Ragdoll

Di

Editore: Longanesi

3.0
(9)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 355 | Formato: eBook

Isbn-10: 8830448648 | Isbn-13: 9788830448643 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Ragdoll?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Londra, 2010. Il processo al Cremation Killer, Naguib Khalid, è giunto al momento della sentenza. Il detective William Fawkes, detto Wolf, è in ansiosa attesa del verdetto. Perché le prove a carico dell’imputato sono indiziarie, e c’è chi dice che siano state inventate da Wolf stesso. Quando Khalid viene assolto, Wolf lo aggredisce in tribunale e viene rinchiuso in un ospedale psichiatrico. Ma pochi giorni dopo Khalid viene colto sul fatto: se solo avessero ascoltato Wolf, l’ultima vittima avrebbe potuto salvarsi invece di morire bruciata viva come le altre. Londra, 2014: Wolf è tornato in servizio, ma è un uomo distrutto. Divorziato, ha appena traslocato in un palazzo fatiscente ai margini della capitale inglese. Una notte, viene convocato su una scena del crimine. In un appartamento disabitato si trova un cadavere. Un solo corpo… Ma sei vittime. Sei parti differenti, sei membra di persone diverse, cucite insieme in modo rozzo. Ma non basta, perché il killer fa arrivare alla stampa un elenco di nomi e date.Sono le sue prossime vittime, e l’assassino arriva a dire anche quando le ucciderà. Ed è scorrendo la lista fino all’ultimo nome che Wolf capisce che quella terribile sfida lo riguarda molto, molto da vicino.
Ordina per
  • 4

    “Ragdoll” è un thriller spietato, intriso di dolore e sofferenza. I fatti scorrono via veloci in un gioco di matrioske che mi ha ricordato le costruzioni multiple della verità di Donato Carrisi. Lo s ...continua

    “Ragdoll” è un thriller spietato, intriso di dolore e sofferenza. I fatti scorrono via veloci in un gioco di matrioske che mi ha ricordato le costruzioni multiple della verità di Donato Carrisi. Lo scrittore gioca con il lettore coinvolgendolo nell’allucinante agire del Killer. Io ho apprezzato la trama precisa, le ambientazioni da incubo, i sospetti, la follia dell’omicida che pianifica i suoi crimini futuri. Follia e pianificazione si mostrano lati della stessa medaglia, un girare vorticoso travolge i personaggi, buoni e cattivi, poliziotti e criminali, uomini e donne alla ricerca del potere mediatico. L’alto ritmo narrativo si nutre di una tensione palpabile che cresce in modo direttamente proporzionale ai crimini. Particolare attenzione è data all’evoluzione psicologica dei personaggi. Il killer non ha un volto, è un mostro inafferrabile e misterioso, si cela ai lettori. È un’ombra che ci accompagnerà fino al finale sorprendente in grado di costruire un ponte verso il secondo capitolo della suggestiva trilogia legata al detective Wolf.

    Ora, se amate le bambole di pezza non potrete più guardarle con uno sguardo carico d’emozione. Ricordate che per costruire la sua “bambola di pezza” il killer ha usato le parti anatomiche di ben sei cadaveri. Avete ancora lo sguardo carico d’emozione? Ragdoll, la vita dalla morte.

    Recensione completa sul blog Penna D'oro http://pennadoro.blogspot.it/2017/06/ragdoll-daniel-cole.html

    ha scritto il 

  • 4

    [BLOG] Il Bianco e il Nero. Emozioni di una Musa

    Una rag doll viene ritrovata nell'appartamento davanti a quello dove abita il Detective Wolf. Una strana coincidenza, come il fatto che la bambola composta da sei persone differenti, sembri puntare il ...continua

    Una rag doll viene ritrovata nell'appartamento davanti a quello dove abita il Detective Wolf. Una strana coincidenza, come il fatto che la bambola composta da sei persone differenti, sembri puntare il dito proprio verso l'appartamento dell'uomo.
    Una sfida personale? Di sicuro, l'artefice di quell'orrore, sa il fatto suo perché la polizia non trova nessun indizio.
    Sei cadaveri, di cui cinque da identificare perché uno, viene riconosciuto subito. La testa appartiene a Naguib Khalid, colui che Wolf voleva uccidere anni prima.
    A complicare le cose, arriva anche una lista composta dalle future vittime di questo nuovo assassino. Nome ed ora sono segnate, come a voler sbeffeggiare le persone incaricate al caso.
    Tanti dettagli ma nessun filo comune. Cosa vuole da loro? Perché è così determinato a voler Wolf vicino a se? Perché proprio quelle persone?

    Questo libro, potrebbe vincere anche solo per la copertina.
    Semplice ma di effetto, rappresenta a meraviglia la storia che Daniel Cole ci racconta.

    Un caso difficile e apparentemente impossibile da risolvere, dove vengono coinvolti molti personaggi a livelli differenti. Per tutto il tempo, ci chiediamo quale sia il filo comune perché gli omicidi sono così perfetti che la pianificazione deve avere un motivo.
    L'assassino è determinato e deve aver le sue ragioni. L'unica cosa certa è che Wolf è la chiave di tutto, è il cardine di quell'intricato puzzle che nessuno riesce a visualizzare.

    Ci sono dei dettagli molto elementari, cose che si vedono spesso nei telefilm e che quindi, permettono di conoscere in anticipo le vicende ma altre cose, sono dei colpi di genio.
    Lo smalto? Un dettaglio apparentemente insignificante che però è... spettacolare.
    La telefonata al diavolo è invece un colpo da maestro che mi ha fatto impazzire dalla gioia! (Detta così, sembro una matta ahahahah)
    Un mix equilibrato di cliché e colpi di scena che mi hanno catturato all'istante e che mi hanno obbligato a fare le ore piccole per capire come sarebbe andata a finire.

    I personaggi mi sono piaciuti tutti, nessuno escluso.
    Tutti dal carattere diverso, divertenti e permalosi ma con le balle cubiche, tutti apparentemente invincibili ma fatti di difetti, tutti fortemente umani.

    Il finale del libro però, lascia uno spiraglio per un secondo capitolo e la cosa mi esalta perché ammetto di non volermi separare definitivamente da questo gruppo.

    Daniel Cole è letteralmente decollato nell'olimpo degli scrittori da stalkerare, per non perdersi nemmeno un'aggiornamento.

    ha scritto il 

  • 2

    Forse sarebbe meglio tacere e mettere una pietra sopra a questo libro !
    Mai letto un thriller tanto confuso e caotico.
    Come quasi sempre,è finito lasciando un sacco di cose in sospeso.
    A volte ho il f
    ...continua

    Forse sarebbe meglio tacere e mettere una pietra sopra a questo libro !
    Mai letto un thriller tanto confuso e caotico.
    Come quasi sempre,è finito lasciando un sacco di cose in sospeso.
    A volte ho il feroce convincimento che per taluni autori , noi lettori
    siamo solo dei poveri imbecilli che si possono infinocchiare a piacere.
    Sconsigliatissimo,tempo perso,l'ho letto tutto solo perché speravo che nel finale il " grande " autore spiegasse alcune cose che non mi convincevano.
    Mi sa che neppure lui sapesse ormai districarsi dal casino di personaggi che aveva inserito

    ha scritto il