Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Radiodrammi

Di

Editore: Einaudi

4.4
(54)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 234 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806514660 | Isbn-13: 9788806514662 | Data di pubblicazione: 

Curatore: Italo Alighiero Chiusano

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Radiodrammi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
'Chi, di Durrenmatt, ignori la produzione radiodrammatica, lo amputa di alcune membra, di alcuni organi senza i quali quest'autore risulta gravemente incompleto... In Durrenmatt, quasi sempre, il radiodramma entra in orbita. Non solo, ma ha un così alto tasso di personalità e di disinvoltura da farci chiedere se nel teatro per sole voci Durrenmatt non sia più se stesso che in tante prove del suo teatro tout court... Durrenmatt, nello spazio buio dell'ascolto, spalanca gli occhi avidi della sua fantasia, e la scenografia interiore, i gesti e le espressioni mitiche presentati per il tramite della parola non solo non costituiscono un fuor d'opera e un impaccio, ma rispondono perfettamente alla grammatica del mezzo radiofonico...'
Ordina per
  • 5

    La Terra è troppo bella. Troppo ricca. Le sue possibilità sono troppo grandi. Essa adesca all'ineguaglianza. La povertà è un disonore, sulla Terra, e questo la fa disonorare. Solo qui la povertà è qualcosa di naturale. Ai nostri cibi, ai nostri utensili è attaccato solo il nostro sudore, non a ...continua

    La Terra è troppo bella. Troppo ricca. Le sue possibilità sono troppo grandi. Essa adesca all'ineguaglianza. La povertà è un disonore, sulla Terra, e questo la fa disonorare. Solo qui la povertà è qualcosa di naturale. Ai nostri cibi, ai nostri utensili è attaccato solo il nostro sudore, non anche l’ingiustizia, come sulla Terra (Operazione Vega, cit.)

    ha scritto il 

  • 5

    Un teatro da ascoltare, o da leggere immaginando di ascoltare e di vedere, dove le parole si fanno attori e i lettori pubblico e dove la scenografia è interiore. Miracoli possibili.

    ha scritto il 

  • 0

    Fantastica questa raccolta. Nel primo 'radiodramma', ambientato nella Grecia antica, per la disputa tra un dentista e una noleggiatore di asini (circa l'opportunità di far pagare al dentista l'ombra dell'asino che quest'ultimo si sta godendo al riparo del solleone) si mette in moto un meccanismo ...continua

    Fantastica questa raccolta. Nel primo 'radiodramma', ambientato nella Grecia antica, per la disputa tra un dentista e una noleggiatore di asini (circa l'opportunità di far pagare al dentista l'ombra dell'asino che quest'ultimo si sta godendo al riparo del solleone) si mette in moto un meccanismo infernale di strumentalizzazioni politiche della causa, che porterà a una palingenesi che però non purificherà nulla.... leggere per credere!
    E poi nell'ultimo radiodramma...

    ha scritto il 

  • 5

    Davanti a Dürrenmatt si resta sempre senza parole, ma qui siamo alla sindrome di Stendhal. Teatro radiofonico, allestito con Mors, Ius e Vanitas: dopo un libro così ti viene voglia di studiare, se riesco a rendere l'idea. Immenso.

    ha scritto il