Racconti in forma di poesia

Di

Editore: Minimum Fax (I libri di Carver, 01)

4.0
(157)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 257 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8886568738 | Isbn-13: 9788886568739 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Riccardo Duranti ; Postfazione: Tess Gallagher

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Racconti in forma di poesia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Il modo migliore per commentare una raccolta di poesia è quello di lasciar parlare i versi, ma qui i versi sono un misto tra poesia e prosa, bozzetti fulminei di vita, riflessioni ardite, descrizioni ...continua

    Il modo migliore per commentare una raccolta di poesia è quello di lasciar parlare i versi, ma qui i versi sono un misto tra poesia e prosa, bozzetti fulminei di vita, riflessioni ardite, descrizioni e racconti nonché immagini e ricerca di parole e suoni pescati nel quotidiano. Carver è un genio e come tale va affrontato. Consiglio a tutti di avvicinarsi a lui attraverso questo libro.

    SEMPRE ALLA RICERCA DEL MEGLIO
    Ora che sarai fuori per cinque giorni,
    fumerò tutte le sigarette che vorrò,
    dove vorrò. Farò i biscotti e me li mangerò
    con marmellata e grasso di pancetta. Poltrirò. Mi concederò
    di tutto. Passeggerò sulla spiaggia se ne avrò
    voglia. E ne ho voglia, da solo
    a pensare a quando ero giovane. Alle persone
    che allora mi amavano alla follia.
    E a come le amavo anch'io più di ogni altra.
    Tranne una. Ti giuro che farò tutto
    quel che voglio mentre sarai fuori!
    Ma c'è una cosa che non farò.
    Non dormirò nel nostro letto senza di te.
    No. Non mi fa piacere farlo.
    Dormirò dove cavolo mi pare...
    dove dormo meglio quando sei fuori
    e non ti posso abbracciare come faccio.
    Sul divano rotto del mio studio.

    LETTURA
    La vita di ognuno è un mistero, proprio come
    la vostra o la mia. Immaginate
    un castello con le finestre che si affacciano
    sul lago di Ginevra. Là sulla finestra
    nei giorni assolati e caldi c'è un uomo
    così assorto nella lettura che non alza
    gli occhi. O se lo fa, usa un dito
    come segnalibro, alza lo sguardo e scruta
    al di là dell'acqua verso il Monte Bianco
    e oltre, verso Selah, stato di Washington,
    dove sta con una ragazza
    e si sta ubriacando per la prima volta.
    L'ultima cosa che ricorda, prima
    di perdere i sensi, è che lei gli ha sputato in faccia.
    Lui continua a bere
    e a farsi sputare addosso per anni.
    Ma ci sarà gente che vi dirà
    che le sofferenze rafforzano il carattere.
    Siete liberi di pensarla come volete.
    ad ogni modo, lui si rimette
    a leggere e non si farà venire i complessi
    di colpa per sua madre
    che va alla deriva sulla sua barca di tristezza,
    e preoccupazioni per i figli
    e per i loro problemi senza fine.
    Né ha intenzione di pensare alla
    donna con gli occhi chiari che lui amava
    e alla sua disfatta per mano di una religione orientale.
    Il dolore di lei non ha inizio e non ha fine.
    Si faccia pure avanti, nel castello o a Selah,
    chiunque possa vantare un legame con l'uomo
    che siede tutto il giorno alla finestra a leggere
    come il quadro di un uomo che legge.
    si faccia pure avanti il sole.
    Si faccia pure avanti l'uomo stesso.
    Ma che diavolo starà mai leggendo?

    ha scritto il 

  • 4

    Torna a casa. Mi senti? I miei polmoni sono pieni del fumo della tua assenza.

    Sono sempre di parte per Carver. Sempre e comunque.
    Averlo conosciuto tramite i racconti mi fanno apprezzare un po' meno le poesie, ma resterà sempre il mio preferito.
    Le sue atmosfere, il raccontare ...continua

    Sono sempre di parte per Carver. Sempre e comunque.
    Averlo conosciuto tramite i racconti mi fanno apprezzare un po' meno le poesie, ma resterà sempre il mio preferito.
    Le sue atmosfere, il raccontare le cose più banali con una dolcezza da non riuscire ad evitare di sorridere, i suoi sentimenti così forti, le sue parole così piene e così studiate.
    Leggere un suo qualsiasi libro mi lascia sempre con una sensazione di leggerezza mista ad una rara serenità, ed è l'unico in grado di farlo. E potrei amarlo anche solo per questo.

    ha scritto il 

  • 3

    Anche se di Carver preferisco di gran lunga i racconti alle poesie,c’è comunque qualcosa di affascinante che colpisce nel leggerle. Nessuna è memorabile forse,ma dentro di sé hanno quella grazia suntu ...continua

    Anche se di Carver preferisco di gran lunga i racconti alle poesie,c’è comunque qualcosa di affascinante che colpisce nel leggerle. Nessuna è memorabile forse,ma dentro di sé hanno quella grazia suntuosa e cordiale che a tratti meraviglia.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho scoperto Carver.
    Poi ho scoperto che Carver piace a Baricco, Murakami e chissà poi quanti altri.
    Ed ho capito perché mi piace Carver.

    Poi ho scoperto che a Carver il suo editor correggeva i raccont ...continua

    Ho scoperto Carver.
    Poi ho scoperto che Carver piace a Baricco, Murakami e chissà poi quanti altri.
    Ed ho capito perché mi piace Carver.

    Poi ho scoperto che a Carver il suo editor correggeva i racconti.
    Il suo editor, l'editor di Carver, si chiama Gordon Lish.
    Lish stravolgeva i racconti di Carver, li riscriveva, quasi.

    Così adesso non so se mi piace Ray Carver o Gordon Lish.

    ha scritto il 

  • 4

    Paura

    "Paura di vedere la macchina della polizia fermarsi davanti casa.
    Paura di addormentarsi la notte.
    Paura di non addormentarsi.
    Paura del ritorno del passato.
    Paura del presente che fugge.
    Paura del telefon ...continua

    "Paura di vedere la macchina della polizia fermarsi davanti casa.
    Paura di addormentarsi la notte.
    Paura di non addormentarsi.
    Paura del ritorno del passato.
    Paura del presente che fugge.
    Paura del telefono che squilla nel cuore della notte.
    Paura delle tempeste elettriche.
    Paura della signora delle pulizie con un neo sul viso!
    Paura dei cani che mi hanno detto che non mordono.
    Paura dell’ansia!
    Paura di dover identificare il cadavere di un amico.
    Paura di finire i soldi.
    Paura di averne troppi, anche se a questo non ci crederanno mai.
    Paura dei risultati dei test psicologici.
    Paura d’essere in ritardo e paura di arrivare prima degli altri.
    Paura della calligrafia dei miei figli sulle buste.
    Paura che muoiano prima di me e che mi sentirò in colpa.
    Paura di dover vivere con mia madre anziana, anziano anch’io.
    Paura della confusione.
    Paura che questo giorno finisca su una brutta nota.
    Paura di svegliarmi e scoprire che te ne sei andata.
    Paura di non amare e paura di non amare abbastanza.
    Paura che quel che amo risulterà letale per quelli che amo.
    Paura della morte.
    Paura di vivere troppo.
    Paura della morte.
    L’ho già detta."

    ha scritto il 

  • 4

    O poesie in forma di racconto?

    Per chi ama Carver (mi riesce difficile pensare che qualcuno possa non farlo, ma naturalmente il mondo è vario) questo è un libro da non perdere, al di là del valore delle singole liriche, chiamiamole ...continua

    Per chi ama Carver (mi riesce difficile pensare che qualcuno possa non farlo, ma naturalmente il mondo è vario) questo è un libro da non perdere, al di là del valore delle singole liriche, chiamiamole così, che non è sempre lo stesso. Ce ne sono alcune bellissime e altre così così. Ma la cosa interessante è che sono in un certo senso racconti di Carver al quadrato: il ricorso alla forma poetica se possibile riduce ancora più all'osso le storie raccontate, e getta una luce interessante sulla sua tecnica ideativa ed espressive. Infine non guasta il testo inglese a fronte.

    ha scritto il 

  • 4

    Devo ancora capire se di Carver mi piace tutto o no. Mi sono un po' raffreddato quando ho letto che molto del merito di carver sia da attribuire al suo editor. Pare che l'idea di trasformare le sue st ...continua

    Devo ancora capire se di Carver mi piace tutto o no. Mi sono un po' raffreddato quando ho letto che molto del merito di carver sia da attribuire al suo editor. Pare che l'idea di trasformare le sue storie in racconti brevi sia stata proprio la sua.
    Non lo sapremo mai forse ma in fondo non credo che sia poi così importante.

    ha scritto il 

Ordina per