Ragazzi di vita

La biblioteca di Repubblica - Novecento, 40

Voto medio di 3294
| 276 contributi totali di cui 256 recensioni , 16 citazioni , 0 immagini , 4 note , 0 video
I ragazzi senza futuro delle borgate romane, che vivono di espedienti rasentando e spesso oltrepassando la soglia del crimine, e che tuttavia incarnano una vitalità primigenia, una sorta di naturale e stravagante eticità capace in qualche modo di pre ...Continua
Ha scritto il 29/12/17
GIOVANI VITE SENZA SPERANZE
Libro crudo, senza speranza, in cui Pasolini descrive le vite problematiche dei ragazzi delle borgate romane dei primi anni '50. Ciò che traspare dal romanzo è uno sconfinato senso di solitudine, un degrado morale che prolifica senza barriere dove es ...Continua
Ha scritto il 20/08/17
Non l' Urbe, non la Città Eterna, non il Vaticano. Non la capitale mondiale del turismo né la capitale politica. La Roma descritta da Pasolini è quella degli ultimi, degli uomini delle borgate, è la Roma di coloro che non hanno una identità, un nome. ...Continua
Ha scritto il 31/07/17
Ritratto asciutto e realistico di una realtà
Ragazzi di vita è la narrazione asciutta, distaccata e fedele di uno spaccato di realtà romana di un'epoca. L'uso del gergo romanesco conferisce ancora più credibilità e autenticità alle azioni, alle avventure e dissaventure dei giovani protgonisti. ...Continua
Ha scritto il 29/07/17
Embè? Gajardo!
"Ragazzi di vita". Ossia la realtà, vista attraverso gli occhi di ragazzi di borgata.
Una visione basata sull'istinto (ha voja!), sul qui e subito. I ragazzi descritti, lasciati soli senza punti di riferimento, non hanno progettuali
...Continua
  • 34 mi piace
  • 10 commenti
Ha scritto il 16/05/17
“Cominciava a schiarire. Sopra i tetti delle case si vedevano striscioni di nubi, sfregati e pestati dal vento, che, lassù, doveva soffiare libero come aveva soffiato al principio del mondo.”
“Ragazzi di vita”, edito nel 1955, è il primo dei due romanzi che Pier Paolo Pasolini dedicherà a Roma e alle sue borgate in costruzione, fissando per la capitale in maniera indelebile un momento storico, critico e irripetibile.
Roma è la protago
...Continua
  • 21 mi piace
  • 7 commenti

Ha scritto il Aug 04, 2015, 10:47
Gli altri non stettero a cercare tante spiegazioni: erano cose che succedevano.
Pag. 103
  • 1 mi piace
Ha scritto il Aug 04, 2015, 10:41
"Me pari un reggista" fece, trattenendosi a fatica dallo sbottare completamente a ridere. "A ignorante testa di c...", fece il Riccetto, sentendosi giustamente offeso.
Pag. 111
Ha scritto il Mar 10, 2012, 09:20
accomodandosi la fessa con aria mondana
Pag. 132
Ha scritto il Mar 10, 2012, 09:20
urlando con aria didascalica
Pag. 129
Ha scritto il Mar 10, 2012, 09:20
"Con quell'aria tenera come l'olio,i contorni limpidi delle cose,la tiepidità del venticello in cui c'era come una sonnolenza d'aprile,si aveva l'impressione che fosse un giorno di festa."
Pag. 117

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Jan 10, 2017, 12:17
Quinto ginnasio. Il mio primo Pasolini.
Ha scritto il Jul 15, 2016, 14:12
853.914 PAS 17268 Letteratura Italiana
Ha scritto il Apr 21, 2016, 13:47
853.914 PAS 16739 Letteratura Italiana
Ha scritto il Apr 05, 2016, 10:28
853.914 PAS 17268

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi