso, la prima parte di raccolta, da sola, merita l'acquisto e la lettura

    Is this helpful?

    MissJones said on Aug 5, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    In realtà i racconti non sono proprio di New York, ma di zone fuori dalla metropoli lungo le sponde dell'Hudson.

    Is this helpful?

    Guè said on Dec 30, 2011 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Al microscopio

    Questa raccolta inizia bene, ma poi, proseguendo, ho pensato che fosse più bello il commento di Marica (http://www.anobii.com/0129467019d2edf2ea/books), che me l'aveva fatta comprare, della raccolta stessa.
    Si chiude però in levare, con gli ultimi t ...(continue)

    Questa raccolta inizia bene, ma poi, proseguendo, ho pensato che fosse più bello il commento di Marica (http://www.anobii.com/0129467019d2edf2ea/books), che me l'aveva fatta comprare, della raccolta stessa.
    Si chiude però in levare, con gli ultimi tre bellissimi, malinconici racconti che rimangono impressi.
    La Brennan guarda New York e un suo ricco sobborgo al microscopio. Una lente che la avvicina e la tiene a distanza di sicurezza. Per fortuna! perché quel sobborgo rischia di andare a fuoco, grazie a una sommossa popolare che uno quasi si augura...

    Is this helpful?

    S said on Aug 30, 2011 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (127)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Mass Market Paperback 183 Pages
  • ISBN-10: 8817040045
  • ISBN-13: 9788817040044
  • Publisher: Rizzoli (Scrittori contemporanei)
  • Publish date: 2010-05-26
Improve_data of this book