Racconto d'inverno

Voto medio di 291
| 187 contributi totali di cui 167 recensioni , 20 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Uno sbandato "che scappa da tutto e da tutti", sullo sfondo di una guerra civile tra le montagne vicino al confine. Si imbatte in una dimora abbandonata, costruita in un luogo inospitale ma protetta da una faggeta antichissima, sorta tra gole inesplo ...Continua
Gvncasta
Ha scritto il 12/01/18
Dopo la lettura e la rilettura mi sono deciso a scrivere qualcosa su questo romanzo. È raro che rilegga un libro, ma in questo caso, se dovessi dire, s'è trattato di una suggestione, più che altro. Comunque se ci si aspetta qualcosa di più preciso me...Continua
Al
Ha scritto il 12/01/18
Pagine di poesia profondissima
Ho scoperto questo romanzo per caso. Poi sono stato invitato ad un gruppo di lettura straordinario che ho seguito mentre leggevo il libro. È stata un'esperienza piena e indimenticabile. Il libro, indagato tanto a fondo, ha rivelato un'organizzazione...Continua
Bcogni
Ha scritto il 23/12/17

Lo consiglio a chi è un lettore forte e vuole letture forti. Io lo considero un piccolo capolavoro degli anni dieci. E non ce ne sono molti

Lrsndr70
Ha scritto il 23/12/17
Incipit magistrale
Incipit magistrale. Grande libro: "Ora non so più. O forse non l'ho mai saputo. Non so perché o da quanto, da chi e per quali fini. D'altronde non so neanche chi ero o chi sono stato ma ricordo cosa pensavo di me: uno sbandato fuggito dalla mischia e...Continua
AntonioBi
Ha scritto il 18/12/17
Un libro che colpisce. Toni foschi, immagini ricche e rivelatrici. Già dalle prime pagine ho avvertito un respiro particolare. Poi, passata la metà, non sono più riuscito a staccarmi. L'inverno di Bonetti vive di un'atmosfera particolarissima creata...Continua

Roman
Ha scritto il Oct 18, 2010, 19:46
"Allora avanzai sorridendo e accendendo uno zolfanello dopo l’altro per cercare di indovinare la fine del condotto. A tratti, contro ogni ragionevolezza, spegnevo con un soffio dolcissimo il fiammifero appena acceso per provare quel bagliore di buio...Continua
Pag. 107
Al
Ha scritto il Aug 30, 2010, 08:35
"Sopra spiccava uno specchio a bilico ovale con i sostegni leggermente arcuati e tre cassetti dai piccoli pomoli bruniti disposti orizzontalmente. Si intuiva dalle venature scure e a volte nere che la specchiera era di un legno diverso, forse di noce...Continua
Pag. 85
Al
Ha scritto il Aug 30, 2010, 08:33
"mai come allora, mi sembrò, potevo sentire quella forza prendermi e il riso colmarmi gli occhi".
Pag. 79
Al
Ha scritto il Aug 30, 2010, 08:31
"Aveva la faccia scavata e gli occhi stanchi, da cui alcune rughe profonde si diramavano in un delta fin sopra gli zigomi. Notai la giacca logora e le scarpe senza forma".
Pag. 78
Al
Ha scritto il Aug 30, 2010, 08:15
"Tutto era senza significato, anche il vento che spirava in un’altalena di intensità producendo spostamenti fissi, prevedibili; anche la pioggia sottile. La realtà era prevedibile, non c’era niente da scoprire, nessun segreto da sciogliere. Il miste...Continua
Pag. 77

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi